DJOKOVIC: “HANNO IGNORATO LE MIE RICHIESTE!”

TENNIS - Il numero 1 Novak Djokovic è stato eliminato da Rafael Nadal alle semifinali del Roland Garros. Il maiorchino, nella finale di domenica, incontrerà il connazionale David Ferrer che ha infranto i sogni di gloria del francese Jo-Wilfried tsonga. Le dichiarazioni del post-match.
sabato, 8 Giugno 2013

Novak Djokovic si sente ignorato. È questo quello che ha detto dopo la sconfitta inflittagli ieri da Rafael Nadal. Il serbo sostiene che le sue richieste per migliorare la superficie del Philippe Chatrier sono state ignorate. Come se fosse possibile ascoltare e soddisfare le richieste di qualsiasi tennista si metta in testa che qualcosa non va bene. Djokovic sosteneva che il campo fosse troppo asciutto e scivoloso, rendendo il movimento su tutta la superficie troppo difficile e ha anche convocato Fransson in campo per sfogare le sue frustrazioni.

“Fuori dal campo mi avevano detto che è il personale addetto alla terra che prende la decisione finale sull’innaffiamento. Il supervisore ha detto che è lui che decide”, ha detto Djokovic, dopo la sua sconfitta per 6-4, 3-6, 6-1, 6-7(3), 9-7. “Il vento soffiava via un sacco di argilla e dopo ogni cambio nel set finale mi è stato chiesto da quanto tempo stavamo giocando. Il supervisore mi ha detto che avrebbe parlato con il personale addetto. Non ho chiesto di innaffiare il campo perché volevo infastidire il mio avversario o fare qualcosa di simile. L’ho fatto per me stesso, perché sentivo che era molto secco e scivoloso.”

Dal canto suo Rafa Nadal si è mostrato abbastanza indifferente a questa richiesta, anzi, ha detto che non avrebbe avuto alcun problema se la superficie del centrale fosse stata innaffiata. “Non mi pare fosse scivolosa, ma ognuno è libero di chiedere le cose”, ha detto. “Quando ho ricevuto la domanda dall’arbitro ho risposto che avrei preferito di no, ma se avessero bagnato il campo non avrei detto nulla contro.”

Durante il match Djokovic ha perso un punto sul 4-3 e deuce quando si è scontrato con la rete, un punto che lo avrebbe portato avanti 5-3. In aggiunta gli è stato dato un warning per una violazione di tempo al servizio. Anche Nadal, in precedenza, era stato penalizzato di un punto per la stessa infrazione.

“La mia tesi è che la palla era già fuori dal campo, quando ho toccato la rete”, ha detto Djokovic la cui sfida è stata minata da 75 errori non forzati. “Chi sa quale direzione il match potrebbe aver preso se avessi vinto quel punto.”

Il serbo, che ha ancora bisogno di un titolo del Roland Garros per completare il Career Slam, ha elogiato Nadal per aver lottato così intensamente per raggiungere l’ottava finale dei French Open.

“Mi congratulo con il mio avversario perché ha mostrato coraggio nei momenti giusti e ha giocato i suoi colpi anche quando era in svantaggio di un break”, ha detto Djokovic dopo la sua quinta sconfitta da Nadal a Parigi. “Ha lottato e ha dimostrato perché è un grande campione”.

Rafa Nadal in finale troverà David Ferrer, 31 anni e suo connazionale, sul quale è in vantaggio 19-4 negli scontri in carriera, 16 vittorie delle quali arrivate sulla terra battuta. Ma il maiorchino non dà nulla per scontato.

“Durante tutta la mia carriera ho imparato a soffrire e questo tipo di partite sono molto speciali. Non si ha la possibilità di giocare questo tipo di match ogni giorno”, ha detto Nadal. Poi ha continuato parlando della dura semifinale contro Djokovic. “Si soffre durante queste partite, ma mi piacciono molto questi momenti. Mi piace la sofferenza, perché ciò che è più difficile è rimanere a Maiorca, come l’anno scorso, e doverle guardare in TV. Oggi sono qui, si può perdere e si può vincere. Questo fa parte dello sport ed è la cosa più bella.”

