DAVIS CUP: I CONVOCATI PER I QUARTI

Diramate le convocazione dei team che dal 4 al 6 aprile prossimi daranno vita ai quarti di finale della Coppa Davis. Campioni in carica a Tokio senza Tomas Berdych, guai anche per la Germania con le assenze di Haas e Mayer.
mercoledì, 26 Marzo 2014

Tennis – Ecco i nomi che formeranno i team impegnati nei quarti di finale della Coppa Davis. Come largamente anticipato dalla nostra redazione, l’Italia si presenterà con un solo cambio rispetto a quella ammirata in Argentina. Paolo Lorenzi prenderà il posto di Filippo Volandri, per il resto tutto confermato. Stesso discorso per i nostri avversari con in testa un Andy Murray a caccia di riscatto.

Nelle altre sfide, spiccano le difficoltà di una Germania costretta a rinunciare in un colpo solo a Tommy Haas e Florian Mayer oltre che al forfait dell’ultim’ora di Philipp Kohlschreiber. Ostacolo complicato da superare per la squadra capitanata da un Carsten Arries chiamato al miracolo contro la Francia.

I tedeschi si presenteranno a Nancy con dei grossi punti interrogativi. Un team senza esperienza in Davis , fatta eccezione per Tobias Kamke, con  Jan- Lennard Struff , Peter Gojowczyk e Andre Begemann pronti al battesimo al Palais des Sports “Jean Weille”.

Ad attenderli un gruppo rodato che difficilmente si farà scappare l’occasione. Abbondantemente favoriti,  Gasquet, Tsonga, Monfils e Benneteau sentono già l’odore della semifinale.

In Svizzera Roger Federer e Stanislas Wawrinka, supportati da Marco Chiudinelli e Henri Laaksonen cercheranno la vendetta sportiva con il Kazakistan, dopo l’eliminazione subita quattro anni fa. All’epoca il grande assente Federer fece pendere l’ago della bilancia a favore del team kazako che, al Plaexpo di Ginevra, tenterà di ripetere l’impresa confermando gli eroi del 2010  Mikhail Kukushkin , Andrey Golubev ed Evgeny Korolev affiancati dalla new entry Aleksandr Nedovyesov.

Tutta da vivere la sfida tra i campioni in carica della Repubblica Ceca ed il Giappone a caccia della prima semifinale in Coppa Davis. Kei Nishikori, Go Soeda, Tatsuma Ito e Yasutaka Uchiyama scenderanno in campo all’Ariake Coliseum di Tokio con un solo obiettivo in testa: la storica qualificazione.

Sulla carta favoriti, i cechi dovranno fare a meno di Tomas Berdych e questo fattore non può certo passare inosservato. Radek Stepanek dovrà caricarsi sulle spalle il peso dei detentori del titolo, cercando di non far notare l’assenza importante in un  team che il capitano Jaroslav Navratil, ha completato convocando Lukas Rosol, Jiri Vesely e Jan Hajek.

 

 

L’elenco completo:

Italia-Gran Bretagna (Napoli ITA – Tennis Club Napoli terra battuta)

Italia
Fabio Fognini
Andreas Seppi
Paolo Lorenzi
Simone Bolelli
Capitano: Corrado Barazzutti

Gran Bretagna
Andy Murray
Dan Evans
James Ward
Colin Fleming
Capitano: Leon Smith

 

Giappone-Repubblica Ceca (Tokyo JPN- Ariake Coliseum, cemento indoor)

Giappone
Kei Nishikori
Go Soeda
Tatsuma Ito
Yasutaka Uchiyama
Capitano: Minoru Ueda

Repubblica Ceca
Lukas Rosol
Radek Stepanek
Jiri Vesely
Jan Hajek
Capitano: Jaroslav Navratil



Francia-Germania (Nancy FRA- Palais des Sports Jean Weille, cemento indoor)

Francia
Richard Gasquet
Jo- Wilfried Tsonga
Gael Monfils
Julien Benneteau
Capitano: Arnaud Clement

Germania
Tobias Kamke
Jan – Lennard Struff
Peter Gojowczyk
Andre Begemann
Capitano: Carsten Arriens
Italia-Gran Bretagna (Napoli, terra battuta)

Svizzera-Kazakistan (Ginevra SUI – Palexpo, cemento indoor)

Svizzera
Stanislas Wawrinka
Roger Federer
Marco Chiudinelli
Henri Laaksonen
Capitano: Severin Luthi

Kazakhstan
Mikhail Kukushkin
Andrey Golubev
Aleksandr Nedovyesov
Evgeny Korolev
Capitano: Dias Doskarayev


Nessun Commento per “DAVIS CUP: I CONVOCATI PER I QUARTI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.