COPPA DAVIS: PER L’ITALIA C’È LA CROAZIA

Sarà la Croazia di Marin Cilic e Ivo Karlovic l'avversaria dell'Italia nel primo turno del Gruppo Mondiale della Coppa Davis 2013. Ci è andata bene, perchè si tratta di una formazione alla nostra portata, che avremo la possibilità di affrontare in casa
mercoledì, 19 Settembre 2012

Londra (Gran Bretagna). L’urna della Coppa Davis ci ho sorriso ancora. Dopo averci accoppiato al Cile per lo spareggio valevole la permanenza nel Gruppo Mondiale, il sorteggio del primo turno del 2013 (effettuato in mattinata alla sede londinese della Bnp Paribas) ha decretato che la nostra avversaria sarà la Croazia. Di meglio si poteva pescare solamente il Kazakistan, che però nascondeva l’incognita di una possibile trasferta su un campo sicuramente velocissimo, mentre contro Marin Cilic e compagni non ci sono dubbi. Giocheremo in casa, e – viste le caratteristiche degli avversari – sicuramente sulla terra battuta, la superficie a noi più congeniale e a loro più avversa. L’ideale sarebbe giocare all’aperto, ma già qui sorge un interrogativo. A febbraio ci saranno le condizioni ideali per giocare fuori? O dovremmo per forza ospitare i croati all’interno di un palazzetto? Sarebbe terra in ogni caso, ma tra indoor e outdoor c’è parecchia differenza, e più il campo sarà rapido più i rivali ci creeranno problemi. Ma anche se si giocherà fuori, e su un campo particolarmente lento (in modo da disinnescare le bordate dei rivali), è presto per dire che partiremo favoriti.

Certo, Cilic non è imbattibile, ma i precedenti (e pure ranking e risultati) dicono che è superiore sia ad Andreas Seppi che a Fabio Fognini, e non sarebbe una sorpresa vederlo portare ai suoi entrambi i punti. Gli altri due singolaristi croati invece non ci possono spaventare. Sulla terra all’aperto (e specialmente al meglio dei cinque set) Ivo Karlovic è un pesce fuor d’acqua, mentre Ivan Dodig (seppur qualche acuto l’abbia avuto anche sul rosso) ha un tennis troppo poco costante per impensierire i nostri sui campi lenti. Già da subito si può quindi intuire che, a meno di sorpresa nei match di Cilic, diventerà fondamentale il doppio. Lo stesso doppio che ci è già costato caro in entrambi i precedenti – persi – contro i croati (3-2 al Foro Italico nel 2001 e 3-2 a Dubrovnik nel 2008)  e che non ci vede messi affatto bene. I nostri han rimediato una magra figura pure contro il modestissimo Cile, e se si vorrà essere competitivi nel World Group è necessario trovare una coppia che giochi costantemente insieme, già a partire dalle prossime settimane.

Spesso, ancor più del reale livello di gioco, negli incontri di coppia (e ancor di più a squadre) conta l’affiatamento, e l’unico modo per migliorarlo è giocare il più possibile. Il duo migliore, anche alla luce del fatto che Potito Starace non è più quello di una volta e difficilmente si presenterà a febbraio con una classifica migliore di quella attuale, sembrerebbe quello composto dallo specialista Daniele Bracciali (che deve giocare assolutamente) e Simone Bolelli. L’emiliano è in netta ripresa negli ultimi tempi, ed è tornato ad avere una classifica che per un po’ gli permetterà di giocare sempre nel circuito maggiore. La possibilità di allenare il doppio con Bracciali quindi c’è, ma non spetta solamente a loro decidere, e la scelta di Barazzutti di affiancargli Seppi contro il Cile lascia intendere che il capitano azzurro non la pensa come noi. Ma forse, dopo la brutta prestazione di Napoli, anche lui ha cambiato idea. In caso di vittoria con la Croazia ci troveremmo poi di fronte (ancora in casa) la Spagna, che non dovrebbe avere troppi problemi all’esordio in Canada. Contro l’armada giallorossa le nostre speranze sarebbero ridotte al lumicino, ma quello che conta, almeno per ora, è passare il primo turno. Non vinciamo un incontro nel World Group dal lontano 1998 (anno della nostra ultima finale), ed è giunto il momento di tornare a farlo.

Queste le altre sfide del World Group 2013: Canada-Spagna, Belgio-Serbia, Stati Uniti-Brasile, Francia-Israele, Argentina-Germania, Kazakistan-Austria, Svizzera-Repubblica Ceca.


Nessun Commento per “COPPA DAVIS: PER L'ITALIA C'È LA CROAZIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • APRE FOGNINI-CILIC, O FORSE NO Arriva la Coppa Davis. Siamo alla vigilia dell’incontro di primo turno del World Group tra Italia e Croazia. Fognini sarà il primo a scendere in campo ma è febbricitante e la sua presenza […]
  • COPPA DAVIS, CONTRO LA CROAZIA MISSIONE POSSIBILE Annunciati i convocati per il primo turno del World Group: sono Seppi, Fognini, Lorenzi e Bolelli. Per la Croazia Cilic, Dodig, Veic e Pavic. I quarti sono un traguardo raggiungibile.
  • CONTRO LA CROAZIA PER RISORGERE Non vinciamo una partita nel World Group dal 1998, dal 2000 ne siamo usciti e ci sono voluti 12 anni per risalire. Contro i croati possiamo farcela. E proseguire la corsa verso la […]
  • TUTTO SECONDO PRONOSTICO, E ORA? Archiviata con qualche difficoltà di troppo la sfida con il Cile, è tempo di guardare al World Group 2013, in attesa del sorteggio di mercoledì. Non essendo fra le teste di serie […]
  • LORENZI: “STANCHEZZA ED EMOZIONE” Le dichiarazioni degli italiani dopo la prima giornata del week end di Davis. Seppi: “Sono stato bravo a rimanere aggressivo”. Soddisfatto il capitano Barazzutti: “Tutto secondo pronostico”.
  • FOGNINI: “LA VITTORIA PIÙ BELLA” Coppa Davis, finalmente quarti: la soddisfazione di Fabio Fognini e di tutto il team azzurro. Barazzutti: “I risultati stanno arrivando”. Seppi ancora deluso per la brutta sconfitta contro […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.