L’ECCELLENZA TENNISTICA DEL CT MAGLIE

Il Club salentino si è confermato una delle migliori realtà del panorama nazionale con la splendida promozione in Serie A1, riconquistata a distanza di un solo anno dalla retrocessione, e la permanenza in Serie B della formazione composta interamente da elementi del vivaio
giovedì, 8 Settembre 2016

Maglie (Lecce), Settembre 2016  –   Il  sogno Serie A1  per  il  Circolo  Tennis  Maglie  sarà  di  nuovo  realtà:  dopo la  storica  promozione  del  2013  e  due  campionati  di  grande  spessore  nella  massima  competizione  nazionale  a  squadre,  il  Club  salentino  si   è  guadagnato  nuovamente  il  dirito  a  essere  nell’elite  del  tennis  italiano.   Se  è  vero  che  la  prima  volta  non  si  scorda  mai,  anche  la  seconda  promozione  per  il  Sodalizio  del  presidente  Carlo  De  Iaco  è  stata  di  quelle  che  non  si  dimenticano.  Un  traguardo  ottenuto  a  passo  di  record,  dominando  il  Girone  2  della   Serie  A2  a  suon  di  6-0  e  chiudendo  da  imbattuto  con  il  doppio  successo  nel  play-off  decisivo  contro  il  CT Rovereto.

Numeri  da  grande  squadra,  forte  di  un  collettivo  vero  formato  da  Giorgio Portaluri, Erik Crepaldi  Francesco Garzelli,  i  vecchi  storici  che  inseme  al  capitano  Vittorio  Rubino  già  avevano  guidato  il  CT  Maglie  nella  scalata  dalla  Serie  D  alla  Serie  A1  dal  2003  al  2013.  A  essi  il  direttore  sportivo Antonio  Baglivo  ha  saputo  affiancare  negli  anni  la  qualità  e  l’esperienza  di  giocatori  con  ranking  ATP  come  l’argentino  Gaston  Grimolizzi,  il  tedesco  Peter  Torebko,  il  francese  Yannick  Jancovics  e  il  marocchino  Lamine  Ouahab.  Ultimi  degli  arrivi  è  stato  il  cileno  Hans  Podilpnik-Castillo,  ottimo  doppista  –  è  numero  65  del  mondo  –   e  punto  fermo  nella  Nazionale  di Coppa  Davis  capitanata  da  Belous  Prajoux.    Una  formazione  che  in  Serie  A2  ha  mostrato  evidentemente  di  valere  ben  più  del  campionato  cadetto  nel  quale  era  finita  al  termine  del  2015,  in  un  campionato  condizionato  dall’assenza  prolungata  dell’infortunato  Ouahab  e  culminato  con  l’immeritata  sconfitta  al  play-out  contro  il TC Sinalunga.  Un  concetto  che  il  direttore  Baglivo  ha  voluto  ricordare  a  margine  della  festa-promozione  dello  scorso  giugno  dopo  il  match  di  ritorno  contro  il  TC Rovereto: La  promozione  ottenuta  è la reazione positiva alla sconfitta di Sinalunga dell’anno scorso in A1 che aveva sentenziato la retrocessione in A2. In quel momento, vedendo alcuni ragazzi piangere per la delusione e per l’ingiustizia subita, avevo promesso a me stesso e alla squadra che saremmo risaliti subito in A1. Senza alcuna presunzione  –  ha  concluso  Baglivo  – posso  affermare  che  la  massima  Serie è il  palcoscenico  dove  meritiamo  di  stare.  La squadra è stata straordinaria nel centrare questo obiettivo,  fin  dalla  prima  partita  ha  avuto l’atteggiamento  giusto  per  conquistare  il  traguardo  che  ci  eravampo  prefissati. Ora  godiamoci  un  meritato  periodo  di  riposo e  poi  penseremo   a  puntellare  l’organico  per  la  prossima  stagione”.   

Per  via  del  cervellotico  regolamento  federale  il  CT Maglie  dovrà  però  aspettare  il  2017  per  riabbracciare  la  Serie A1  e  regalare  ai  suoi  appassionati  domeniche  di  grande  tennis  come  già  successo  negli  anni  scorsi,  quando  le  tribune  di  Via Madonna di Leuca  erano  sempre  gremite  all’inverosimile  per  sostenere  la  squadra  magliese.   Nel  frattempo  il  Club  salentino può  godersi  anche  l’impresa  della  sua  seconda  squadra  maschile,  composta  interamente  da  elementi  cresciuti  nel  Circolo,  capace  di  ottenere  la  permanenza  nel  campionato  di  Serie B.  Decisva  è  stata  la  vittoria  nel  play-out  contro  il  Forum Tennis  Forlì  grazie  alla  quale  i  ragazzi  capitanati  da  Mattia Leo  hanno   ottenuto  un  risultato  che  vale  come una  promozione.  “E’ un grande risultato che premia lo sforzo – ha  commentato  Antonio  Baglivo  – e  il  sacrificio dei  nostri  ragazzi  provenienti  tutti dal nostro vivaio .  Un successo  che  ci  riempie  di  orgoglio  e  che,  sommato  a  quello della  squadra  maggiore  promossa  in A1,   conferma il nostro circolo come tra i più importanti d’Italia”.

Nella foto,  la  festa-promozione  del  CT Maglie

 

 

 

 

 


Nessun Commento per “L'ECCELLENZA TENNISTICA DEL CT MAGLIE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • CT MAGLIE, LA FAVOLA CONTINUA Nella terza giornata della Serie A1 maschile il Club pugliese batte autorevolmente la SC Casale e domenica prossima è pronto a ospitare il Park di Seppi e Fognini per la super-sfida al […]
  • CT MAGLIE, LA SERIE A1 E’ TUA ! Al termine di una stagione da assoluta dominatrice la formazione maschile del Circolo salentino ha finalmente centrato l'obiettivo di entrare nell'èlite del tennis nazionale
  • IL MOMENTO D’ORO DEL TC PRATO Il Circolo di Via Firenze ha celebrato la promozione in Serie A1 della formazione maschile e potrà vantare per la prima volta due squadre nella massima categoria. Festa anche per le […]
  • IN CAMMINO VERSO IL TRICOLORE Il Circolo Canottieri Aniene arriva a punteggio pieno alla supersfida di domenica contro il TC Italia di Filippo Volandri, ultimo ostacolo per accedere alle semifinali-scudetto della Serie A1 maschile
  • CT MAGLIE, STAVOLTA E’ QUELLA BUONA Il Club salentino espugna Bergamo con un rotondo 5-1 nell'andata del play-off ed è a un passo dalla sospirata promozione in Serie A1 maschile
  • IL CANOTTIERI ANIENE VOLA A GENOVA PER LA GLORIA Il Circolo di Giovanni Malagò ottiene la terza finale negli ultimi cinque anni battendo un ottimo Park tradito però da Fognini. Nel weekend del 6 e 7 dicembre inseguirà il titolo al 105 […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.