EN PLEIN WILLIAMS

A Doha avanzano sia Serena che Venus. Esce a sopresa Victoria Azarenka lasciando il passo a Jelena Jankovic e Caroline Wozniacki
sabato, 31 ottobre 2009

Doha (Qatar), 30 ottobre 2009 – Scherzo da prete. E’ quello che la polacca Agnieszka Radwanska (seconda riserva, per il secondo anno consecutivo scesa in campo al Masters di Doha per disputare un incontro l’ultimo giorno dedicato ai gironi) ha fatto alla bielorussa Victoria Azarenka, che costretta a ritiratarsi per crampi sul 4/6 7/5 4/1 si è giocata la possibilità di accedere alle semifinali.

In realtà, per Victoria questa partita è stato un vero incubo. Avendo vinto negli ultimi due scontri con Agnieszka, era partita spavalda e sicura di sé. Per un po’ il suo atteggiamento positivo ha funzionato, tanto da arrivare a condurre per 6/4 5/2 e a servire per il match. Ma a quel punto si è fatta breakkare e tutto si è complicato, definitivamente. Così, la bella bionda ha lasciato il posto in “semi” ad un’altra giovane e biondissima tennista, la danese Caroline Wozniacki, che oggi si è fatta “asfaltare” da Jelena Jankovic – anche lei promossa al penultimo round – con un periodico e secco 6/2. “Ero completamente svuotata e non sono riuscita a fare niente – ha ammesso Caroline, reduce da un problema alla gamba e da due maratone da record – ma penso comunque di essermi meritata di proseguire la gara”.

La quarta semifinalista è Venus Williams, che deve ringraziare Svetlana Kuznetsova per essersi svegliata in tempo utile per regalarle il passaggio alle fasi finali del Masters. Infatti, la russa non era ancora riuscita a vincere un incontro, ma oggi ha letteralmente stracciato la connazionale Elena Dementieva per 6/3 6/2, salvando la faccia e anche la “Venere Nera” del tennis. “Ho chiesto a Venus che cosa mi avrebbe regalato se avessi vinto oggi – ha raccontato scherzando Svetlana – e sapete cosa mi ha risposto? Se vinci buon per te!”.

Tutti questi alti e bassi nel rendimento delle “bigs” presenti a Doha fanno parte di un quadro normale a fine stagione, quand’è la stanchezza a dettare le regole. Peccato, ma le 4 tenniste che ancora si contendono il titolo di reginetta dell’anno sono sicuramente campionesse meritevoli e seguitissime dal pubblico del Qatar. Questi gli accoppiamenti delle semifinali: previste per domani in tarda mattinata:

Venus Williams (n.7) c. Jelena jankovic (n.8)
Serena Williams (n.2) c. Caroline Wozniacki (n.4)

Be Sociable, Share!

Nessun Commento per “EN PLEIN WILLIAMS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • OFFENSIVA DA EST – VIDEO Nel Day 1 di Doha l'Azarenka annichilisce una fallosa Jankovic. La Dementieva in rimonta sgretola le certezze di Venus Williams, e ci vuole sua sorella Serena per rimettere ordine battendo […]
  • HALEP PER LA STORIA, JANKOVIC PER IL BIS Finale femminile a Indian Wells in programma alle 19.00 ora italiana. La rumena può diventare la prima giocatrice del suo paese a vincere un torneo Premier Mandatory, mentre la serba, che […]
  • DOHA: PROGRAMMA PRIMA GIORNATA Nella prima giornata dei Championships aprono le danze Jankovic e Zvonareva. La Schiavone ritrova la Stosur dopo la finale di Parigi. In campo anche la n.1 Wozniacki contro la Dementieva
  • SOGNO JANKOVIC: “VOGLIO VINCERE UNO SLAM” Jelena Jankovic vorrebbe un calendario più breve, ma da Hong Kong parla anche della sua ripresa: "so di poter dare ancora molto"
  • SERENA WILLIAMS ALL’IPTL: LO ASSICURA IL DIRETTORE DEL TORNEO Serena Williams parteciperà all'IPTL, lo assicura il direttore del torneo Mahesh Bhupathi: "ha prenotato un posto per Manila"
  • LA SOLIDITA’ DI VERA, KIM ESORDIO TRANQUILLO Vera Zvonareva supera Viktoria Azarenka per 7-6 6-4 grazie agli errori dell'avversaria e ad una maggiore concentrazione. Kim Clijsters non ha difficoltà contro una dimessa Jankovic

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.