DAVIS, NOAH RIMANE ALLA GUIDA DELLA FRANCIA?

Dopo l'eliminazione per mano della Croazia nella semifinale di Davis, il capitano transalpino è ancora in dubbio tra permanenza e addio
giovedì, 10 Novembre 2016

TENNIS – Il destino sembrava ormai segnato dopo l’eliminazione nella semifinale di Davis, ma la sconfitta per mano della Croazia potrebbe non essere l’ultima sfida di Yannick Noah nelle vesti di capitano della Francia. Nonostante i numerosi dubbi che attanagliavano la sua permanenza alla guida del team, gli ultimi risvolti della vicenda sembrano dargli ancora credito su un prosieguo parso improbabile fino a pochi giorni fa.

Il 2017 è un anno che non ha ancora nulla di stabilito. La leggenda francese, per continuare la sua esperienza, ha bisogno del rinnovo del contratto da parte della federazione, ma necessita anche di diversi chiarimenti su come potrebbe impostare il lavoro del prossimo anno con i giocatori. Al termine di una cena di squadra a Parigi, durante la quale i presenti hanno messo a nudo le difficoltà e le componenti che hanno portato al ko contro la Croazia, lo stesso Noah ha spiegato ciò che sta succedendo: “Ho sempre chiesto contratti di un anno perchè ho bisogno di capire volta per volta se posso portare qualcosa alla Nazionale e, in caso affermativo, a quanto ammonta il mio potenziale in questo gruppo“. Il riferimento, ovviamente, è al futuro di Tsonga, prossimo alla paternità, e Monfils, che non sempre si è dato disponibile per i match di Davis al momento delle convocazioni.

L’idea di un rinnovo, a questo punto, è legato alla condizione non solo personale, ma anche della squadra. Per il capitano transalpino pare necessaria l’organizzazione di un briefing preventivo, in modo da stilare le potenzialità e le condizioni per la sua firma su un eventuale rinnovo. La sua richiesta è quella di remare tutti nella stessa direzione, sempre con riferimento a Monfils e, in particolare, alla semifinale degli US Open contro Djokovic, con successiva richiesta di informazioni sul suo status fisico in vista dei match a Zadar.

Resta da capire se gli unici dubbi in ballo siano di Noah, oppure se anche la federazione avrà da fare i suoi sondaggi su un possibile successore. Pare difficile una soluzione in tempi brevi: considerando la preparazione atletica dopo le Finals e con la Francia fuori dai giochi per l’insalatiera, c’è ancora un po’ di tempo per poter riflettere sulla scelta migliore.


Nessun Commento per “DAVIS, NOAH RIMANE ALLA GUIDA DELLA FRANCIA?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.