DOPPIO DEL POTRO A BASILEA, YOUZHNY VINCE A VALENCIA

TENNIS - L'argentino bissa il successo dello scorso anno battendo di nuovo in finale Federer. Lo svizzero esce sconfitto, ma stavolta a testa alta. La matematicità delle Finals non c'è ancora. Il soldatino russo conquista il 500 di Valencia battendo il tre volte campione Ferrer, da domani rientrerà in Top 15
domenica, 27 Ottobre 2013

Tennis. La storia che si ripete, a distanza di un anno. Come nel 2012, sempre a Basilea nel suo regno, Roger Federer cede in tre set al terribile Juan Martin Del Potro davanti allo sportivissimo pubblico svizzero che al termine del match ha applaudito il bis campione dello Swiss Indoors Basel. Non si può dire che la vittoria dell’argentino non sia stata meritata. Palito in questo splendido finale di stagione sta infilando prestazioni maiuscole una dietro l’altra ed ha già battuto due su tre degli (oramai) ex fab four, e chissà che nelle prossime uscite non possa fare cifra tonda. Quello che c’è di concreto è che abbiamo davanti un Del Potro formato deluxe che promette di stupire alle imminenti Finals. Granitico, cattivo ed aggressivo il sudamericano che quest’oggi ha intascato il quarto titolo stagionale dopo Rotterdam, Washington e Tokyo, il secondo delle ultime tre settimane.

Scontro diretto numero 18 tra il quinto ed il sesto giocatore del ranking mondiale. In nettissimo vantaggio c’è ancora Federer con ben 13 successi, Del Potro insegue e comincia a fare sul serio avendo vinto gli ultimi due incroci, tre con quello di stasera. Il match nel primo set è tirato, i due tennisti si scambiano un break poi non rischiano più nulla avvalendosi di discrete, ma non ottime, percentuali al servizio (unica nota stonata i pochi punti portati a casa da Federer con la seconda, cosa che ha pesato molto nell’economia totale del set). Il primo a fare le prove di fuga è proprio Delpo che nel settimo gioco approfitta di due doppi falli dell’avversario per andare a servire per il parziale sul 5-3. Immediato il controbreak del padrone di casa ottenuto a zero che riequilibra la situazione. Per lo svizzero i pericoli non sono finiti, perché è costretto ad annullare due set point sul suo servizio sul 6-5 a favore di Del Potro. Si va al tie break dove è proprio Palito a  prendere subito il largo ottenendo il minibreak al primo punto. Quando l’elvetico non mette la prima il gigante di Tandil ha facile gioco nel mandarlo fuori dal campo con le accelerazioni di dritto, ma anche di rovescio, e chiudere subito dopo il punto. Un gratuito dell’argentino consente a Roger di rientrare nel punteggio, ma solo per un attimo. Il sudamericano è una furia e chiude 7 a 3 dopo quasi un’ora di gioco. La seconda frazione vede la riscossa di Federer che accompagnato dalla folla in delirio ottiene un precoce break nel secondo gioco. Del Potro sembra rifiatare e non riesce ad offendere l’avversario in risposta, ma anzi finisce col perdere di nuovo il servizio nell’ottavo gioco aprendo il campo al pareggio del padrone di casa che rimette così tutto in discussione. Ad inizio terzo set l’episodio decisivo del match. Nel primo gioco Federer si fa rimontare dal vantaggio iniziale di 40-15 a causa di due doppi falli (ancora) e finisce col perdere fatalmente il servizio. A nulla valgono i tentativi nel game seguente di riprendersi il break, Del Potro fa buona guardia ed annulla le due palle break conquistate dallo svizzero. Dopo di che per l’argentino si tratta solo di amministrare il vantaggio e chiudere dopo 2 ore e 21 minuti agguantando per il secondo anno consecutivo la corona di Basilea. Manca l’appuntamento con il sesto trionfo Federer che non ha ancora la certezza matematica della partecipazione alle Finals che avranno luogo fra due settimane. Si tratta però solo di una formalità dato che gli basterà vincere il suo incontro di secondo turno a Parigi contro Kevin Anderson o Mikhail Youzhny per poter prenotare il biglietto aereo per Heathrow.

