DJOKOVIC EVITA L’OSTACOLO MONFILS, MURRAY SUPERA DIMITROV

Masters1000 Parigi-Bercy: nella parte alta del tabellone i pronostici vengono rispettati, con Murray che batte Dimitrov e Djokovic che ha la meglio su Monfils
venerdì, 31 Ottobre 2014

TENNIS – Giornata senza sorprese al BNP Paribas Open di Parigi-Bercy, per quanto riguarda la parte alta del tabellone, ma pur sempre ricca di grande spettacolo visti i numerosi match con presenti teste di serie.

Procede spedita la marcia del N.1 del mondo Novak Djokovic, insidiato da Roger Federer per il primato nella classifica ATP, che nell’ultimo match serale sconfigge l’insidiosissimo francese Gael Monfils in due set: il primo parziale termina rapidamente, in poco più di mezz’ora (6-3 il punteggio), con Djokovic che strappa il servizio a zero nel secondo game, annullando anche due palle del contro-break proprio nel momento in cui stava servendo per il primo set. Il secondo parziale, invece, per quanto veda Djokovic ancora avanti di un break nel terzo gioco, si vede riequilibrare da un immediato contro-break per il francese, il quale si dimostra molto più solido al servizio di Djokovic riuscendo a portare la seconda partita al tie-break decisivo: Djokovic parte forte e, sul punteggio di 3-2, scappa definitivamente mettendo in fila altri quattro punti per il 7-2 finale.

Successo importante anche per Kei Nishikori, che riesce ad avere la giusta continuità dopo la splendida finale raggiunta agli US Open di quest’anno. Il giapponese, che partiva come N.6 del tabellone, riesce ad avere la meglio sul francese Jo-Wilfried Tsonga, N.10, in un match contraddistinto dai tanti errori e dalle molte palle break non sfruttate da una parte e dall’altra. Nishikori parte fortissimo e nel primo parziale domina totalmente nei turni di servizio del suo avversario, chiudendo sul 6-1, mentre nel secondo, dopo aver sprecato quattro palle break in un infinito sesto gioco, si deve arrendere al momento di servire sul 4-4, perdendo il servizio e permettendo a Tsonga di impattare sull’1-1. Nel terzo parziale è ancora Tsonga a premere sull’acceleratore ed a conquistare due palle break nel terzo game seppure senza concretizzarle, ma proprio sul finire del set, quando i servizi sembravano reggere, sul 4-5 30-15 il francese si inceppa e perde tre punti consecutivi con il risultato di abbandonare il torneo di casa.

I primi due incontri in ordine cronologico vedono come protagonisti David Ferrer, impegnato contro Fernando Verdasco, e Andy Murray, alla ricerca del pass per le Finals di Londra contro Grigor Dimitrov. Se nel derby iberico sostanzialmente non c’è partita, con Ferrer che fa suo il match in appena 55 minuti di gioco con il punteggio di 6-1 6-2, nel rematch della semifinale del torneo di Acapulco, vinta allora da Dimitrov, c’è molta partita nonostante il risultato alla fine dica nettamente “Murray”.

Il britannico, dopo i problemi post-operazione di inizio stagione, sembra essere tornato a livelli altissimi riuscendo ad intrappolare il suo avversario nella sua ragnatela di colpi da fondo campo molto ben assestati, con il bulgaro N.9 del seeding che non riesce a trovare alcun varco utile. A fine partita, con tre break ottenuti da Murray, Dimitrov non sarà mai arrivato a palla break, uscendo nettamente sconfitto ai punti in un match che avrebbe potuto dargli ancora qualche speranza per la partecipazione alle Finals; Murray d’altro canto si guadagna la chance di affrontare Novak Djokovic nei quarti di finale del torneo puntando fortemente alla vittoria finale.

Risultati:

A.Murray[8] b. G.Dimitrov[9] 6-3 6-3

D.Ferrer[4] b. F.Verdasco 6-1 6-2

K.Nishikori[6] b. J.W.Tsonga[10] 6-1 4-6 6-4

N.Djokovic[1] b. G.Monfils 6-3 7-6(2)


Nessun Commento per “DJOKOVIC EVITA L'OSTACOLO MONFILS, MURRAY SUPERA DIMITROV”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.