CORRADO BARAZZUTTI: “GRAZIE RAGAZZE, SONO STATO FORTUNATO”

Finisce l'era di Corrado Barazzutti. L'ex ct di Fed Cup si occuperà solo degli uomini di Coppa Davis e, in un'intervista a SuperTennis Magazine, ha voluto sottolineare come queste donne lo abbiano positivamente cambiato
venerdì, 7 Ottobre 2016

Tennis – E fu così che Corrado Barazzutti disse basta. Dopo 15 anni, 4 titoli in 5 finali e 36 presenze in panchina, non sarà più il capitano della Fed Cup, ma comunque resterà alla guida della nazionale di Coppa Davis. In un’intervista rilasciata a SuperTennis Magazine, l’ormai ex ct di Fed Cup ha parlato del suo addio.

Prima o poi avrei dovuto mollare, sono comunque un 63enne, ho dato il mio contributo per tanto tempo. Se avessi pensato a lasciare da trionfatore l’avrei fatto già dopo il primo successo o il secondo, invece questa decisione arriva al termine di un percorso, è fisiologica. Tutto termina. Terminerà anche il mio compito in Coppa Davis, anche se per ora il mio focus è lì: c’è ancora molto da fare”.

Al suo posto scenderà in campo Tathiana Garbin, l’azzurra ritiratasi nel 2011 con un best ranking da numero 22 del mondo: “Ovviamente non abbandonerò il mio successore, Tathiana Garbin, anzi, sarò vicino a lei, sempre pronto a dare un consiglio. Tati è la persona giusta. Sento che con le donne si deve aprire un nuovo percorso che ha come punti di riferimento Sara Errani e Karin Knapp, con sempre Roberta Vinci e Francesca Schiavone, se vorranno continuare. Dietro, bisogna lavorare per ricostruire la squadra con elementi giovani e Tati lo sta già facendo”.

Barazzutti lascia le donne per concentrarsi di più sugli uomini…”Ho sempre valutato gli atleti come atleti, senza distinzione di sesso, ma per quello che sono le loro difficoltà, i loro bisogni e le loro caratteristiche. Perché tutti siano sempre nelle condizioni ideali per rendere al meglio”.

Allenare un uomo o una donna non è la stessa cosa….“Io non ero arrivato a essere capitano della Nazionale donne da sprovveduto in materia: nel college che gestivo ho allenato alcune tenniste, fra cui, per due anni, Federica Bonsignori che è arrivata fra le prime 30 del mondo. Quindi, oltre a essere un ex giocatore, che conosce le esigenze dei giocatori, avevo idea di come si allena una donna e come ci si comporta. Ci ho aggiunto umiltà, mi sono messo a disposizione, ho cercato di ricucire certi rapporti, ho aperto ai coach. All’inizio, ho trovato situazioni molto diverse, da Silvia Farina e Rita Grande, che avevano un certo rapporto con la Federazione, alle sorelle Serra Zanetti che sono sempre state estremamente disponibili. E insieme abbiamo costruito il gruppo, arrivando poi a gestire giocatrici con personalità molto forti: abbiamo superato dure prove, ci siamo confrontati, ci siamo messi in discussione e, grazie a stima e rispetto reciproco, ci siamo capiti, e insieme abbiamo fatto quest’esperienza stupefacente, creando un gruppo straordinario di atlete straordinarie. Io sono stato fortunato, ho solo cercato di fare meno casini possibili”.

Cos’è rimasto quindi a Corrado Barazzutti di queste ragazze? “Intanto le ringrazio, tutte, per come sono cresciute, negli anni, tecnicamente ed umanamente. Poi sono loro grato per quello che hanno fatto e per la possibilità che mi hanno dato di partecipare ai loro successi, e di far parte di questo gruppo, cosa di cui sono onorato. Queste fantastiche ragazze hanno segnato la storia dello sport, non solo del tennis, italiano. Anzi, l’hanno proprio cambiata, ribaltando la consuetudine del nostro tennis che privilegiava quello maschile, spostando la bilancia dalla parte delle donne. Per me quest’esperienza è stata molto positiva e formativa, anche per il carattere: ora sono più disponibile e aperto. E anche di questo ringrazio questo fantastico gruppo di ragazze”.


Nessun Commento per “CORRADO BARAZZUTTI: "GRAZIE RAGAZZE, SONO STATO FORTUNATO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FED CUP: ITALIA-FRANCIA 1-1, BARAZZUTTI E’ SODDISFATTO Italia e Francia in perfetta parità dopo il primo giorno di giochi. Camila Giorgi sorride: "Una vittoria importante." Anche il capitano Corrado Barazzutti è soddisfatto: "Uno pari? Direi […]
  • GUAI AD ABBASSARE LA GUARDIA La sfida contro l'Ucraina non dovrebbe riservare sorprese, ma come ha sottolineato la squadra in Fed Cup si respira sempre un'aria particolare, quindi massima concentrazione in ogni match
  • PALERMO APRE LE PORTE ALLA FED CUP Presentata al Circolo Tennis di Palermo la semifinale di Fed Cup tra Italia e Rep Ceca che il capoluogo siciliano ospiterà il 20 e 21 aprile prossimi
  • FED CUP: PRIMA FRANCESCA, POI SARA Sarà la nostra Schiavone ad aprire la semifinale di Fed Cup tra Italia e Repubblica Ceca al via domani ad Ostrava. A seguire "Sarita" Errani affronterà la n.1 ceka Petra Kvitova
  • I RECORD La Megasport Arena ospita per la prima volta una competizione internazionale di tennis e di sicuro riserverà sorprese sia per le padrone di casa, sia per le ospiti italiane
  • CAMILA GIORGI PER SBANCARE OSTRAVA? Mancano 10 giorni alla semifinale di Fed Cup tra Rep.Ceca ed Italia. Per centrare la sesta finale in nove anni, le nostre dovranno vincere in casa delle ceche, impresa che non riesce a […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.