DAY 7: DJOKOVIC ALL’ESAME DIMITROV. FOGNINI SFIDA NADAL

Tennis – Roland Garros. Incurante di questa bizzosa primavera, il programma di gare del major parigino scorre veloce. Oggi di scena la seconda tranche di incontri relativi al terzo turno. Il match clou sarà quello che vedrà Djokovic opposto allo scalpitante Dimitrov; ma gli occhi degli italiani saranno tutti rivolti alla sfida impossibile tra il nostro n.2, Fognini, e Nadal, l’uomo dei 7 Open di Francia
sabato, 1 Giugno 2013

Tennis. Parigi (Francia). Dopo che la pioggia – stucchevole intruso di questa insolita primavera 2013 – aveva pesantemente condizionato il giovedì di gare, quella di ieri è stata una giornata brulicante di appuntamenti. In programma, tanto il completamento dei match di 2° turno quanto la prima tranche di incontri relativi al 3° turno. Tra gli uomini, molti gli osservati speciali, ma in particolar modo Rafael Nadal e Roger Federer. A causa delle succitate condizioni climatiche avverse, che avevano ritardato la partita di secondo turno del maiorchino, i due si sono infatti trovati a scender in campo nell’arco della stessa giornata. Diciamo subito che – nonostante entrambi abbiano rispettato il pronostico della vigilia, disponendo dei rispettivi avversari – diverse sono state le sensazioni lasciate dai due protagonisti in questione. Mentre il maiorchino – come già successo in occasione dell’incontro d’esordio disputato contro il teutonico Daniel Brands – ha fatto fatica ad entrare in partita, consegnando la prima frazione al suo rivale di giornata, Martin Klizan; lo svizzero – dal canto suo – ha superato a pieni voti il terzo turno, travolgendo in tre fulminei set Julien Benneteau. Il francese – che nell’ultimo precedente, quarti di finale dell’Atp 500 di  Rotterdam, aveva avuto la meglio sull’ex n. 1 al mondo – questa volta nulla ha potuto contro un Federer apparso sempre in totale controllo dell’incontro. Ottima impressione ha destato il suo dritto, tornata l’arma mortifera di un tempo, così come il rovescio lungolinea, colpo che, dopo le incertezze iniziali, ha garantito al nativo di Basilea un sacco di punti; e molto efficace, infine, è sembrato il servizio, che, a dispetto di velocità non irresistibili, ha creato al transalpino molti impacci, date le infinite variazioni e le imprevedibili traiettorie impresse alla palla dal fenomeno elvetico. Prima di questo confronto, ‘The King’ aveva individuato proprio nella sfida contro il tennista d’oltralpe – cliente spesso indigesto al 17 volte campione Slam – il primo serio banco di prova di questi Open di Francia. Ebbene, considerato l’esito finale della partita, possiamo dichiarare a gran voce che l’attuale n. 3 delle classifiche Atp ha ritrovato un ottimo smalto, lasciandosi definitivamente alle spalle la finale di Roma, persa indecorosamente contro l’ ‘Indio di Manacor’. Tra le donne, prosegue a braccetto la corsa di Maria Sharapova e Serena Williams. Ma è senza dubbio l’americana a continuare ad impressionare. Strabiliante il suo attuale stato di forma tecnico-atletico e annichilente la cattiveria sportiva profusa sul terreno di gioco. Tanto da far pensare che sarà chimerico, per qualsiasi avversaria, sperare di poter arrestare la corsa della n. 1 al mondo. Quanto ai nostri portacolori, l’amarezza per l’uscita di scena di Andreas Seppi (che, dopo due primi turni maratona, ha ceduto il passo a Nicolas Almagro) è stata compensata dall’en plein di successi portati a casa dalle italiane impegnate oggi, Roberta Vinci, Francesca Schiavone e Sara Errani. Dei tre prestigiosi trionfi in commento, l’affermazione che più di tutte stuzzica l’appetito dei tifosi nostrani è quella conseguita dalla n. 5 al mondo, che da autentica tritasassi ha messo a segno un’altra vittoria prepotente, lasciando meno che le briciole alla malcapitata di turno, Sabine Lisicki. Ma passiamo ad illustrare il programma odierno, avente ad oggetto la seconda tranche di incontri relativi al terzo turno.

