DELBONIS: “VINCERE È INCREDIBILE”

TENNIS- La giovane promessa argentina è finalmente esplosa e, grazie al successo in Brasile contro Paolo Lorenzi, si è guadagnata la top 50 e la posizione numero 3 nella classifica nazionale.
martedì, 4 Marzo 2014

Tennis. Federico Delbonis non ci era nuovo già prima della vittoria su Paolo Lorenzi la scorsa settimana a San Paolo, Brasile. Non ci era nuovo nemmeno lo scorso anno quando, ad Amburgo, nell’estate maledetta di Federer, l’argentino 22enne aveva battuto prima Fernando Verdasco ai quarti e poi un Roger malconcio in semifinale, inciampando solo nell’ultimo atto contro Fabio Fognini. Il mancino di Azul, classe 1990 e divenuto pro nel 2007, si è sempre presentato come un soggetto interessante e, a parte qualche successo nei Challenger, ha raggiunto  la semifinale a Stoccarda nel 2011 e i quarti a Vina del Mar nel 2012 dove partì da qualificato.
E’ sicuramente grazie al trionfo della scorsa settimana, però, che Federico può vantare un nuovo best ranking alla posizione numero 44 del mondo: “Lo scorso anno sono riuscito a finire la stagione al numero 55”, ha affermato l’argentino in un’intervista all’ATP World Tour. “La top 100 è qualcosa di mitico, rompere il muro e entrare a farne parte ti agevola in molti tornei”.

“Vincere questo torneo è la cosa migliore che mi sia mai capitata”, ha continuato Delbonis. “La sensazione che si prova nel sollevare un trofeo è qualcosa di unico, spero che ricapiterà altre volte!”

Durante il cammino per il titolo in Brasile, l’argentino ha battuto Nicolas Almagro e Thomaz Bellucci, entrambi in 3 set, nonostante i due avversari fossero dati per favoriti: “Senza dubbio battere Nicolas mi ha dato molta confidenza con il mio gioco, e non da meno è stata la vittoria su Thomaz, con tutto il pubblico che mi tifava contro. Sono potuto arrivare in finale sicuro dei miei mezzi e con più grinta”.

Come anticipato, la maggior parte dei successi e delle soddisfazioni ottenute fino ad ora da Delbonis sono provenute dal mondo dei Challenger, e il ventitreenne è consapevole che il salto di qualità non sarà né facile né immediato: Per quest’anno mi auguro di riuscire almeno a mantenere i miglioramenti del 2013. La scorsa stagione ho avuto ottimi risultati in zona Challenger, e quello che mi auguro è che in questo 2014 io riesca a concentrarmi di più sui tornei ATP”.

Cresciuto con il mito del connazionale Guillermo Vilas, che innalzò a livelli incredibili la popolarità del tennis in Argentina, Federico ha ammesso di dover essere grato a molte figure che lo hanno accompagnato durante questi anni verso la top 50: “Sicuramente tutto ciò non sarebbe stato possibile senza le persone con cui sto lavorando ora. Il mio coach Gustavo, i miei preparatori atletici Facundo e Horacio, tutte personalità che mi hanno dato una stabilità. Sono grato anche a tutti coloro che hanno lavorato con me in passato, perché quello che sono lo devo al lavoro che ho sempre svolto”. 


Nessun Commento per “DELBONIS: “VINCERE È INCREDIBILE””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.