GERMANIA E AUSTRALIA SUL VELLUTO, GRAN BRETAGNA E CROAZIA IN EQUILIBRIO

Tennis – Nelle qualificazioni della Davis Cup, tedeschi ed australiani ipotecano il passaggio del turno. Tra Croazia e Gran Bretagna regna ancora l’equilibrio in attesa del doppio di domani. Pari anche tra Giappone e Colombia.
sabato, 14 Settembre 2013

Tennis – Con le immagini degli Us Open ancora nitide nella mente, il tennis mondiale accende i riflettori sulle qualificazioni alla Davis Cup.

In scena le “deluse” alla ricerca di un posto al sole per il prossimo anno. Nel primo turno non delude la corazzata tedesca che con Kohlschreiber e Mayer mette una seria ipoteca sul passaggio del turno contro il Brasile. Stesso discorso per il team australiano “corsaro” in Polonia che con il 2 a 0 di oggi, non dovrebbe patire oltremodo per strappare la qualificazione. Ancora tutto in gioco nei restanti match con la Gran Bretagna nelle mani di Murray nel doppio contro la Croazia mentre tra Giappone e Colombia la differenza la possono fare solo i dettegli.

 

Croazia – Gran Bretagna 1-1

Facile l’avvio di Andy Murray che liquida il debuttante Borna Coric con un perentorio 63 60 63. Al rientro in Davis Cup, dopo due anni, lo scozzese non concede sconti al giovane croato, numero 525 al mondo. Nonostante il risultato piuttosto eloquente, il talento in erba schierato dal capitano Zeljko Krajan, non ha sfigurato. Dopo aver sfiorato in due occasioni il break nel primo set, ed aver costretto il numero 3 al mondo al recupero sotto di 3 a 1 nell’ultimo parziale, il diciottenne croato bagna l’esordio in Davis con una sconfitta addolcita dai complimenti di un Murray, che a fine match non ha dubbi sul futuro roseo di Coric.

Nel secondo rubber la Croazia spenge il sorriso britannico rimettendo a posto le cose grazie ad Ivan Dodig. Il tennista di Medugorje non trova particolari difficoltà nel superare Daniel Evans con il punteggio di 63 62 63. Il britannico, lontano parente di quello visto agli Us Open, non entra in partita lasciandosi andare anche a gesti di nervosismo plateale scagliando violentemente la racchetta in terra. Ad Umago domani, sarà fondamentale il doppio che vedrà la coppia Dodic/Pavic opposta ai britannici Murray/Fleming.

 

Germania – Brasile 2-0

Germania che ipoteca il passaggio del turno grazie al vantaggio costruito da Kohlschreiber e Mayer.

Nel primo rubber il tedesco n.25 Atp fatica solo nel secondo set contro il brasiliano Dutra Silva, aggiudicandosi il parziale per 7-5. Meno complicati, avvio e chiusura del match. Al 6-3 iniziale  fa eco il 6-4 che affossa Silva e consegna al brasiliano Bellucci la patata bollente di un recupero miracoloso contro Florian Mayer. Il tedesco non abbassa l’asticella della concentrazione e dopo 1ora e 29 minuti di gioco spinge avanti la Germania che, forte del 2 a 0, domani schiererà la coppia Emmrich/Brands che, contro pronostico, cercheranno il punto del ko affrontando il duo carioca formato da Melo e Soares.

 

Polonia – Australia 0-2

Orfana del talento di casa Janowicz, la Polonia alza bandiera bianca davanti ad una Australia trascinata da un grande Lleyton Hewitt.

Dopo il successo su Del Potro agli Us Open, “Rusty” conferma il suo ottimo momento, superando senza troppi affanni Lukasz Kubot con il punteggio di 61 63 62.

Meno facile il compito di Tomic che contro Przysiezny deve affidarsi a 15 ace per portare a casa un 2 a 0 più che rassicurante. L’equilibrio, che caratterizza il primo parziale, si spezza solo grazie al break conquistato sul 5 pari dall’australiano, che poi va al servizio aggiudicandosi il set.

Stesso discorso nel secondo atto con il tiebreak a fare da ago della bilancia, pendendo ancora dalla parte di Tomic. Il terzo ed ultimo set segna la resa del polacco che non riesce a trattenere la fuga dell’australiano che chiude i conti. Al pubblico di casa, l’amaro score di 75 76(1) 64 da digerire, in attesa del doppio di domani.

 

Giappone – Colombia 1-1

Ancora a braccetto invece Giappone e Colombia. L’uno a uno dopo la prima giornata di gioco non sposta gli equilibri tra le due nazionali.

In avvio di match i nipponici partono con il piede giusto e grazie a Nishikori si aggiudicano il primo rubber con il punteggio di 63 64 64. Davanti al pubblico amico non sbaglia il numero 1 giapponese, che si rende protagonista di una gara attenta con pochi varchi lasciati all’avversario. Dal canto suo il colombiano Falla, non molla un centimetro e lotta fino alla fine.

Meno semplice il compito di Go Soeda che trova nel colombiano Girarldo un cliente ostico. Ci vogliono  3 ore e 24 minuti per decretare il vincitore dopo un match combattuto alla pari almeno per i primi 4 set. Il colombiano si carica sulle spalle il peso di far rimanere a galla la sua nazionale e regala una boccata d’ossigeno vitale al suo team. Dopo la maratona in perfetta parità, Girarldo ha la forza per un acuto nel quinto e decisivo set, dove a differenza del nipponico dà fondo alle energie fisiche, infilando 5 game consecutivi che valgono il match.

Domani il doppio equilibrato tra la coppia giapponese formata da Ito/Sugita opposta ai colombiani Farah/Cabal


Nessun Commento per “GERMANIA E AUSTRALIA SUL VELLUTO, GRAN BRETAGNA E CROAZIA IN EQUILIBRIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.