La seconda finale maschile di giornata ha visto invece la sorprendente vittoria a Valencia del russo Mikhail Youzhny che, sovvertendo i pronostici della vigilia, si è imposto in due set sul primo favorito David Ferrer. Lo spagnolo già tre volte campione in casa perde dunque la sua seconda finale in due settimane, dopo la sconfitta subita da Grigor Dimitrov a Stoccolma. È senza dubbio un Ferrer non brillantissimo quello che si presenta al rush finale di questa stagione. Sebbene la secca vittoria in semifinale contro il connazionale Nicolas Almagro avesse fatto ben sperare, quest’oggi l’iberico si è lasciato troppo facilmente sorprendere dal soldatino russo che ha così intascato il secondo trofeo stagionale, quarto tennista over-30 a vincere a più di un titolo quest’anno dopo Tommy Haas, Nicolas Mahut e lo stesso Ferrer.

Ottavo scontro diretto tra i due veterani. Youzhny con la vittoria di oggi ha aumentato il vantaggio portandosi a quota cinque vittorie. Ferrer paga una certa indecisione in questa finale a confronto con uno Youzhny fortemente determinato che quando arriva in fondo difficilmente sbaglia. Emblematico a tal proposito il secondo set. L’iberico è bravo, dopo aver ceduto il primo parziale, a portarsi avanti di un break salendo 3-0. Subito dopo il numero 3 del mondo sciupa tutto facendosi rimontare sino al 3 pari. Quando poi l’esito del set sembrava dovesse decidersi al tie break ecco che arriva la zampata decisiva del russo che nell’undicesimo game ottiene un break fondamentale che lo porta a servire per la vittoria. Nel gioco seguente Ferru riesce ad annullare un match point, ma non di più. Youzhny  può tornare a fare il saluto militare dopo l’acuto di Gstaad. Per il 31enne di Mosca ci sarà anche la soddisfazione di rientrare in Top 15 da domani in virtù di quest’ottimo risultato.

Di seguito i risultati:

Swiss Indoors Basel, Basilea – Finale

Juan Martin Del Potro [1] d Roger Federer [3] 7-6(3) 2-6 6-4

Valencia Open 500 – Finale

Mikhail Youzhny d David Ferrer [1] 6-3 7-5


Nessun Commento per “DOPPIO DEL POTRO A BASILEA, YOUZHNY VINCE A VALENCIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FEDERER VEDE IL SESTO ALLORO CASALINGO Battendo senza difficoltà il francese Paul Henri Mathieu, Roger ha raggiunto la nona finale in carriera nella sua Basilea, dove domani andrà a caccia del sesto successo. Sulla sua strada […]
  • IMPRESA NISHIKORI: DJOKOVIC K.O. Grande sorpresa nella prima semifinale del ‘500’ di Basilea, che ha promosso all’ultimo atto il giapponese, a segno su uno spento ‘Nole’. Domani la sfida con Federer. Finale […]
  • FEDERER DOMA BECKER A Basilea lo svizzero, cinque volte campione dell'evento, supera il primo turno su B.Becker. Avanti anche Benneteau e Kubot. A Valencia Fognini lotta ma cede in tre set a Isner. Hewitt […]
  • DEL POTRO CERCA IL BIS A BASILEA CONTRO FEDERER TENNIS - Semifinali allo Swiss Indoors Basel. Il campione in carica Del Potro supera in tre set Roger-Vasselin e domani cercherà di bissare il successo dello scorso anno. Nella seconda […]
  • GIRONE DI FERRO PER DJOKOVIC, NADAL FORTUNATO TENNIS – Sorteggiati a Londra i due gironi all’italiana delle Atp Finals 2013. Nel girone A, Rafael Nadal trova David Ferrer, Tomas Berdych e Stanislas Wawrinka. Molto equilibrato il […]
  • CLASSIFICA E RACE ATP, FEDERER E MURRAY PROTAGONISTI Rosicchia centimetri King Roger verso la prima piazza ancora occupata da Novak Djokovic. Mentre lo scozzese, trionfatore a Valencia, vede sempre più vicina Londra

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.