DOPO SIMON ANCHE TSONGA

L’eroe del giorno a Bercy è il nero francese, che dopo Gilles Simon al Masters Series di Madrid, continua a far sognare i transalpini
sabato, 1 Novembre 2008

Parigi (Francia) 31 ottobre 2008 –  Davvero impossibile prevedere alla vigilia del Masters Series di Parigi Bercy (€ 2.270.000) che la giornata dei quarti di finale potesse essere tanto sfortunata. Roger Federer (n.2), sofferente alla schiena, non è sceso in campo per la felicità di Blake (n.11), che può continuare a sperare di partire per la Cina. Rafael Nadal (n.1) non è riuscito a completare il primo set ceduto ad un centratissimo Davydenko (n.6) col punteggio di 6/1. Ma anche l’iberico è stato costretto a ritirarsi stavolta a causa di problemi al ginocchio destro. Ottimo successo per Nalbandian (n.8) capace di approfittare delle incertezze di Murray (n.4), soprattutto al servizio.

La giornata è stata salvata dal match serale fra Roddick (n.7) e Tsonga (n.13). L’appassionante incontro è stato vinto (per la prima volta) dal francese con lo score di 5/7 6/4 7/6 (5). Determinante ancora una volta il supporto del pubblico che ha incoraggiato Jo-Wilfried soprattutto nel 2° set quando questi ha dovuto annullare 10 palle breaks. Nella frazione decisiva Roddick ha sciupato un vantaggio di un break nel 4° game. Segnaliamo anche la professionalità del giudice di sedia Layani spiegandone il motivo. Sul 5/4 del 3° lo statunitense è al servizio e sul 40/0 gli viene negato l’ace. Chiede l’utilizzo di “occhio di falco”, ma secondo il Supervisor Carlos Sanches Andy non ne ha più a disposizione. Alla fine il giudice di sedia si assume la responsabilità di concederlo al campione americano.  Domani Tsonga se la dovrà vedere con Blake, mai incontrato prima. Se perde l’americano verrà escluso dalla lotta per un posto al Masters.

A proposito d’infortuni riportiamo infine due notizie. La prima riguarda Juan Martin Del Potro (n.9), eliminato ieri ed ancora non sicuro di poter far parte del “team degli 8”. Il ventenne dovrà risolvere il problema di un’unghia incarnita al piede destro. La seconda è stata diffusa da Kris Dent, direttore delle Comunicazioni Atp, Il dirigente ha dichiarato che dal 2009 non si disputerà nessun evento sul tappeto indoor. La “vecchia superficie” sarà sostituita dal cemento.


Nessun Commento per “DOPO SIMON ANCHE TSONGA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.