AUGURI A LEA “DIVINA” PERICOLI

L’ex tennista compie oggi 77 anni. Ripercorriamo insieme le tappe della vita e della carriera della straordinaria campionessa, ora stimata e apprezzata scrittrice
mercoledì, 21 Marzo 2012

Tanti auguri a Lea Pericoli. L’ex tennista italiana, anche se l’età di una signora non andrebbe mai rivelata, compie oggi 77 anni.

Carriera. Campionessa d’Italia dal 1958 al 1975, con 264 presenze in nazionale e 30 Federation Cup, Lea ha contribuito alla diffusione del tennis nel nostro Paese. Sui campi nazionali la Pericoli ha dominato come nessun altro tennista conquistando 27 titoli assoluti. Soltanto Nicola Pietrangeli, pur essendo più forte a livello internazionale, si è avvicinato al suo record di campionessa italiana con 24 titoli.

Nei tornei del Grande Slam ha raggiunto gli ottavi a Wimbledon (1965, 1967, 1970) e al Roland Garros (1955, 1960, 1964, 1971), dove è arrivata in semifinale nel doppio. A Montecarlo ha ottenuto tre vittorie in singolare, cinque in doppio e tre in misto. Ha inoltre vinto il titolo ai tornei di: Cairo, Casablanca, Beiruth, Istanbul, Atene, Baastad, Mosca e Lugano, oltre a moltissimi eventi italiani dell’epoca. In doppio con Silvana Lazzarino ha disputato cinque finali al Foro Italico, e ha raggiunto le semifinali del Roland Garros. Si è inoltre affermata nel Hyliffe Thrope, campionato di doppio per nazioni, con tre vittorie consecutive e cinque in totale. In carriera ha sconfitto giocatrici del calibro di Sherley Bloomer, Karen Susman, Anne Haydon, Francois Durr e Billie Jean King.

Di seguito un video con alcune immagini di Lea in azione sul campo da gioco

Soprannominata “La Divina” dal giornalista Giorgio Bellani e da Fausto Gardini, che la iscrissero a sua insaputa alle selezioni di Miss Italia a Cortina, Lea vinse il titolo di Miss Cinema Cortina e fu invitata alle finali di Miss Italia, alle quali però decise di non partecipare. Nel 1972 vinse poi il titolo di “Lady Milano”.

Nota per le sue mise stravaganti, come il pigiama di pizzo, le piume di struzzo, il gonnellino di visone, la sottanina di diamanti o il gigantesco nodo di Chanel, Lea ha indossato ogni abito con grazia ed eleganza. I suoi vestiti, disegnati da Ted Tinling, si trovano oggi al Victoria Albert Museum di Londra, mentre al Museo di Wimbledon sono conservate le immagini delle celebri coulotte di pizzo, opera dello stilista inglese, per le quali i cronisti dell’epoca scrissero: “Lea’s kick is chic!” (Il tiro di Lea è chic!).

Ma Lea Pericoli non è solo una tennista. Dopo il gioco la milanese si è dedicata alla scrittura e al giornalismo, lavorando per Il Giornale di Montanelli dall’anno di nascita del quotidiano, il 1974. Nel 1976 è diventata la prima telecronista donna della storia della televisione italiana, ma ha anche condotto programmi televisivi lontani dal mondo del tennis, come “Caccia al Tesoro” su Rai1 e “Paroliamo” su Tmc, e realizzato i programmi “Moda Boom” e “Monaco mon amour”. Ha anche lavorato per la Televisione Svizzera come telecronista e come conduttrice di programmi di moda andati in onda la domenica in prima serata. Ha vinto un Telegatto con il programma radiofonico “Carta Bianca”, condotto con Rivera e Pietrangeli. Lea è anche stata protagonista di un telefilm per RaiDue intitolato “Polvere di Stelle”.

Dagli anni 80 Lea è maestra di cerimonie al Foro Italico, dove conduce le incoronazioni di campioni e campionesse, inoltre nel 2004 il Presidente della Fit Angelo Binagli l’ha nominata Ambasciatrice del tennis femminile. L’anno successivo la Pericoli ha ricevuto dall’ITF (la Federazione Internazionale) il premio speciale “Service to the game” riconoscimento che per la prima volta nella storia del tennis è stato assegnato a una donna. Nel 2007, durante la finale di Fed Cup a Mosca, l’Itf le ha anche attribuito l’ “Award of Excellence” per “il significativo contributo al successo della Coppa Davis Femminile”.

