DAY 1: SERENA, NOLE E GLI ASSI ITALIANI

TENNIS – Inizia l’Australian Open 2014. Nel maschile scende in campo la parte bassa del tabellone, nel femminile quella alta. Williams e Djokovic animano la sessione serale sul centrale. Nel corso della giornata esordi per Ferrer, Berdych, Li Na e per i tanti australiani. L’Italia cala subito i suoi quattro assi: Errani, Vinci, Pennetta e Fognini
domenica, 12 Gennaio 2014

Tennis. Melbourne (Australia). La quiete, prima della tempesta. È questa la sensazione che aleggia su Melbourne in questa domenica di vigilia. Mancano più di nove ore all’inizio del primo major dell’anno, ma sui 25 campi in plexicushion dell’impianto di Melbourne Park già si respira la tensione tipica dei tornei dello Slam. Alle ore 11.00 australiane (01.00 italiane), scatterà la 102esima edizione dell’Australian Open. Il programma della prima giornata prevede i primi turni della parte alta del tabellone femminile e della metà inferiore di quello maschile. Ciò equivale a dire che vedremo subito all’opera il tre volte campione uscente Novak Djokovic e la numero uno del mondo Serena Williams (entrambi impegnati in sessione serale). Sarà però una giornata molto importante anche per il tennis italiano, che schiererà subito le sue prime tre giocatrici (Errani, Vinci e Pennetta) ed il numero uno maschile, Fabio Fognini. Augurando a tutti voi lettori un buonissimo Australian Open, vediamo  nel dettaglio quello che è il ricco menù della prima giornata.

Rod Laver Arena (ore 11.00).  Apre il torneo, sul campo principale, la numero 9 del mondo Angelique Kerber, attesa da un esordio non facile, che la mette di fronte a Jarmila Gajdosova, tennista nata in Russia, ma diventata australiana dopo il matrimonio (poi naufragato) con il collega Samuel Groth. La Gajdosova è sprofondata fino al numero 265 della classifica per un serie di vicissitudini fisiche, ma in carriera può vantare un best ranking da numero 25. Nei due precedenti è sempre stata la tennista naturalizzata australiana ad imporsi, senza perdere set, ma i due incontri risalgono al 2009 ed al 2010, quando la Gajdosova attraversava un periodo di forma ben diverso. Successivamente toccherà a David Ferrer (3), fare il suo esordio nel primo slam stagionale, in quello che sembra un primo turno di routine contro il colombiano Alejandro Gonzalez, numero 74 del mondo. Più interessante il terzo incontro in programma, che metterà di fronte Samantha Stosur e Klara Zakopalova. La 29enne di Brisbane approccia a questo torneo con l’obbiettivo di migliorare il suo score nello Slam di casa, in cui non è mai andata oltre gli ottavi di finale. Non facile il primo turno contro la 32enne ceca, che l’ha battuta nettamente la scorsa settimana in semifinale ad Hobart.

Rod Laver Arena (ore 19.00). La sessione serale sul campo principale si apre con il quattro volte vincitore dell’Australian Open Novak Djokovic. Il serbo non perde una partita dalla finale dello Us Open e ha una striscia aperta di 24 successi consecutivi. Difficile pensare che questa possa interrompersi contro il numero 90 del mondo Lukas Lacko. Sono invece 22  le vittorie in fila di Serena Williams, che aprirà la sua corsa verso i 18 Slam di Navratilova ed Evert, contro la 17enne australiana Ashleigh Barty, prospetto interessantissimo del tennis oceanico (è già al numero 153 del mondo e vanta tre finali Slam in doppio, tutte perse), che però difficilmente potrà impensierire la regina della Wta.

