ERRANI, LA FINALE STAVOLTA È POSSIBILE

La penultima giornata degli Internazionali Bnl d’Italia è quella in cui può essere riscritta la storia del tennis femminile italiano. Sara Errani contro Jelena Jankovic può riportare l’Italia in finale a Roma dopo 64 anni di attesa. La Williams cerca la rivincita su Ana Ivanovic nell’altra semifinale
sabato, 17 Maggio 2014

Foro Italico (Roma). La 71esima edizione degli Internazionali Bnl d’Italia arriva oggi alla stretta decisiva con le quattro semifinali, che delineeranno i nomi dei magnifici quattro candidati alla conquista del titolo del torneo della città eterna. Per il secondo anno consecutivo, anche l’Italia avrà una sua rappresentante al penultimo atto, la stessa del 2013, la fantastica Sara Errani, una che anno dopo anno sta riscrivendo pagine importanti della sua storia, ma anche in quella del tennis italiano, che sulla terra rossa, da tre anni a questa parte, si regge sulle sue spalle, piccole, ma robustissime.

(6) Jelena Jankovic vs (10) Sara Errani [H2H 1-1] – ore 12.00, Campo Centrale

L’Italia, a Roma, non ha una sua rappresentante nella finale degli Internazionali dall’edizione del 1950, quando Annelies Ullstein Bossi, tennista nata in Germania, ma diventata italiana dopo il matrimonio con il collega Renato Bossi, vinse il torneo in finale (6-4 6-4) sull’inglese Joan Curry. Se vogliamo invece trovare un’altra finalista, italiana al 100%, dobbiamo tornare indietro fino al 1935, quando, nella prima edizione disputata nella Capitale, Lucia Valerio fu sconfitta dalla danese  Hilde Krahwinkel-Sperling. In realtà c’è stata anche una trionfatrice azzurra in epoca più recente, ma il torneo vinto nel 1985 da Raffaella Reggi si disputò a Taranto e non a Roma. Contrariamente alla semifinale del 2013, nella quale Sara Errani si trovò di fronte la fortissima Vika Azarenka, domani dall’altra parte della rete ci sarà Jelena Jankovic, un’altra giocatrice di grandissima qualità, ma sicuramente più giocabile rispetto alla bielorussa di 12 mesi fa. I precedenti con la serba sono equamente divisi, con una vittoria di Jelena a Indian Wells nel 2010 (2-6 7-6 6-4) ed una di Sarita lo scorso anno al Masters di Istanbul. Due partite, quindi, giocate sul cemento. La terra è una superficie sicuramente più congeniale all’italiana, che sul mattone tritato si esprime al massimo delle proprie possibilità. La varietà di gioco e le molteplici soluzioni a disposizione della Errani, domani possono essere le chiavi per un’eventuale vittoria. La Jankovic infatti, pur essendo molto in forma, non è una giocatrice che ama il tennis vario, ma preferisce giocare sul ritmo, appoggiandosi alla potenza delle avversarie. Sara dovrà essere quindi brava ad offrire palle sempre diverse per mandare fuori giri la ex numero uno del mondo. Se riuscisse a mischiare adeguatamente le carte alla serba e a difendersi a dovere contro le sue accelerazioni, domani potrebbe esserci la seria possibilità di scrivere una nuova pagina di storia del tennis italiano.

(1) Serena Williams vs (11) Ana Ivanovic [H2H 4-1] – non prima delle 16.30, Campo Centrale

La campionessa in carica degli Internazionali Bnl d’Italia cerca di tornare in finale, dopo aver dominato i primi tre turni, nei quali ha concesso alle sue avversarie (Petkovic, Lepchenko e Zhang) la miseria di undici game. Tra lei e la possibilità di vincere il terzo titolo a Roma, c’è quella Ana Ivanovic, che quest’anno è stata una delle tre giocatrici, capaci di infliggere una sconfitta alla numero uno del mondo. La sconfitta più dolorosa per altro, visto che è maturata agli ottavi di finale dell’Australian Open ed ha negato a Serena la possibilità di portare a casa il 18esimo Slam. Va detto, ovviamente, che quella partita fu fortemente condizionata dai problemi alla schiena dell’americana, ma ciò non toglie che l’incontro di domani avrà sicuramente un significato particolare per la Williams. Proprio quella sconfitta infatti, potrebbe motivare ulteriormente la campionessa nata a Saginaw e allora per la Ivanovic quello di domani rischia di diventare un pomeriggio particolarmente difficile. Per quanto la serba sia in una condizione di forma che le mancava probabilmente nel 2008, è davvero difficile immaginare che domani possa fare partita e impensierire questa Serena, così concentrata e affamata di vittorie, dopo la sfortunata scorsa settimana madrilena.


Nessun Commento per “ERRANI, LA FINALE STAVOLTA È POSSIBILE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • TEMPO DI QUARTI: ERRANI A CACCIA DELL’IMPRESA Agli Internazionali Bnl d’Italia vanno in scena i quarti di finale femminili. Sara Errani cerca il colpaccio contro Na Li. Il match più equilibrato è quello tra Radwanska e Jankovic, […]
  • INFINITA ERRANI, È FINALE AL FORO ITALICO Sara Errani agli Internazionali Bnl d'Italia batte anche Jelena Jankovic in semifinale e riporta l'Italia in finale al Foro Italico, 64 dopo l'ultima volta. Domani affronterà la vincente […]
  • JANKOVIC PER ERRANI, IVANOVIC ALL’ESAME WILLIAMS Jankovic doma in due set la Radwanska e lancia la sfida alla Errani. Ivanovic supera una straordinaria Suarez Navarro nella partita più bella del torneo, al termine di due ore di tennis di […]
  • UN VENERDÍ DA LEONI TENNIS – Agli Internazionali Bnl d'Italia è tempo di quarti di finale. Djokovic e Nadal sfidano Berdych e Ferrer, solitamente vittime sacrificali. Federer all’esame Janowicz. Tra le donne, […]
  • ATTENTA SARA, IN FINALE ARRIVA L’URAGANO SERENA Sarà Serena Williams a sfidare la nostra Sara Errani nella finale degli Internazionali BNL d'Italia 2014. La statunitense ha superato Ana Ivanovic 6-1, 3-6, 6-1 raggiungendo la sua terza […]
  • ERRANI SFORTUNATA, SERENA ANCORA REGINA Internazionali Bnl d'Italia: finale sfortunatissima per la numero uno d'Italia, che alla fine di un combattuto primo set accusa un infortunio muscolare. La Williams ha allora vita facile e […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.