DAVIS: SPRINT NOLE, ANDY E FRANCIA

Mentre l'Italia si fa stoppare dal Kazakistan, sono la Serbia di Djokovic e la Gran Bretagna di Murray a rubare la scena. Ottima prova di Monfils e Simon, che spingono i transalpini sul doppio vantaggio. Australia super ad Ostrava
venerdì, 6 Marzo 2015

TENNIS – Il circuito maschile fa i conti con un weekend di pausa e si concentra sugli ottavi di finale di Coppa Davis, partiti in mattinata a diverse latitudini del pianeta. Il primo turno del principale torneo a squadre vede impegnata anche l’Italia, che si accoda al gruppone finora in equilibrio nel punteggio. Altri, invece, puntano a mettere subito in chiaro le cose e prendono il largo già nelle prime battute del confronto.

Quello appena citato è il caso della Serbia, che nella sentita sfida contro la Croazia parte con il piede giusto grazie ai suoi uomini di punta. Djokovic fa la voce grossa e spazza via Delic, ma il vero sprint è firmato da Victor Troicki: la vittoria al quinto set contro Borna Coric, tra l’altro in rimonta dopo due set persi in apertura, vale il 2-0 serbo alla prima giornata. Se non si tratta di ipoteca, poco ci manca: i balcanici fanno sul serio e non sbagliano il delicato esordio contro i vicini di casa. Situazione identica per la Francia, che si aggiudica il primo round contro la Germania. Gilles Simon si impone contro Struff nella maratona conclusa 10-8 al quinto set, mentre è più facile l’affermazione di Monfils su Kohlschreiber. L’altra nazionale a conquistare il doppio vantaggio è la Gran Bretagna, che supera gli Stati Uniti prima con Murray, che liquida Young al quarto set, poi con Ward, che compie l’impresa su Isner e raddoppia con un monumentale 15-13 al quinto set.

Apre il valzer dei pareggi la nostra Italia, momentaneamente bloccata sul punteggio di 1-1 da un convicente Kazakistan. Prima la sconfitta di un opaco Bolelli, che si arrende a Kukushkin in tre set, poi il rientro in carreggiata grazie alla vittoria di Seppi su Golubev, questa volta in quattro partite. In perfetta parità anche lo scontro tra Belgio e Svizzera: Laaksonen recupera due set di svantaggio a Bemelmans e regala il primo punto agli elvetici, che però non fanno il bis con Lammer, stoppato in tre rapidi set da Steve Darcis.

Discorso ancora apertissimo negli altri round conclusi nella notte. Vittoria nella partita decisiva per il Brasile, che con Souza vola sull’1-0 contro l’Argentina: Carlos Berlocq si arrende al quinto, dopo aver condotto per due set a uno, ma Mayer ripristina la parità battendo Bellucci in quattro set. Situazione diversa nel testa a testa tra Repubblica Ceca e Australia, con gli europei sotto nel punteggio. Kokkinakis firma il primo match contro Rosol, Tomic fa il bis e mette con le spalle al muro i campioni del 2013.

Il fuso orario lascia l’ultima sfida in nottata, quella tra Canada e Giappone. Confronto a distanza tra Nishikori e Raonic, rispettivamente impegnati contro Pospisil e Ito. I due top ten non tradiscono le attese, aggiudicandosi i rispettivi incontri: lo status della sfida rimane in perfetta parità.

DAVIS CUP – OTTAVI DI FINALE

Kazakistan-Italia 1-1 (National Tennis Centre, Astana)

Kukushkin (KAZ) b. Bolelli (ITA) 76[6] 61 62
Seppi (ITA) b. Golubev (KAZ) 63 63 67[5] 62

Serbia-Croazia 2-0 (Kraljevo Sports Centre, Kraljevo)

Djokovic (SRB) b. Delic (CRO) 63 62 64
Troicki (SRB) b. Coric (CRO) 46 16 63 62 61

Belgio-Svizzera 1-1 (Country Hall du Sart Tilman, Liegi)

Laaksonen (SUI) b. Bemelmans (BEL) 16 67[6] 64 60 62
Darcis (BEL) b. Lammer (SUI) 63 61 63

Germania-Francia 0-2 (Fraport Arena, Francoforte)

Simon (FRA) b. Struff (GER) 76[4] 26 67[1] 62 10-8
Monfils (FRA)-Kohlschreiber (GER) 64 75 76[4]

Argentina-Brasile 1-1 (Tecnopolis, Buenos Aires)

Souza (BRA) b. Berlocq (ARG) 64 36 57 63 62
Mayer (ARG) b. Bellucci (BRA) 64 63 16 63

Repubblica Ceca-Australia 0-2 (Cez Arena, Ostrava)

Kokkinakis (AUS) b. Rosol (CZE) 46 26 75 75 63
Tomic (AUS) b. Vesely (CZE) 64 63 76[5]

Gran Bretagna-Stati Uniti 2-0 (Emirates Arena, Glasgow)

Murray (GBR) b. Young (USA) 61 61 46 62
Ward (GBR) b. Isner (USA) 67[4] 57 63 76[3] 15-13

Canada-Giappone 1-1 (Doug Mitchell Thunderbird Sports Centre, Vancouver)

Raonic (CAN) b. Ito (JPN) 62 61 62
Nishikori (JPN) b. Pospisil (CAN) 64 76[5] 63


Nessun Commento per “DAVIS: SPRINT NOLE, ANDY E FRANCIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • L’ITALIA ANDRÀ IN KAZAKISTAN Coppa Davis: la nazionale capitanata da Barazzutti è stata abbinata al Kazakhstan negli ottavi di finale del World Group della Coppa Davis 2015. Il sorteggio regala il fattore campo ai kazaki.
  • COPPA DAVIS, NON SOLO KAZAKISTAN – ITALIA Nel weekend di Coppa Davis scendono in campo tutti gli incontri di ottavi di finale. Tra incroci infuocati e assenze eccellenti, ecco la presentazione di tutti i match del primo turno […]
  • DAVIS CUP, LE CONVOCAZIONI DEL WORLD GROUP Dopo le convocazioni di Argentina-Italia, ecco i protagonisti delle altre sette sfide del World Group. Serbia senza Djokovic, Svizzera senza Federer, Spagna senza Nadal e Ferrer.
  • DAVIS, CHE FATICA PER DJOKOVIC E MURRAY Serbia-Gran Bretagna ai quarti di finale, ma Djokovic e Murray sono costretti a vincere il quinto set contro Giappone e Kazakistan. Il prospetto completo
  • COPPA DAVIS, SERBIA E GRAN BRETAGNA BLOCCATE Vincono Djokovic e Murray, ma Kazakistan e Giappone tengono botta. Il resoconto della giornata di Coppa Davis: non solo Italia in campo
  • DAVIS, NOAH: “ATMOSFERA INCREDIBILE” Davis, la Francia dimezza lo svantaggio e si gioca tutto nei singolari di domani. Noah elettrizzato, Krajan furibondo per il clima sugli spalti.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.