DAVID FERRER: “IL RITIRO? AL MOMENTO NO MA…”

Il valenciano è stanco e, dopo le sconfitte subite a Rio, Buenos Aires ed Acapulco ha voglia di staccare la spina per un po'.
venerdì, 26 Febbraio 2016

TENNIS – David Ferrer, 34 anni tra pochi mesi ed attuale numero otto del mondo sta affrontando, forse per la prima volta, uno dei momenti più difficili della sua carriera. I motivi sono molteplici, alcuni anche logici, come la carta d’identità che non riesce più a mentire ed un gioco, quello del valenciano, da sempre molto dispendioso per energie fisiche e mentali.

Terminate da poco le fatiche in Messico, ad Acapulco l’iberico, che ha abbandonato la competizione già agli ottavi di finale per mano di Dolgopolov, è sembrato l’ombra di se stesso, stanco quasi più psicologicamente che fisicamente, quasi avesse bisogno di una pausa di riflessione, un momento per capire fin dove può ancora spingersi e fin dove dire basta. Nonostante i quarti di finale agli ultimi Australian Open, il 2016 non sta per nulla concedendo momenti di soddisfazione. Sconfitta in semifinale contro Nico Almagro in Argentina (Buenos Aires), sconfitta ai quarti in quel di Rio contro la rivelazione di questo scorcio di stagione, Dominic Thiem e, per l’appunto Acapulco.

“Non so cosa farò nelle prossime settimane. Adesso la cosa più importante è tornare a casa, ricaricare le batterie, e programmare con estrema calma i prossimi mesi scegliendo con accuratezza i tornei cui partecipare. Indian Wells? Non ho ancora sciolto le riserve, mi prenderò ancora qualche giorno per pensarci su, non posso certo pensare di giocare tutti i tornei in calendario, ci sarà qualche taglio. A volte bisogna anche fermarsi e godersi un attimo quanto di bello hai attorno come la famiglia”, ha detto ‘Ferru’ ad alcuni media presenti in aeroporto.

Tutte osservazioni che possono essere tranquillamente condivise per chi, come lui, viaggia ininterrottamente da oltre 16 anni tra i professionisti. Legittimo, dunque, che uno dei giocatori più affidabili, in termini di risultati, di tutto il circuito senta la necessità di staccare per un attimo la spina e valutare con calma il da farsi per non incappare in brutte e brucianti sconfitte. “Il tennis è la mia vita. Non potrei immaginare nulla senza una rete, un campo, ed una pallina da colpire ma gli ultimi mesi mi hanno fatto capire cose che, forse, preso dall’adrenalina della competizione, non riuscivo a cogliere”, ha concluso l’ex finalista Roland Garros nel 2013.

Che siano, queste, parole che possano preludere ad un ritiro imminente? Chissà, ma è lo stesso Ferrer ad addensare le nubi attorno al suo futuro: “Al momento sono stanco, molto stanco. Ritirarmi a breve? Non ne ho idea, non mi sono ancora posto questa domanda, quello che è certo è che farò serie valutazioni nei prossimi giorni”.


Nessun Commento per “DAVID FERRER: "IL RITIRO? AL MOMENTO NO MA..."”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.