COPPA BELARDINELLI, LA PRIMA VOLTA DELLA SICILIA

La rappresentativa siciliana under 13 trionfa nella 17.ma edizione della Coppa Mario Belardinelli battendo nella finale di Serramazzoni i pari età della Toscana. La soddisfazione del Presidente Palpacelli: “Un risultato storico per il tennis siciliano, frutto del grande lavoro di atleti, maestri e Circoli”

Messina   –   La  Sicilia  sale  sul  tetto  d’Italia  con  la  sua  prima  storica  affermazione  nella  Coppa Mario Belardinelli,  la  prestigiosa  competizione  a  squadre  per  rappresentative  regionali  riservata  alle  categorie  Under 12-13.  Un trionfo  che  premia  ancora  una  volta  il  tennis  siciliano,  protagonista  negli  ultimi  anni  di  una  continua  crescita  e  capace  ora  di  primeggiare  nella  rassegna  intitolata  alla  figura  di  colui  che  firmò  in  qualche  modo  l’unica  Coppa Davis  azzurra  nel  1976  in  Cile.  Belardinelli  allenò  infatti  il  mitico  quartetto  formato  da  Adriano  Panatta,  Corrado  Barazzutti,  Paolo  Bertolucci  e  Tonino  Zugarelli  affidandolo  poi  al  capitano  Nicola  Pietrangeli.

 La  17.ma  edizione  del  trofeo  che  ne  omaggia  la  memoria  è  andata  in  scena  sui  campi  del  Centro  Estivo  Fit  di  Serramazzoni,  in  provincia  di  Modena.  L’impresa  della  rappresentativa  siciliana  porta  la  firma  dei  giovanissimi   Anastasia Abbagnato, Gabriele Bombara, Simone Bono, Sara Botindari, Chiara Gerbino, Giulia Paternò, Gabriele Piraino, Fausto Tabacco, Giorgio Tabacco, Giulia Tedesco  e  Leonardo Gagliani,  guidati  dai  maestri  Gino  Visalli Germano  Di Mauro.  Una  formazione  che  ha  avuto  nei  due  fratelli  Tabacco  del  Tennis  e  Vela  di  Messina  i  suoi  punti  di  forza  maggiori,  con  Fausto  trascinatore  nei  match  di  doppio  in  coppia  con  l’altro messinese  Bombara  e  Giorgio  implacabile  nei  singolari.  

Dopo  le  vittorie  agevoli  su  Trentino  e  Marche,  le  racchette  siciliane  hanno  superato  il  Lazio  al  super  tie-break  in  una  semifinale  giocata  sul  filo  dell’equilibrio.  In  finale  i  ragazzi  guidati  da  Visalli  e  Di Mauro  si  sono  ritrovati  di  fronte  i  pari  età  della  Toscana,  capaci  di  eliminare  la  favorita  Lombardia  reduce  da  due  successi  consecutivi.  Al   termine  di  un  match  spettacolare  e  dagli  alti  contenuti  tecnici  è  stato  il  punto  firmato  nel  doppio  decisivo  dal  duo  Tabacco-Bombara  a  regalare  la  Coppa  alla  Sicilia.  Le  altre vittorie  nella  finale  con  i  toscani  erano  arrivate  nei  singolari  grazie  a  Simone Bono,  Giulia  Tedesco  Giorgio Tabacco.  Il  dodicenne   messinese   è  stato  incoronato  miglior  giocatore  del  torneo,  ennesima  conferma  di  un  talento  sopra  la  media  dopo  l’esperienza  al  Roland  Garros  under  13  come  rappresentante  dei  colori  azzurri  nella  Longines   Future  Tennis  Aces  e  i  ripetuti  titoli   nazionali  a  livello  individuale  – l’ultimo conquistato  pochi  giorni  fa  sui  campi  del  TC Bonacossa  di  Milano  nell’under  12  maschile  singolare  e  doppio.  

Il  Presidente  Gabriele  Palpacelli  non   ha  ovviamente  mancato di  esprimere  tutta  la  sua  soddisfazione per  la  prima Coppa Belardinelli  conquistata  dalla  Sicilia:  “Questo risultato non arriva per caso –  ha  commentato  il  numero  uno  del  Comitato Regionale Siciliano –  è  frutto del grande lavoro svolto in questi anni dai ragazzi, dai loro maestri e dai circoli, coordinato dal nostro Settore Tecnico Regionale  guidato da Tanino Alfano. La nostra regione si colloca ai vertici del tennis giovanile e per questo magnifico risultato, che ci riempie d’orgoglio, desidero ringraziare tutte le componenti del tennis siciliano che ho l’onore di guidare”. 

La  Sicilia  è  ancora  protagonista  in  queste  settimane  con  il  primo  Torneo Internazionale Juniores  Città di Palermo –  una  manifestazione che  segna il ritorno dopo molti  anni  di  una  prova  giovanile  internazionale  sui  campi  del prestigioso  impianto  del  capoluogo  isolano –  e  con  i  Campionati  regionali  under 14  maschile e  femminili  in  corso  fino  al  20  settembre  al TC Messina.

Nella foto:  la  rappresentativa siciliana under 13 vincitrice  della  17.ma Coppa Belardinelli

 


Nessun Commento per “COPPA BELARDINELLI, LA PRIMA VOLTA DELLA SICILIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • MARIO BELARDINELLI, IL PADRE DEL TENNIS ITALIANO Nasceva 96 anni fa Mario Belardinelli. Maestro di tennis del Duce, ha cresciuto a Formia Panatta, Bertolucci, Zugarelli e Barazzutti, che nel '76 gli regaleranno la Davis.
  • I DIRIGENTI SICILIANI SI AGGIORNANO A MESSINA Il Palacultura di Messina ha ospitato il primo Seminario rivolto ai dirigenti dei Circoli, un'iniziativa della Fit in collaborazione con l'Istituto Superiore di Formazione "Roberto […]
  • IL “CITTA’ DI FRASCATI” SI E’ RIPRESO LA SCENA Dopo cinque anni il New Country Club è tornato a ospitare il Future antesignano dei tornei internazionali in Italia. Tanto pubblico, bel tennis e finale tutta azzurra con Gianluca Di […]
  • LA SICILIA “PREPARA” I SUOI DIRIGENTI Il Palacultura di Messina ospiterà sabato 28 febbraio il primo Seminario per dirigenti FIT, un'iniziativa promossa dall'Istituto Superiore di Formazione "Roberto Lombardi" per favorire […]
  • LA FESTA DEL TENNIS PARIOLINO Il Club di Monte Antenne ha vissuto una giornata di festa insieme ai suoi soci, alle vecchie glorie che hanno difeso i colori biancoverdi e alle due formazioni che lo rappresentano in […]
  • UN CAMPIONE PER AMICO Presentata al Circolo Canottieri Aniene la 13.ma edizione dell'evento promosso da Banca Generali e patrocinato dal CONI. Si parte oggi al Circo Massimo, prima tappa di un tour che come […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.