Philippe Chartier. Come preventivabile, il menù più succulento sarà offerto sul campo centrale. Dopo i due match antipasto, che vedranno coinvolte la n. 2 del mondo, Maria Sharapova, e la n. 3 Wta, Victoria Azarenka, rispettivamente contro la cinese Jie Zheng e la francese Alize Cornet, saranno serviti i piatti più appetitosi. Il terzo match schedulato sullo Chartier sarà quello che interesserà più da vicino i colori azzurri, con Fabio Fognini alle prese con il signore della terra rossa, Rafael Nadal. Tautologico ricordare che quello di oggi sarà per il ligure un confronto proibitivo. Tuttavia, quello che i tifosi italiani chiedono al nativo di Arma di Taggia non è tanto una vittoria – che appare realisticamente improbabile – ma una prestazione pugnace. In altre parole, una performance che sia lontana parente di quella esibita nella semifinale di Monte-Carlo contro Djokovic, quando l’atteggiamento arrendevole e il comportamento indisponente del nostro portabandiera provocarono un feroce strascico polemico, che l’entourage del giocatore fece fatica a silenziare. Concluderà il programma di incontri sul centrale il match di cartello della settima giornata, quello tra il leader delle classifiche Atp, Novak Djokovic, e l’enfant prodige bulgaro, Grigor Dimitrov. Facile prevedere che la partita di cui trattasi sarà un confronto dai contorni altamente spettacolari. D’altronde, il serbo sarà chiamato a riscattare la cocente sconfitta patita dal n. 28 del ranking in quel di Madrid; mentre l’elegante atleta balcanico avrà un’altra occasione per testare il livello di maturità raggiunto dal suo tennis, imprescindibile viatico per il definitivo salto di qualità da tutti auspicato.

Suzanne Lenglen. Non di certo poveri di spunti gli appuntamenti previsti sul Suzanne Lenglen. Si esordirà con la sfida tra il n. 13 del tabellone, Kei Nishikori, e l’eclettico tennista di casa, Benoit Paire, in grossa ascesa e reduce dalla straordinaria semifinale raggiunta agli Internazionali. L’unico precedente tra i due se l’è aggiudicato il giapponese (Parigi-Bercy 2012), ma il transalpino di queste ultime settimane è tutt’altro tennista rispetto a quello della scorsa stagione. Seguirà il match tra Marion Bartoli e Francesca Schiavone. Alla voce head to head, le due giocatrici sono in perfetto equilibrio (2-2). Tuttavia, l’azzurra ha portato a casa il confronto dal peso specifico più importante. Era la semifinale Roland Garros 2011 e la nostra portacolori, da campionessa in carica, sconfisse la combattiva tennista d’oltralpe, guadagnandosi il diritto di partecipare all’atto conclusivo dello Slam parigino per il secondo anno consecutivo. E scusate se è poco! Concluso l’incontro in oggetto, sarà la volta del redivivo Nicolay Davydenko e Richard Gasquet. Scontato sottolineare che quest’ultimo vanti i favori del pronostico, ma ‘Kolya’ avrà una ragione in più per vendere cara la pelle. Regalarsi gli ottavi di finale del major francese sarà infatti il miglior modo per festeggiare degnamente i suoi 32 anni, che compirà domani. Infine, saranno di scena Jelena Jankovic e Samantha Stosur: altra partita che si preannuncia scintillante, considerato che l’ex n. 1 al mondo sta ritrovando il suo miglior tennis e l’australiana ha sempre avuto grande feeling con i campi parigini.

Gli altri incontri in programma.  Tra le partite di terzo turno previste sui campi secondari, segnaliamo il confronto tra Stanislas Wawrinka e Jercy Janowicz (campo 2): senza timore di smentita, un match che avrebbe meritato un palcoscenico diverso. Tanto lo svizzero quanto il polacco sono infatti in grande spolvero: il primo, anche grazie alla finale raggiunta al Mutua Madrid Open, ha riagguantato la top 10; il secondo, dopo l’exploit fatto registrare al torneo di Parigi-Bercy dell’anno scorso, sta ritornando su grandi livelli, lasciandosi alle spalle un inizio di stagione sotto le aspettative. Quanto alle restanti partite previste oggi, in calce apponiamo il link con l’elenco completo.

http://www.rolandgarros.com/en_FR/scores/schedule/schedule12.html


Nessun Commento per “DAY 7: DJOKOVIC ALL’ESAME DIMITROV. FOGNINI SFIDA NADAL”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.