COPPA DAVIS: ADDIO AI MATCH MARATONA?

Dopo lo storico match tra Mayer e Souza, durato sei ore e 42 minuti, starebbe per arrivare l’epocale decisione di introdurre il tiebreak anche nel quinto set. Ad annunciare la svolta, che dovrebbe essere ratificata a settembre ed entrare in vigore dall'edizione 2016 della Davis, è il Presidente della Itf Francesco Ricci Bitti
domenica, 29 Marzo 2015

TENNIS – Un record storico, come volàno per un cambiamento epocale. Dopo l’incredibile partita di Coppa Davis di Buenos Aires, conclusasi dopo sei ore e 42 minuti di gioco, con la vittoria dell’argentino Leonardo Mayer sul brasiliano Joao Souza per 7-6 7-6 5-7 5-7 15-13, la Federazione Internazionale starebbe per prendere la storica decisione di abolire il long set ed introdurre il tiebreak anche nel parziale decisivo. Una riforma del genere segnerebbe la fine delle maratone in Coppa Davis ed impedirebbe la ripetizione di match epici come quello tra Mayer e Souza, il secondo più lungo nella storia del tennis, dopo l’inarrivabile Isner – Mahut di Wimbledon 2010, durato undici ore e cinque minuti. Una partita che ha fortemente “segnato” anche il vincitore Mayer, costretto a rinunciare al torneo di Indian Wells a causa dei postumi di quella maratona e tornato in campo soltanto a Miami, 19 giorni dopo l’incredibile sfida con Souza.

Ad annunciare la possibile rivoluzione regolamentare, che entrerebbe in vigore dalla prossima edizione della massima competizione a squadre del tennis mondiale, è il Presidente della Itf, l’italiano Francesco Ricci Bitti: “L’idea è quella di introdurre il tiebreak anche nel quinto set a partire dal prossimo anno”, ha detto il massimo rappresentante della Federazione Internazionale in un’intervista telefonica con il giornale argentino “La Nacion”. “Giocare partite di sette ore può essere affascinante per i giornalisti, ma non è così per i giocatori. Prenderemo presto una decisione”. L’idea di Ricci Bitti dovrà essere approvata dall’assemblea generale che si terrà a settembre a Santiago del Cile, ma tutti sembrano essere d’accordo, anche lo spagnolo Juan Margets, vice presidente della Itf e probabilissimo successore di Ricci Bitti, che dopo 16 anni lascerà la carica di massimo rappresentante del tennis mondiale. “Quattro anni fa tutti mi dicevano no, no, no, ma ora finalmente sembra esserci l’unanimità per giungere a questo cambiamento”, ha dichiarato Margets. “Quando nel 2010 ci fu il 70-68 tra Isner e Mahut, si parlò soltanto dell’eccezionalità del record, ma io cercai di mettere in guardia tutti, avvertendo che se un evento simile si fosse verificato in una semifinale di slam, poi il vincitore non sarebbe stato in grado di giocare la finale, rovinando sostanzialmente il torneo”.

Il comitato che sarà chiamato a ratificare quella che sembrerebbe essere una decisione già presa è composto da sette persone, tra i quali anche l’argentino Armando Cervone, presidente della Federazione albiceleste, da molti indicato come propulsore della riforma, avendo vissuto in “prima persona” lo storico match tra Mayer e Souza. Ricci Bitti ha però smentito il ruolo decisivo dell’Argentina in questa svolta epocale: “Nessuna federazione ha proposto nulla. L’idea di riformare il regolamento e introdurre il tiebreak nel quinto set era già sul nostro tavolo da quattro anni”. La riforma sembrerebbe dunque essere ormai cosa fatta, anche se per avere la ratifica ufficiale dovremo aspettare settembre. Chissà  che dalla Coppa Davis, non arrivi la spinta decisiva per condurre anche Australian Open, Roland Garros e Wimbledon a introdurre il tiebreak nel set decisivo. Il quarto slam, lo Us Open, invece, com’è noto, è l’unico major ad adottare già questa norma.

Nella foto, la gioia di Leonardo Mayer, dopo la vittoria nella maratona contro Souza (La Nacion).


Nessun Commento per “COPPA DAVIS: ADDIO AI MATCH MARATONA?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • DAVIS: MAYER-SOUZA, STORIE DI RECORD La sfida tra argentino e brasiliano ha battuto il primato della durata, precedentemente detenuto dal match di Davis 1982 tra McEnroe e Wilander. Ancora lontano il memorabile Isner-Mahut, […]
  • ALBERT COSTA: “NADAL CI DARÀ UNA MANO CON LA NUOVA DAVIS” Albert Costa ritiene che i prossimi mesi saranno utili ad accrescere il prestigio della nuova Coppa Davis
  • COPPA DAVIS: DAL 2016 TIEBREAK NEL QUINTO SET Svolta epocale per il tennis e per la Coppa Davis in particolare. A partire dall'edizione del 2016, verrà introdotto il tiebreak decisivo nel quinto set. La decisione nel meeting annuale […]
  • SERENA 50 ALLA QUARTA, MAI NESSUNO COME LEI Contro la Azarenka, Serena Williams ha raccolto la cinquantesima vittoria al Roland Garros. L’americana ha vinto 50 partite in tutti e quattro gli slam. Nessuna prima di lei aveva fatto altrettanto
  • COPPA DAVIS, NON SOLO KAZAKISTAN – ITALIA Nel weekend di Coppa Davis scendono in campo tutti gli incontri di ottavi di finale. Tra incroci infuocati e assenze eccellenti, ecco la presentazione di tutti i match del primo turno […]
  • L’ITALIA ANDRÀ IN KAZAKISTAN Coppa Davis: la nazionale capitanata da Barazzutti è stata abbinata al Kazakhstan negli ottavi di finale del World Group della Coppa Davis 2015. Il sorteggio regala il fattore campo ai kazaki.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.