FED CUP, RIMONTA FRANCIA, ITALIA ELIMINATA

Grandissima impresa della squadra francese, che a Genova recupera uno svantaggio di 2-0 e si impone per 3-2. Caroline Garcia e Kiki Mladenovic, dopo aver vinto i due singolari contro Errani e Giorgi, hanno battuto anche Errani e Vinci nel doppio decisivo

Genova. È la Francia a qualificarsi per la semifinale dell’edizione 2015 della Fed Cup. Kristina Mladenovic e Caroline Garcia sono riuscite a ribaltare il punteggio di una sfida che dopo le due vittorie azzurre di ieri sembrava fortemente indirizzata in favore dell’Italia. Le due francesi, dopo aver vinto i rispettivi singolari contro Errani e Giorgi, si sono imposte anche nel doppio decisivo, dominando senza problemi con un perentorio 6-1 6-2 la coppia numero uno al mondo composta da Sara Errani e Roberta Vinci. Precedentemente Caroline Garcia era riuscita a regalare alla squadra capitanata da Amelie Mauresmo il punto del due pari, rimontando un set di svantaggio alla Giorgi, e imponendosi per 4-6 6-0 6-2. Nel match che aveva aperto il programma domenicale al 105 Stadium infine, Kiki Mladenovic, schierata a sorpresa da Amelie Mauresmo al posto di Alize Cornet, aveva superato per 6-4 6-3 Sara Errani, riaprendo la sfida dopo il 2-0 azzurro maturato sabato. Ora l’Italia dovrà disputare lo spareggio per restare nel World Group, massima serie della competizione a squadre del tennis femminile.

Garcia/Mladenovic b. Errani/Vinci 6-1 6-2

Una giornata iniziata decisamente male per i colori italiani, termina nel peggiore dei modi, con Sara Errani e Roberta Vinci, prima coppia al mondo nella classifica di doppio, letteralmente prese a pallate da Kristina e Mladenovic e Caroline Garcia. Le transalpine, al primo incontro importante in coppia, si rivelano un doppio di altissimo livello, quasi maschile per la potenza che sono capaci di generare con i colpi (servizio in primis). La partita dura poco più di un’ora, nel corso della quale le azzurre non riescono mai a togliere il servizio alle francesi, che invece fanno il bello e il cattivo tempo anche sulla battuta delle italiane. I due set si sviluppano in modo analogo, con Mladenovic e Garcia avanti 5-0 nel primo parziale e 4-0 nel secondo. Sara e Roberta riescono a vincere tre game, ma senza mai dare l’impressione di poter rimontare. Oggi, francamente, sembravano le francesi le numero uno al mondo di doppio e per le azzurre, comunque non al meglio, c’è stato davvero poco da fare.

Garcia b. Giorgi 4-6 6-0 6-2

Dopo la bella prova di ieri contro Alize Cornet, Camila Giorgi riesce a confermarsi soltanto parzialmente nel secondo singolare contro Caroline Garcia. La 23enne di Macerata disputa un ottimo primo set, ma poi si scioglie letteralmente perdendo 12 dei successivi 14 game e consegnando alla 21enne transalpina il punto del 2-2, che rimanda tutto al doppio decisivo. Buona come detto la prova di Camila nel primo parziale, vinto con autorità grazie ad un solo break messo a segno nel settimo gioco e difeso con un ottimo rendimento in battuta, che non ha concesso alla francese di andare oltre la conquista di una singola palla break. In avvio di secondo set, la Giorgi regala due palle break alla sua avversaria. Sulla prima l’italiana viene aiutata dalla linea di fondocampo che si stacca letteralmente dal terreno. È necessario l’intervento degli inservienti, per riparare il danno ed una pausa di qualche minuto. Alla ripresa un nastro beffardo regala il break alla Garcia e da quel momento, di fatto, Camila esce dal campo. Gli errori della marchigiana iniziano a piovere copiosi e il secondo parziale va in archivio velocemente, con un impietoso 6-0. Giorgi riesce a fermare l’emorragia in apertura di terzo set, ma è soltanto una breve fase, dato che la Garcia ricomincia a macinare punti quasi subito portandosi avanti prima 4-1 e poi 5-2. Nell’ottavo gioco Camila prova a lottare, salva due match point consecutivi, ma si arrende al terzo, dopo l’ennesimo diritto lungo.

Mladenovic b. Errani 6-4 6-3

La ex numero uno del mondo Amelie Mauresmo pesca un autentico jolly, schierando la Mladenovic al posto della Cornet, probabilmente “consigliata” dalle quattro sconfitte consecutive patite dalla ex finalista del foro italico contro Sara Errani. La terza giocatrice della formazione transalpina, senza nulla da perdere e con la possibilità di giocare tutti i punti al massimo, prende letteralmente a pallate una Sarita, spenta e mai entrata veramente in partita. La tattica di Kiki è semplice e chiara: spingere sempre, fin dalla risposta, e sperare che la pallina atterri in campo più spesso che fuori. La Errani viene così letteralmente travolta dalla aggressività della sua avversaria, che si dimostra anche estremamente lucida, variando spesso il gioco con un gran numero di eccellenti smorzate. Sara subisce troppo nei suoi turni di battuta, cedendo il servizio in ben sette occasioni su nove. Con queste cifre è impossibile vincere la partita e alla fine il punteggio, specie quello del secondo set, è anche troppo gentile con Sara, per quello che si è visto in campo. La francese infatti, prima di chiudere per 6-3 la seconda frazione e il match dopo poco meno di un’ora e mezzo, ha avuto anche la chance di servire sul 5-1 in suo favore. Una brutta prova per Sara dunque, che però deve essere immediatamente dimenticata, nel caso in cui fosse necessario giocare il doppio decisivo in coppia, ovviamente, con Roberta Vinci. Ora infatti ci sarà il quarto singolare tra Camila Giorgi e Caroline Garcia, che se dovesse essere (speriamo di no) appannaggio della transalpina rimanderebbe le sorti della sfida all’ultimo match di doppio.

Nella foto Kristina, “Kiki”, Mladenovic (www.zimbio.com)


1 Commento per “FED CUP, RIMONTA FRANCIA, ITALIA ELIMINATA ”


  1. paolo ha detto:

    Uno scandalo le ragazze del doppio irriconoscibili…il tennis è fatto di grandi stimoli …che figuraccia con la Francia


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.