Ferrer, quarta testa di serie, ha raggiunto la sua prima finale senza perdere un set. Ovviamente si è ritrovato la strada spianata quando Andy Murray si è tirato fuori dal torneo per un infortunio e quando Roger Federer è stato rocambolescamente eliminato ai quarti di finale da Jo-Wilfried Tsonga. Lo spagnolo ha quindi superato il francese 6-1, 7-6, 6-2 nella sua semifinale ma è ben consapevole che la sua unica vittoria sulla terra rossa contro Nadal è arrivata nel loro primo incontro a Stoccarda nel 2004, quando il suo connazionale aveva solo 16 anni. Oltre a perdere contro Nadal nei quarti di finale a Parigi nel 2005 e l’anno scorso in semifinale, Ferrer ha già perso tre volte dal suo connazionale nel 2013, tutte le volte sulla terra battuta.

“E ‘un sogno per me essere in finale di un Grande Slam, e il Roland Garros è il più importante per me”, ha detto Ferrer. “Mi batterò. Rafael è molto difficile da battere, su tutte le superfici, ma su un campo in terra battuta è ancora più difficile. Penso che avrò bisogno di giocare il mio miglior tennis per batterlo. Devo giocare in maniera aggressiva per tutto il match.”

Ferrer ha spento ieri le speranze di Jo-Wilfried Tsonga di porre fine ai 30 anni di attesa della Francia per ritrovare un campione del Grand Slam dopo Yannick Noah nel 1983. Ma per Tsonga è stato un caso di una mancata opportunità quello di non raggiungere la sua seconda grande finale, dopo quella degli Australian Open nel 2008.

“Si può sempre tornare su quello che si è fatto e dire ‘avrei dovuto fare questo o quello’,” ha detto Tsonga, che ha abbattuto il 17 volte campione del Grande Slam, Roger Federer, in tre set nei quarti di finale.

Mi sarebbe piaciuto giocare meglio a tennis. Non ci sono riuscito. Onestamente, mi sentivo bene,” ha detto Tsonga, minimizzando il peso delle aspettative su di lui. “Non mi è stato fatto pesare.”

Il precedente match tra Nadal e Djokovic ha particolarmente affascinato il pubblico, ma anche lo ha anche stancato, tanto che il sentimento di delusione era evidente quando Tsonga ha camminato su un campo centrale mezzo vuoto.

“Gli spalti non erano pieni, erano mezzi vuoti”, ha detto Tsonga. “E’ stato un po’ strano.” Da non sottovalutare la sensazione di sconforto che ha avvolto la folla dopo il set che Ferrer si è aggiudicato in 33 minuti. “Quello che mi ha sorpreso è stato che lui era ancora più veloce del solito”, ha detto Tsonga. “A volte era un po’ inquietante.”

Derby spagnolo quindi al Roland Garros domenica pomeriggio. Il super favorito è certamente Rafael Nadal ma, consentitemi, il guerriero 31enne David Ferrer merita qualcosa come uno slam per la forza e l’umiltà mostrata durante tutta la sua carriera. Un professionista eccellente ed una persona ammirevole.


10 Commenti per “DJOKOVIC: "HANNO IGNORATO LE MIE RICHIESTE!"”


  1. rudy ha detto:

    ENERU SE NON HAI IL 3D TACI ,IO CE LO E NOLE HA TOCCATO LA RETE PRIMA CHE CADESSE IN CAMPO ,LA PLLA ERA A 15 CM DI ALTEZZA PRIMA DI CADERE ,PRENDI LA PARTITA VA A VEDERE E GUARDA CON LA LENTE DI INGRANDIMENT E LO EDI SUBITO ,MA CARI MIEI IL RECORD DI NADAL è EVOLUTO ,ED VOI NON POTETE VOLERLO PERCHE ROGER NON LO HA FATTO LUI

  2. bear2460 ha detto:

    Volevo dire ad ENERU che è veramente un grande intenditore di tennis, e ricordargli che Nadal ha vinto 20 dei 30 scontri diretti con Federer…A diretta conferma di quello che ha capito e visto sulla rivalità dei due…Vittorie tra le quali ci sono state più occasioni in cui lo svizzero ha visto poco la pallina…Comunque caro ENERU, a proposito di puzzoni, termine che elegantemente utilizzi nei confronti di Nadal, ti suggerirei di interessarti ai campionati mondiali di scoregge. Con la cultura che ti ritrovi potresti essere ricordato come il più grande commentatore di gare di peti della storia. Davvero!

