DJOKOVIC: “MI SENTO SOLLEVATO DOPO IL SUCCESSO AD INDIAN WELLS”

La vittoria ad Indian Wells ha ridato energia e fiducia a Novak Djokovic. Il serbo alla vigilia del Sony Ericsson Open di Miami, si dice sollevato e pronto al poker in Florida. Nel tabellone di Cradon Park Nole potrebbe incontrare ancora un Roger Federer tornato “Uno dei migliori al mondo”

Tennis – La vittoria della scorsa settimana ad Indian Wells ha riconsegnato al mondo del tennis un Novak Djokovic rigenerato. Il serbo, numero due al mondo, contro un Roger Federer tornato ai livelli di competenza, ha centrato il 42esimo successo in carriera che lo proietta tra i protagonisti per il proseguo della stagione.

Lo stop ai quarti agli Australian Open e la semifinale persa al Dubai Duty Free Championships avevano impresso negativamente l’inizio di stagione per il 26enne di Belgrado che ora, a Miami, è pronto a dare seguito a quanto di buono visto sul cemento californiano di Indian Wells.

“ E’ stato un sollievo per me” ha detto Nole in conferenza stampa a Cradon Park “Non ho giocato molti tornei in questa prima parte di stagione. Sapevo che stavo praticando un buon tennis ma qualcosa non stava andando per il meglio. Ho iniziato a dubitare di me stesso sul campo. Ho faticato molto a mantenere costante la concentrazione. In tutto il torneo (Indian Wells) ho avuto alti e bassi, ma sono riuscito ad arrivare fino in fondo vincendo quattro partite su sei in tre set”.

“Mentalmente è stata una vittoria molto incoraggiante che mi regala molta fiducia  per il proseguo della stagione” ha continuato il serbo alla vigilia di Miami “Era quello di cui avevo bisogno in questo momento, spero che ciò potrà essermi utile durante la settimana a Miami”

Djoko si presentain Florida come uno dei favoriti. Dopo i successi ottenuti nel 2007 contro Canas, nel 2011 contro Nadal e l’ultimo nel 2012 contro Murray, Nole cerca il poker al Sony Ericsson Open, ma dovrà lavorare ancora senza il supporto di Boris Becker. Il coach tedesco, secondo i programmi, sarebbe dovuto tornare nel box del serbo a Key Biscayne, ma il recupero dopo l’operazione subita all’anca non gli permette grossa mobilità. Accanto a Novak ci sarà ancora Marian Vajda, “Più che un allenatore, un padre ed un fratello” come ha spesso dichiarato lo stesso giocatore serbo, che sotto i dettami tecnici del coach slovacco ha portato a casa l’ultimo successo al Bnp Paribas Open.

A Miami Djokovic potrebbe nuovamente incrociare la strada con Roger Federer. Sarebbe la sfida numero 3 in stagione per i due che si sono già scontrati a Dubai ed in California. Al momento il parziale nel 2014, parla di un pareggio ma Nole, spende parole di stima per l’ex numero uno tornato, nonostante la sconfitta subita al Main Stadium, a regalare prestazioni da numero uno.

“Credo che Roger stia giocando ad altissimo livello, è tornato quello che per sette, otto anni, ha dominato la scena nel tennis maschile. Ovviamente nella scorsa stagione non era in forma e non poteva rispondere ai suoi standard”

“Quest’anno” ha concluso Djokovic “ha iniziato la stagione alla grande. Sta colpendo la palla in maniera molto pulita, ha ritrovato la fiducia in campo migliorando anche il suo rovescio. Forse è merito del cambio di racchetta, o forse altro, ma sicuramente ha messo a punto questo colpo. La sua immensa esperienza ed i successi ottenuti in carriera lo fanno essere sempre tra i favoriti. Non importa quanti anni ha, sono solo numeri. Se sta bene in campo, se è in forma, rimane ancora oggi uno dei migliori giocatori al mondo


Nessun Commento per “DJOKOVIC: “MI SENTO SOLLEVATO DOPO IL SUCCESSO AD INDIAN WELLS””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FEDERER, MURRAY E LA FEBBRE DEGLI ANNI ‘80 TENNIS – A un giorno dall’inizio dell’Australian Open, lo scozzese e lo svizzero esprimono tutto il loro entusiasmo per il ritorno nel circuito di Boris Becker, Stefan Edberg e Michal […]
  • DJOKOVIC: “CON BECKER PER CAMBIARE MENTALITA’” Nole Djokovic è pronto a tornare in campo, ed alla vigilia del torneo di Dubai in cui deve difendere il titolo, spiega le motivazioni della sua collaborazione con Boris Becker. “Con lui […]
  • INDIAN WELLS: DEL POTRO C’E’, POLSO PERMETTENDO Juan Martin del Potro torna in campo. Sul cemento di Indian Wells il gigante di Tandil prova a scacciare i fantasmi dell'infortunio del 2010, testando le condizioni del polso sinistro.
  • NOVAK DJOKOVIC COME ROD LAVER? Sicuro assente a Madrid, il serbo ha in questo momento il più grande vantaggio di sempre in termini di punti sul secondo classificato e ha vinto tutti e sei gli ultimi eventi più […]
  • THOMAS ENQVIST NUOVO COACH DI VERDASCO È Thomas Enqvist la nuova guida tecnica di Fernado Verdasco. L’ex campione svedese, entrato a far parte del team dello spagnolo, lo seguirà almeno fino al Roland Garros.
  • MURRAY, LA SCALATA AL TRONO E L’ODIATA TERRA ROSSA Tennis – Archiviata la campagna americana con un quarto di finale ad Indian Wells e la rocambolesca vittoria di Miami, l'ormai prossima stagione sulla terra rossa diventa per Murray […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.