COLPI GRAFFIANTI

Le dichiarazioni più divertenti dei tennisti targate 2011
sabato, 31 Dicembre 2011

Il più delle volte una conferenza stampa di un tennista è tutto un: “è stato più bravo di me…il prossimo sarà un match duro…mi sento molto fiducioso per il prosieguo del torneo…”. Frasi già scritte e concetti espressi con variazioni sul tema pari a zero, che hanno alla lunga un vero e proprio effetto narcolettico. Ma il protocollo del tennis professionistico prevede il quotidiano incontro con la stampa, inevitabile patibolo per i giocatori che preferirebbero il più delle volte darsi racchettate sui denti pur di non rispondere all’ennesimo “come giudichi la tua prestazione odierna?”. E quando i “boia” con taccuino e penna a stilo azzardano qualche domanda fuori dagli schemi, apriti cielo. L’interrogato mette il broncio o alle brutte risponde a mezza bocca, non regalando quasi mai un sorriso all’intervistatore. Per lo più delle volte, una conferenza stampa post gara si riassume così.

Spesso poi si dice che il tennis contemporaneo ha tanti talenti dentro il campo quanto pochi personaggi fuori dal rettangolo di gioco. Imitazioni e gag di Nole a parte, sono pochi quelli che escono dalle righe ingessate del canovaccio post partita. In realtà, il circo del tennis è pieno zeppo di ragazzi e ragazze davvero divertenti e pronti alla battuta, e serve solo un po’ di pazienza e un orecchio affinato per catturare affermazioni (in)volontariamente comiche dei beniamini della racchetta.

L’emittente televisiva sportiva statunitense ESPN ha raccolto per gli ultimi giorni dell’anno le migliori dichiarazioni dei tennisti nell’arco della stagione trascorsa. Dai pensieri di ritiro di Andy Roddick (“penso che si dovrebbe andare in pensione) alle rivelazioni sulle abitudini alimentari di Tipsarevic, molto meno complicate del suo più vincente connazionale (sono glutine tollerante…) il 2011 ha regalato delle chicche gustose, che smorzano la tensione e ci fanno apprezzare i tennisti anche per la loro verve senza la racchetta in mano.

Risulta allora geniale il commento di un malaticcio Andy Murray a Parigi, “più pieno di pastiglie di Ozzy Osbourne“, mentre Maria Sharapova giustificava così un suo ruzzolone sulla terra del Foro Italico: “pensavo di essere su una scogliera, ma mi ero dimenticata che sotto non c’era l’acqua”. Un’orgogliosa Marion Bartoli ha difeso la sua categoria ricordando che “anche se non ci chiamiamo Serena o Venus Williams, sappiamo anche noi giocare a tennis“, mentre Rafael Nadal ha mostrato la sua modestia con “non sono il miglior giocatore della storia, ma penso di essere tra i migliori. E questo è abbastanza per me“. Se qualcuno poi pensava che le doti atletiche sovrumane di Gael Monfils fossero il risultato di un morso di un ragno geneticamente modificato si è dovuto ricredere quando il francese ha precisato che “non sono un X-Man. Quando sono caduto sono rimasto 30 secondi dolorante”.

In un ambiente dove tutti si sforzano di essere amici, le autentiche rivalità non tardano però ad uscire allo scoperto. E quando si subiscono certe giocate (come la risposta di Djokovic sul match point della semifinale degli Us Open) anche un signore come Roger Federer può perdere le staffe: “solo nella categoria juniores mi ricordo di giocatori che, sotto 5-2, cominciavano a tirare a occhi chiusi…altro che fiducia nei propri colpi (di Novak)”. Ma la palma della risposta più piccata se l’aggiudica senza ombra di dubbio la già citata Sharapova che, dopo essersi presa la rivincita con Andrea Petkovic a Miami, commentò la prestazione dell’avversaria con: “credo che si era stancata, con tutto quel ballare…“.


Nessun Commento per “COLPI GRAFFIANTI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ASPETTANDO GLI US OPEN… Ormai manca pochissimo all'inizio della 134esima edizione degli Us Open. In attesa del fischio d'inizio guardiamo cosa combinano Milos Raonic, Maria Sharapova, Serena Williams e Novak Djokovic...
  • E LA CHIAMANO ESTATE Dopo le Olimpiadi, il mondo del tennis non va in vacanza, ma si sposta in America, per la classica stagione sul cemento. Si parte dal Canada per arrivare a New York, passando per […]
  • ALTEZZE DIVERSE, IL TENNIS IN SOLDONI Na Li è pronta a diventare il testimonial prediletto del tennis femminile, mentre la Hingis mantiene un basso profilo sulla sua presenza a Londra 2012. Intanto Federer sta per raggiungere i 30...
  • US OPEN, ECCO GLI OUTFIT DEI TENNISTI Roger Federer, Maria Sharapova, Novak Djokovic, Serena Williams: ecco cosa vedremo addosso ai più grandi campioni del tennis che tra poche ore si daranno battaglia nell'ultimo Slam […]
  • CEMENTO AMERICANO, COSA BOLLE IN PENTOLA TENNIS - Si alza il sipario sulla stagione del cemento americano. Tra campioni in carica, lotte al vertice e nuove leve oramai pronte al definitivo salto di qualità ci aspetta un 2014 a […]
  • GRAND SLAM TENNIS 2, SIMULAZIONE E DIVERTIMENTO Grand Slam Tennis 2 rappresenta la risposta di EA Sports a Top Spin 4 e Virtua Tennis 4. Ottimo mix tra realismo e divertimento, ha il chiaro obiettivo di assumere una posizione di rilievo […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.