DJOKOVIC: “E’ STATA UNA RIMONTA INCREDIBILE”

Dopo il trionfo di Melbourne il serbo ha spiegato ai microfoni quanto sia stato vicino alla sconfitta
lunedì, 3 Febbraio 2020

TENNIS – Nell’epica finale di Wimbledon dello scorso anno contro Roger Federer aveva dovuto fronteggiare anche due match-point, ma probabilmente la rimonta messa in atto nell’atto conclusivo degli Australian Open 2020 ai danni di Dominic Thiem è stata ancora più clamorosa. Perché questa volta Novak Djokovic ha dovuto fare i conti con una condizione fisica precaria e l’essere riuscito a risalire la china contro un avversario come l’austriaco visto in queste due settimane a Melbourne ha veramente dell’incredibile.

“Credo che mi renderò conto di cosa ho fatto – ha affermato Djokovic ai microfoni dopo il trionfo – soltanto quando mi ritirerò. Ero sul punto di perdere la finale, ma ho cercato di lasciare passare i minuti sperando di ritrovare la giusta intensità a livello mentale. Ci sono riuscito e faccio ancora fatica a credere di aver portato a casa il titolo”. Nole infatti dopo aver perso il terzo set sembrava spacciato, soprattutto perché è stato costretto a chiamare un medical-timeout per un malessere che gli impediva quasi di stare in piedi. Ma le cose poi, come tutti hanno potuto vedere, sono andate diversamente. “Dopo aver perso il terzo parziale – ha spiegato il serbo – ho iniziato a sentirmi male. Il medico ha detto che ero disidratato e sono rimasto piuttosto scioccato perché prima del match ho fatto quello che faccio sempre. Non capivo quindi il motivo di quella disidratazione, ma ho cercato di affrontare la cosa nel migliore dei modi, senza farmi prendere dal panico, e pian piano le cose sono andate meglio”.

Fino a raggiungere l’ennesimo trionfo della sua carriera. “Dopo aver recuperato la situazione nel quarto set – ha detto Djokovic – mi sentivo meglio, ma sapevo che a quel punto il quinto e decisivo parziale sarebbe stato una lotteria. Ero convinto che sarebbe stato decisivo riuscire a strappare il servizio al mio avversario nelle fasi iniziali, e così è stato. A quel punto una volta acquisito il vantaggio avevo di nuovo l’inerzia mentale dalla mia parte e da lì sono riuscito a vincere la partita”. Contro un Thiem che comunque ha confermato di essere uno dei migliori giocatori al di fuori dei “Big-Three”. “Dominic – ha concluso Djokovic – è un giocatore straordinario. Gioca dei colpi pesantissimi, soprattutto con il dritto, e ha dimostrato di essere un campione. Probabilmente sono stati un paio di punti a decidere questa sfida, le cose potevano andare nella sua direzione ma di sicuro stiamo parlando di un giocatore che di queste finali ne giocherà tante altre”.

(Nella foto Novak Djokovic – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “DJOKOVIC: "E' STATA UNA RIMONTA INCREDIBILE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.