E ORA LA FESTA SVIZZERA: TUTTI A LOSANNA PER STAN

Si festeggia nella città di Wawrinka. Un caso? L'assessore: "La nostra città è stata scelta dalla squadra, da Federer in particolare"
lunedì, 24 Novembre 2014

TENNIS – C’è anche l’orgoglio svizzero, cosa credevate? “Proud to be swiss!”, come scrivono su Twitter i connazionali vip di Roger Federer, Stan Wawrinka e compagnia. Tutti a celebrare un trofeo che nel piccolo eppur potentissimo Paese non era mai entrato. Noi italiani ironizziamo spesso sui mille cliché elvetici, scherziamo su cioccolato, puntualità, ricchezza e neutralità. Invidiamo l’ordine e la pulizia delle strade svizzere, ma ieri, molti di noi, erano davanti alla tv con gli occhi umidi, magari emozionati dinanzi alla commozione di Federer. Per farla breve, molti di noi vorrebbero essere oggi pomeriggio a Losanna, in Place de la Navigation.

E’ questa, infatti, la sede scelta per accogliere gli eroi di Lille, ventiquattr’ore dopo aver sconfitto la Francia, in una delle finali di Coppa Davis più chiacchierate di sempre. Una finale contraddistinta dalle frecciatine, dalle polemiche, persino dalle incomprensioni all’interno del fino a un mese fa placido clan rossocrociato. Una squadra che da ieri sera non fa che brindare. L’inizio della festa – di sicuro composta, sono pur sempre svizzeri… – è fissato per le 16.

Per gli stessi media elvetici, l’indicazione sulla location non è arrivata a caso. Anzi. Losanna è la città dove ventinove anni fa nacque Stanislas Wawrinka, il quale torna dalla Francia con una bella vittoria su Jo-Wilfried Tsonga e il successo nel doppio con il mentore-amico e, dopo Londra, anche compagno di sporadici bisticci per non dire “scazzi”, Roger Federer. Un Wawrinka ingiustamente considerato quasi marginale nella trasferta transalpina. Tutti a puntare gli occhi su King Roger, alla caccia dell’unico trofeo che gli mancava. La dura legge dello sport e della popolarità.

“A quanto sembra, la scelta è venuta per volontà di tutta la squadra e in particolare di Federer”, ha invece precisato l’assessore allo Sport di Losanna, Patrice Iseli, al quotidiano “Le Matin”. “Tutti volevano rendere onore  a Stan Wawrinka, e questo è da sottolineare. Comunque sia, la passione per la nazionale di tennis è fortissima in questa parte del Paese”. Losanna è la capitale del Cantone di Vaud, ma anche dello sport mondiale: lì ha infatti sede il Comitato Olimpico Internazionale, da lì si tirano i fili. Conta circa 150.000 abitanti, negli ultimi giorni ammalatisi di tennis-mania.

Difficile comunque prevedere quanta gente ci sarà alla festa: “Saranno 3000? 5000? 10.000? Per me è difficile dare una cifra precisa. Ciò che è certo non vi saranno discorsi, non ci sarà la politica. I giocatori vogliono semplicemente ringraziare e salutare il proprio pubblico”. Severin Luthi e i suoi campioni voleranno da Lille a Ginevra nel primo pomeriggio. Poi saranno scortati dalla polizia fino a Place de la Navigation. Arriveranno come detto alle 16. Precise, altrimenti non sarebbero svizzeri…


2 Commenti per “E ORA LA FESTA SVIZZERA: TUTTI A LOSANNA PER STAN”


  1. Christian Marchetti ha detto:

    Roba da matti! 😀

  2. Danilo ha detto:

    Scandaloso….20 minuti di ritardo ieri! 😉


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.