  3. bear2460 ha detto:

    Perché tanto astio contro questo ragazzo? Da oggi è l’unico giocatore nella storia ad aver vinto 8 volte lo stesso slam…Per molti sarà anche una giornata nera, ma indubbiamente oggi è entrato ancor più nella storia del tennis! O no?! E non è il mio giocatore preferito di sempre…

  4. bear2460 ha detto:

    Domanda: sono più numerose le occasioni in cui Federer ha spazzato via Nadal, o di più le volte in cui è accaduto l’esatto opposto…? Fino a quando non sarà provato che si dopa, onore al più grande giocatore della storia su terra rossa, che piaccia o no…

  5. Rosa ha detto:

    Nadal ha STRAVINTO con Djocovic e non ha RUBATO niente a nessuno. ha dimostrato di essere il più forte e non ci sono dubbi. Poi come al solito c’è chi non lo accetta e INVENTA che è dopato o altre scuse …. bisogna vedere la realtà Djocovic è un tennista FORTISSIMO ma Nadal lo è altrettanto…. VAMOS RAFA

  6. eneru ha detto:

    Roger Federer è tecnicamente e come talento il miglior modello mai apparso su un campo. Il fatto che non abbia avuto avversari è dovuto al semplice fatto della sua estrema superiorità sotto ogni aspetto, che fa apparire gli altri dei dilettanti. Il problema con Nadal è dovuto allo stile di gioco del maiorchino, con quei livelli di top spin e il gioco ultra tecnico di Federer (con un piatto corde che sembra quello degli anni ’70, con cui solo lui riesce a giocare), costringe Roger a forzare molto. Se si guardano le statistiche degli incontri diretti, sono caratterizzati da un altissimo numero di errori non forzati di Federer, senza i quali, quando Federer non sbaglia e gioca il suo tennis, Nadal può solo fare da spettatore! Ci sono stati scontri diretti dove Federer ha commesso pochissimi errori e Nadal è stato spazzato via. Il gioco di Nadal è rozzo e molto fisico (i dubbi si vedranno nel tempo), all’età di Federer non ci arriverà nemmeno con il suo tennis…

  7. il logico ha detto:

    Avrei voluto che vincesse Djokovic anche perchè Nadal mi ha proprio stufato ma bisogna essere obiettivi e ammettere che Nadal è il più grande tennista della terra battuta e che io abbia mai visto giocare in generale! Certo non sarà spettacolare il suo gioco.. anzi fa proprio schifo visto che a me piacciono i tennisti serve&volley…ma ha un controllo della pallina che non ho mai visto a nessun giocatore! Federer viene considerato il + grande di tutti i tempi ed è ridicolo visto che con l’unico avversario che ha avuto in questi anni negli scontri diretti non c’è partita! Djokovic è il classico serbo,poteva tranquillamente vincere poichè l’inerzia dell’incontro era dalla sua ma si è impuntato sul tocco della rete;io sono d’accordo con lui ma nel game dopo era arrivato nuovamente a parità e lì se era + forte vinceva,non ci sono scuse! Peccato perchè questi spagnoli oramai mi hanno proprio rotto,vincono in tutti gli sport che contano da anni e hanno tantissimi campioni!Entrano in campo con uno spirito guerriero,una grinta,una personalità che a un italiano non vedi mai.Noi italiani sappiamo solo ammazzarci tra di noi e poi con gli altri siamo delle mozzarrelle.

  8. simone ha detto:

    Nadal all’ultimo game del quinto set corre come se fosse ancora al primo set. Come si fa a battere uno così? Uno che recupera TUTTO dal primo all’ultimo game!! Io qualche dubbio lo avrò sempre…

  9. eneru ha detto:

    Nadal non ha perso occasione per dimostrare di essere un puzzone… Indicava il fallo di Nole come un bambino che sapeva di aver perso e non ci stava. Il presunto fallo inoltre è tutto da vedere, in quanto la palla di Nole era già fuori dal campo e probabilmente aveva già toccato terra per la seconda volta prima che Nole toccasse la rete. Questo significa che il gioco è fermo e punto assegnato, il fallo di invazione a gioco fermo non esiste. Per non parlare della palla chiamata fuori dal giudice di sedia che è anche andato a controllare!! Quando il falco ha evidenziato benissimo la palla in campo. Che dire, Nadal RUBA la finale a Djokovic… Che amarezza.

  10. renato ha detto:

    diceva un noto ministro italiano “pensare male non è sbagliato!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.