DJOKOVIC-FEDERER, LA FINALE DI WIMBLEDON E’ IL MATCH DELL’ANNO

La Atp ha incoronato la straordinaria sfida giocata dal serbo e lo svizzero lo scorso 6 luglio a Church Road quale miglior partita della stagione 2014 tra i tornei del Grande Slam. Sulla distanza dei tre set lo scettro è andato alla semifinale delle Atp Finals tra Roger e Wawrinka
giovedì, 4 Dicembre 2014

TENNIS – Un set pari, il tie-break del terzo sposta l’ago della bilancia in favore di Djokovic e il serbo sfrutta il momento per salire 5-2 anche nel quarto. Siamo a Wimbledon 2014, è la finale, sembra finita per Federer, Nole va a servire per il torneo sul 5-3 e tutto lascia pensare ad una rapida conclusione della sfida in quattro set, e invece…

Mentre il pubblico comincia già a pensare al modo migliore per terminare il pomeriggio londinese, Roger dà vita ad una rimonta incredibile e nessuno avrebbe potuto immaginare che una partita praticamente finita sarebbe diventata il match dell’anno. La Atp infatti ha ufficialmente incoronato la finale giocata lo scorso 6 luglio a Church Road quale “match of the year” tra i tornei del Grande Slam, e non potevano che essere Federer e Djokovic a lasciare la firma sulla sfida più spettacolare ed emozionante del 2014.

Roger cercava di tornare sul trono dopo il trionfo del 2012, Nole voleva riscattare la finale persa un anno prima contro Murray, e le aspettative degli appassionati non sono state tradite. D’altra parte questa esaltante finale è un po’ lo specchio della stagione appena conclusa, che ha visto Djokovic (per la terza volta numero uno del ranking mondiale a fine anno) e Federer (autore di dodici mesi straordinari culminati con la gioia della Davis) una spanna sopra tutti.

Ma non è finita qui per Nole, perché il serbo si accomoda anche sul secondo gradino del “podio”, visto che la medaglia d’argento tra i match più spettacolari dei tornei del Grande Slam la Atp l’ha assegnata al suo match contro Wawrinka nei quarti di finale degli Australian Open. Un anno dopo aver battuto lo svizzero a Melbourne 12-10 al quinto set, il tabellone ha disegnato un re-match che non ha deluso i fan della Rod Laver Arena, ma stavolta è stato Stan the Man a ridere per ultimo, strappando la vittoria 9-7 al quinto. Nonostante si fosse ritrovato sotto di un break nel set decisivo, Wawrinka ha mantenuto i nervi saldi, riuscendo ad interrompere l’impressionante striscia di 25 vittorie consecutive messa insieme fino a quel momento da Djokovic a Melbourne Park.

Sulla scia di questo successo poi, l’elvetico avrebbe continuato a cavalcare l’onda perfetta fino al trionfo nella finale contro Nadal: una impresa straordinaria, per certi versi storica, come quella (fresca di poche settimane) sfiorata dallo stesso tennista svizzero contro Roger Federer nella semifinale delle ultime Atp Finals. E’ questo infatti il match dell’anno scelto dal board del circuito mondiale tra le sfide giocate sulla distanza dei tre set. Sì, proprio quello dell’affaire Mirka, che ha rischiato di minare sul nascere le vellietà del team svizzero di Coppa Davis ad una settimana dalla finale di Lille. Anche in questo caso, con Wawrinka avanti di un set e al servizio sul 5-3 in proprio favore nel secondo, i giochi sembravano fatti ma, proprio come a Wimbledon, Roger ha dato vita ad un incredibile “comeback” salvando quattro match-point prima di vincere 7-6 in un tie-break veramente thrilling.

La discussione tra i due tennisti svizzeri nello spogliatoio dopo il misunderstanding tra Stan e la signora Federer, i problemi alla schiena del numero due del mondo e la “pace” di Lille (rafforzata dalla conquista dell’insalatiera d’argento) ormai fanno già parte della storia, ma un grazie a Federer, Djokovic e Wawrinka per aver regalato agli appassionati di tutto il mondo dei match tanto emozionanti, fatti di colpi di altissimo livello ed emozioni a non finire, è d’obbligo.


Nessun Commento per “DJOKOVIC-FEDERER, LA FINALE DI WIMBLEDON E' IL MATCH DELL'ANNO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.