Hisense Arena (ore 11.00). Quattro i match in programma sul secondo campo in ordine di importanza di Melbourne Park. Il primo metterà di fronte l’ottava testa di serie Stanislas Wawrinka ed il kazako, residente in Italia, Andrey Golubev.  Lo svizzero lo scorso anno, agli ottavi di finale, ha dato vita ad una delle partite più belle dell’anno insieme a Novak Djokovic, arrendendosi soltanto per 12-10 al quinto set. Quest’anno si presenta ai nastri di partenza, forte del successo di Chennai, con l’obbiettivo di cercare la rivincita contro il campione serbo, nel teorico quarto di finale. Il primo ostacolo non è dei più semplici, perché Golubev è in forma ed ha talento da vendere. Di grande interesse anche il secondo incontro in programma, tra la due volte finalista Na Li e la qualificata Ana Konjuh. La croata ha compiuto sedici anni lo scorso 27 dicembre ed è la più giovane tennista in tabellone. Recentemente si è messa in mostra, battendo Roberta Vinci ad Auckland e domani proverà l’impresa contro la campionessa cinese. Il terzo match vedrà l’esordio di una delle possibili outsider del torneo, ovvero Ana Ivanovic, che proprio ad Auckland ha ritrovato un successo che le mancava da più di due anni. Suo primo ostacolo sarà la disastrata olandese Kiki Bertens, sprofondata al numero 94 del mondo dopo un disastroso 2013. Il programma si chiude con l’acciaccato Jerzy Janowicz, atteso dalla giovane wild card australiana Jordan Thompson, numero 321 del ranking Atp. Sul match aleggia l’incognita delle condizioni del polacco.

Margaret Court Arena (ore 11.00). Venus Williams ed Ekaterina Makarova aprono il programma sul campo intitolato alla 24 volte campionessa di Slam, con quello che è probabilmente il primo turno più interessante dell’intero tabellone. La venere nera ha iniziato benissimo la stagione, centrando la finale ad Auckland, mentre la russa ha ottenuto a Sidney lo scalpo di Jelena Jankovic, al primo match dallo Us Open dello scorso anno. L’incontro di domani si presenta quanto mai incerto, anche se l’americana ha dalla sua due precedenti favorevoli. Primo turno che non dovrebbe nascondere insidie quello che attende Tomas Berdych (7), le cui velleità verranno testate dal numero 92 del mondo Aleksandr Nedovesov. Il terzo incontro sulla Margaret Court Arena vedrà impegnata la numero uno azzurra Sara Errani, che da testa di serie numero 7, ha pescato un primo turno potenzialmente ostico, contro la tedesca Julia Goerges, attuale numero 73 della classifica mondiale, ma che solo nel 2011 aveva mire di top ten. L’italiana non ha iniziato la stagione nel migliore dei modi e domani dovrà stare davvero molto attenta alla potenza della bella teutonica (2-1 Errani, 1-0 su cemento, i precedenti). Il programma diurno si chiude con Petra Kvitova, che non dovrebbe incontrare difficoltà eccessive contro la thailandese Luksika Kumkhum. Non prima delle 19.00, il programma del terzo campo si chiude con il finalista dell’edizione 2006 Marcos Baghdatis, opposto all’uzbeko Denis Istomin.

Italiani. Detto della Errani, domani scendono in campo altri tre azzurri. Roberta Vinci, dopo aver perso i primi due incontri della sua stagione, esordisce contro la numero 49 del mondo Jie Zheng (terzo match, campo 6). La cinese ha vinto tre dei quattro precedenti con la tarantina e sicuramente non è l’avversaria ideale da affrontare in questo momento, perché si difende bene ed è molto costante. Alla Vinci servirà una prestazione molto solida per avere la meglio. Più agevole il primo impegno di Flavia Pennetta, che sarà opposta alla rumena Alexandra Cadantu, 59esima giocatrice del mondo (secondo match, campo 13). Se Flavia sta bene fisicamente, non dovrebbe avere troppi patemi contro una tennista più adatta alla terra ed in non perfette condizioni fisiche (si è ritirata per un infortunio alla spalla destra al torneo di Auckland). A proposito di non perfette condizioni fisiche, domani gioca la sua prima partita (secondo incontro, campo 7) anche Fabio Fognini, che in Australia ha rischiato fino all’ultimo di non esserci, per un infortunio alla coscia destra. Il suo avversario, Alex Bogomolov (numero 88 Atp), non è assolutamente irresistibile, ma anche qui ci sono alcune incognite pesanti sullo stato di forma dell’italiano.

Altri match interessanti in programma da segnalare: Bencic – Date, Watson – Hantuchova, Robson – Flipkens, Dellacqua – Zvonareva, Bouchard – Tang, Mahut – Ebden, Groth – Pospisil, Garcia Lopez – Haas, Monaco – Gulbis,  Giraldo – Querrey, Karlovic – Dodig, Robredo – Rosol, Anderson – Vesely e Berankis – Dolgopolov.

Qui il programma completo del Day one.


Nessun Commento per “DAY 1: SERENA, NOLE E GLI ASSI ITALIANI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.