La malattia e la solidarietà. Nel 1973 Lea fu colpita da un carcinoma: a sei mesi dall’operazione chirurgica tornò in campo e conquistò il titolo italiano. Da quel momento la Pericoli è diventata testimonial della Ricerca sul Cancro e della Lega Italiana per la lotta contro i Tumori. Da 35 anni raccoglie fondi per aiutare i bambini colpiti dal cancro e grazie a questo impegno sono nate a Milano case di accoglienza che ospitano gratuitamente i genitori quando i piccoli malati devono subire le cure di chemioterapia.

Libri. Nel 1976 Lea scrisse il suo primo libro: Questa bellissima vita (La Sorgente) vincendo il secondo premio al Bancarella Sport. Tra le sue pubblicazioni successive: C’era una volta il Tennis. Dolce vita, vittorie e sconfitte di Nicola Pietrangeli (2007), libro dedicato al grande amico Nicola Pietrangeli e vincitore del premio Gianni Brera,Maldafrica (2009) che ha ottenuto il secondo posto al Bancarella Sport e il Premio Letterario del Coni, e L’angelo capovolto (2011). Quest’ultimo lavoro, presentato al Coni lo scorso dicembre, è una serie di racconti che comincia con un angelo bianco che cade giù dal cielo e resta impigliato ad un albero di eucalyptus, a 2000 metri su un altipiano in Etiopia. Un angelo che “lassù” non aveva nessun problema, né fame, né sete, né sonno ma arrivato sulla terra deve fare i conti con tutto questo. Lo aiuta un bambino nero che gli insegna la difficile “arte di vivere” in mezzo alle perfidie del mondo, un mondo “spersonalizzante”. L’Africa torna spesso nei libri di Lea: l’ex tennista ha infatti vissuto la sua giovinezza nell’Africa Orientale Italiana abitando in Etiopia, Eritrea, Kenya e Somalia. Ha imparato a giocare a tennis da bambina nel giardino della sua casa di Addis Abeba e ha vinto i primi titoli juniores a Nairobi, dove studiava in un collegio inglese.

“L’Africa – ha dichiarato Lea – è nel mio cuore non solo con la melanconia per un mondo scomparso, quello delle colonie. Lo splendore degli altipiani d’Etiopia, le immense distese di sabbia, le foreste di eucalyptus, è un mondo speciale che aiuta a riscoprire il gusto delle cose semplici. Un gusto che ormai si sta perdendo, giorno dopo giorno, proprio a causa dell’indifferenza, dell’incomunicabilità”.

Tanti auguri Divina!


Nessun Commento per “AUGURI A LEA “DIVINA” PERICOLI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • NICOLA PIETRANGELI. NON SI VIVE DI SOLO TENNIS L’icona vivente del tennis e dello sport italiano è nata a Tunisi 82 anni fa. Nick ha saputo vestire i panni del player-entertainer in un epoca in cui lo sport e l’intrattenimento erano […]
  • C’ERA UNA VOLTA UN’OASI DI TENNIS La triste vicenda dello storico Circolo Tennis di Via Como a Roma dove giocarono anche Nicola Pietrangeli e Lea Pericoli, oggi inghiottito dal cemento e abbandonato al degrado. L'appello […]
  • IL FORO ITALICO, FASCINAZIONE E… ILLUSTRI PASSEGGIATE Arrivano gli Internazionali Bnl d'Italia 2015. Domani (8 maggio) l'udienza papale, il sorteggio e la cerimonia inaugurale. Oggi, invece, tutti a fare 4 passi sulla Walk Of Fame
  • BUON COMPLEANNO “DIVINA” LEA PERICOLI Una vita splendida quella della bandiera del tennis femminile italiano. Per lei una serie importante di vittorie in Italia e buoni risultati anche all’estero. Poi una seconda era di […]
  • L’ANIENE CONQUISTA GENOVA E SI VESTE DI TRICOLORE Il Circolo di Giovanni Malagò espugna il 105 Stadium al doppio di spareggio e riporta lo scudetto del tennis nella Capitale dopo quattro anni. Nel femminile il TC Prato manca il bis […]
  • INTERNAZIONALI: SORTEGGIO CON SORPRESA All'ombra della statua di Marco Aurelio, in Campidoglio, si è svolto il sorteggio della 71.ma edizione degli Internazionali d'Italia di tennis. Presenti Camila Giorgi, Filippo Volandri, […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.