DAVIS CUP, BARAZZUTTI: “PERSI MATCH CHE DOVEVAMO VINCERE”

Barazzutti amaro nei commenti post match: critica squadra e organizzazione, poco rispettosa verso i giocatori
giovedì, 21 Novembre 2019

Un’Italia deludente, che perde sia col Canada che gli usa per 2-1. Match che potevamo e dovevamo vincere, come afferma lo stesso capitano Barazzutti. Nelle sue parole delusione ma anche delle critiche, nei confronti dell’organizzazione.

Di questa Davis rimane un po’ di delusione. Abbiamo perso due match che si potevano vincere, molto equilibrati. Siamo andati vicini a vincere. I ragazzi hanno lottato con tutto quello che avevano, la prossima volta andrà meglio. In termini di organizzazione dovranno prepararsi a fare delle piccole modifiche. C’è stata per esempio la rinuncia del Canada con gli Usa nel doppio, e non è corretto in un girone come questo in cui contano tutti i punti. Anche l’Australia oggi non ha giocato il doppio e questo porta dei disequilibri in un girone all’italiana. Non va bene, poi orari come questi, con partite ale quattro del mattino van riviste per il bene della Coppa Davis. La Davis si merita un format migliore e più rispetto per i giocatori, che vanno messi nelle condizioni migliori per scendere in campo”.

Una prima edizione nuova della Davis da rivedere, sia in termini di risultati che efficienza organizzativa.


Nessun Commento per “DAVIS CUP, BARAZZUTTI: "PERSI MATCH CHE DOVEVAMO VINCERE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.