DEL POTRO NON SI ARRENDE: “POSSO VINCERE ALTRI SLAM”

Del Potro non vuole alzare bandiera bianca e sogna di vincere altri Major

Tennis. Ha giocato al meglio, quasi al limite stando alle sue parole, avendo grosse chance soprattutto nel secondo set di riaprire la partita. Del Potro ha parlato a margine della sconfitta contro Nole nell’ultimo atto degli Us Open, non nascondendo tutta l’amarezza del ko.

Onestamente ho pianto fino ad ora. Sono triste per essere io lo sconfitto oggi. Ma Novak ha meritato di vincere il trofeo. Ha giocato una partita bella e intelligente. Ho avuto le mie opportunità nel secondo e terzo set. Ma ho giocato quasi sempre al limite, cercando i vincenti col dritto e il rovescio, ma non ci sono riuscito perché Novak arrivava sempre sulla palla”.

A livello fisico l’argentino ammette di sentirsi in ottime condizioni: “Mi sento bene, il polso sta rispondendo bene alle tante partite giocate nelle ultime due settimane. Continuerò a giocare a tennis per qualche altro anno. Non so quando sarà l’ultimo torneo della mia carriera ma voglio continuare a sorprendermi facendo cose come queste. Sono molto motivato a vincere questi titoli”.

Per Delpo l’era vissuta non rappresenta un rimpianto, piuttosto una fortuna:“Vincere contro di loro negli Slam è difficile. Ma siamo orgogliosi di essere accanto a queste leggende. Per tutta la mia carriera ho imparato con Novak, Roger e Rafa, vedendoli vincere molto spesso questi tornei. Non sono triste per non aver potuto vincere Slam a causa loro, anzi mi sento fortunato per aver giocato in contemporanea con loro”.

Del Potro torna a casa con una sconfitta, consapevole che avrebbe forse vinto contro chiunque altro, per il gioco espresso: “Novak è troppo veloce. La sua difesa è fantastica. Ma mi aspettavo una partita del genere“.


Nessun Commento per “DEL POTRO NON SI ARRENDE: "POSSO VINCERE ALTRI SLAM"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.