COPPA DAVIS: RIMONTA RUSSA, SPAGNA ALL’INFERNO

A Vladivostok la Russia di Tarpishev recupera uno svantaggio di 0-2, grazie ai successi di Donkskoy e del giovane Rublev, condannando la Spagna, per la prima volta capitanata da Conchita Martinez, a giocarsi lo spareggio per non retrocedere nel Gruppo 2 contro la Danimarca
domenica, 19 Luglio 2015

TENNIS – La leggenda dell’invencible armada roja è ormai soltanto un lontano ricordo. Dopo i mesi di polemiche per il ruolo di capitano affidato a Gala Leon e le sue successive dimissioni con il conseguente affidamento del ruolo alla capitana di Fed Cup, Conchita Martinez, il tennis spagnolo incassa uno dei colpi più pesanti della sua storia, perdendo a Vladivostok l’opportunità di andarsi a giocare lo spareggio per ritornare nel World Group di Coppa Davis. Privi di Nadal, Ferrer, Lopez e Verdasco, gli spagnoli si sono arresi alla Russia di Shamil Tarpishev, che ha avuto la meglio per 3-2, condannando la roja allo spareggio per evitare il gruppo 2, contro la Danimarca.

Eppure il weekend di Coppa Davis non si era messo per nulla male per gli spagnoli, che avevano chiuso il venerdì avanti 2-0, grazie alle nette vittorie di Tommy Robredo sul 18enne Andrey Rublev (6-2 6-3 6-3) e di Pablo Andujar su Karen Kachanov (6-3 6-3 6-2). Quando anche il doppio composto da Marc Lopez e David Marrero era avanti 2 set ad uno contro quello formato da Donskoy e Kravchuk, il tie sembrava decisamente indirizzato verso i ragazzi di Conchita, apparentemente troppo più forti dei giovani russi, a dispetto delle tante assenze. In quel momento però qualcosa si è come rotto: Lopez e Marrero hanno perso al quinto set (4-6 7-6 5-7 7-5 6-4) e la rimonta russa ha avuto inizio. Certo, la vittoria in quattro set (6-3 5-7 6-2 7-6) di Donskoy contro Robredo e quella nettissima del giovanissimo Rublev contro Andujar, 6-4 7-6 6-3, sono da giudicare come due grandissime sorprese, che gettano ancora più ombre su una situazione ormai insostenibile in seno alla Federazione iberica. La prima rimonta subita da un vantaggio di 0-2 nella storia della Davis spagnola, non può non essere interpretata come il risultato dei mesi di polemiche iniziate con la nomina di Gala Leon e culminate nei dissidi che hanno preceduto la sfida di Vladivostok, nella quale poi si sono registrate tutte le defezioni prestigiose dei tanti big spagnoli. Dallo spareggio con la Danimarca, dovrà necessariamente partire la rifondazione di un movimento, che rimane comunque una fucina inesauribile di buoni giocatori e che non può essere relegato a giocarsi uno spareggio per non retrocedere in terza serie. L’altra faccia della medaglia, è ovviamente la Russia, che lontana dagli splendori degli ultimi 15-20 anni, con un gruppo di giovani agguerriti è riuscita a ritagliarsi la chance per rientrare nell’elite del tennis mondiale, quando nessuno era pronto a scommettere su questa squadra.

Le altre due squadre qualificate per i playoff del World Group, che raggiungono la Colombia, che aveva strappato il pass in Marzo, sono Uzbekistan, vincente per 3-2 sulla Corea del Sud, grazie al successo di Istomin su Chung nel quarto incontro, e India, che con lo stesso punteggio ha rimontato la Nuova Zelanda, che si era portata sorprendentemente avanti 2-1 con il doppio di ieri. Decisive sono state le vittorie in tre set di Devvarman su Daniell e di Bambhri su Venus. In attesa di definizione Austria – Olanda (1-2), Romania – Slovacchia (1-2), Polonia – Ucraina (2-1) e Rep. Dominicana – Ecuador (2-1).

Articolo in aggiornamento   


Nessun Commento per “COPPA DAVIS: RIMONTA RUSSA, SPAGNA ALL'INFERNO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • GROUP ONE, CHE RIMONTA PER LA GRAN BRETAGNA TENNIS – Negli incontri che assegnavano i posti per i play off per il World Group 2014, grandissima impresa dei sudditi di Sua Maestà, che recuperano uno svantaggio di 0-2 contro la […]
  • DAVIS CUP, TURNI DI QUALIFICAZIONE: SPAGNA E SVIZZERA IN SCIOLTEZZA Gli iberici dominano l'Ucraina con le vittorie di Nadal e Verdasco, bene gli elvetici con Wawrinka e Chiudinelli. In vantaggio anche Olanda (2-0) e Israle (2-1).
  • IL WEEK END DEI PLAY-OFFS DI LUSSO TENNIS - Nadal e compagni vogliono rimanere nel World Group, ma c'è l'Ucraina. La Gran Bretagna di Murray attesa dalla grana Croazia. Australia- Polonia per gli appassionati del vintage […]
  • FED CUP, L’ITALIA PESCA GLI STATI UNITI La squadra italiana, dopo la debalce di Genova contro la Francia, viene sorteggiata contro il team delle sorelle Williams nello spareggio del 18 e 19 Aprile, valido per la permanenza nel World Group
  • FED CUP: AVANTI OLANDA, SVIZZERA E REPUBBLICA CECA Completato il colpaccio oranje a Mosca, le elvetiche passano con Hingis e Bencic, la Repubblica Ceca fa fuori la Halep. Salta il fattore campo negli altri tre quarti di finale
  • FED CUP, COLPO OLANDA A MOSCA Bertens ed Hogenkamp sorprendono la Russia, sotto 2-0 sul veloce indoor della capitale. Un punto a testa in Romania-Repubblica Ceca e Germania-Svizzera

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.