ECCO COSA PENSANO ROGER, ANDY E DJOKO SULLA QUESTIONE “MARATONA”

Dopo l'esaltante performance della Wozniacki a New York adesso è 'maratona mania' anche tra i big del tennis maschile, anche se Roger Federer non sembra essere poi così tanto interessato. "Trovo la corsa noiosa" ha detto lo svizzero.
martedì, 11 Novembre 2014

Tennis, tanto tennis alla O2 Arena di Londra, ma non solo. I tre giocatori più accreditati assieme a Federer per vincere qui nella capitale britannica, Murray e Djokovic in conferenza stampa non hanno avuto paura nell’affrontare anche argomenti molto meno impegnativi, quale quello che riguarda la danese Caroline Wozniacki, impegnata (e con successo) nella maratona di New York settimana scorsa.

“Penso che sia stata una grande idea”, ha detto il numero 1 del mondo Novak Djokovic ai giornalisti presenti all’interno della O2 Arena. “Voleva fare qualcosa per se stessa che non aveva mai fatto prima. Correre una maratona è sicuramente un’esperienza incredibile.”

Wozniacki ha entusiasmato i suoi fans con un tempo impressionante, circa 3 ore e 26 minuti, tempo che le consentirebbe di correre anche la maratona di Boston in programma la primavera prossima.

“Noi [entrambi viviamo a Monaco] siamo amici e ogni volta che vado ad allenarmi non manca occasione per incontrarci”, ha spiegato Djokovic, ridendo. “Caroline fa jogging tutto il tempo!”. “Aveva già in programma di fare questa maratona, che richiede certamente uno sforzo non indifferente per questo a lei vanno tutti i complimenti che si merita”.

Alla domanda se lui (Nole) possa correre in futuro una maratona il serbo replica così: “Io voglio correre [una maratona] un giorno. Non so in quale città, ma penso che sarà dopo la fine della mia carriera”.

Djokovic non è il solo. Nel mese di agosto, Andy Murray ha detto ai giornalisti a Cincinnati che vorrebbe competere in una maratona, ma anche lo scozzese ha subito precisato che potrebbe pensare di correrla solo e soltanto a fine carriera.

“Correre una maratona è certamente una cosa che stuzzica la mia fantasia, ma adesso non è il momento”, ha detto Murray, che ha cominciato le sue Finals con una sconfitta contro il giapponese Nishikori. “E’ uno sforzo straordinario quello a cui si sta sottoponendo Caroline, giocare e contemporaneamente prepararsi per questi eventi richiede un dispendio di energie fuori dal comune”.

La settimana scorsa a Parigi, ha detto la sua a tal proposito anche sua maestà Roger Federer: “Correre? No. Farlo significherebbe modificare la tua preparazione fisica il che non sarebbe cosa a mio avvio positiva. Noi tennisti eseguiamo circa 10 secondi di sforzo massimo e altri 10 per recuperare dopo ogni scambio. Abbiamo sempre queste interruzioni , questi intervalli. Correre significherebbe eliminare gli intervalli e lavorare sulla resistenza in modo continuo, statico e non è facile per chi è stato sempre abituato ad un certo tipo di preparazione poi calarsi in questa nuova realtà. Insomma la corsa non fa per me anche perchè, nessuno si offenda, la trovo anche abbastanza noiosa”.


Nessun Commento per “ECCO COSA PENSANO ROGER, ANDY E DJOKO SULLA QUESTIONE "MARATONA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.