FED CUP, GARCIA BATTE ERRANI: A MARSIGLIA E’ 1-1

Errani recupera un break di svantaggio sia nel primo sia nel secondo set. Ma non basta. Garcia vince 63 75. A Marsiglia dopo la prima giornata è 1-1.
sabato, 6 Febbraio 2016

TENNIS – E’ l’aeroplanino di Caroline Garcia a chiudere la prima giornata a Marsiglia. Dopo la vittoria in rimonta di Camila Giorgi su Mladenovic, Sara Errani cede in due set con più di qualche rimpianto. Capace di rimontare un break di svantaggio sia nel primo sia nel secondo set, l’azzurra gioca decisamente meglio sotto rete ma paga negli scambi di ritmo. Finisce così per cedere 63 75. Garcia, battuta da Sarita nella prima giornata a Genova un anno fa, può festeggiare la quarta vittoria in sei precedenti confronti diretti.

Ha chiuso con 33 vincenti a 12, equamente distribuiti fra dritto e rovescio, e riportato in parità la Francia che in casa non perde dal primo turno di World Group 2013 contro la Germania. L’Italia, prima nazione a vincere il titolo giocando tutti i quattro tie stagionali in trasferta nel 2006, può ancora sperare nell’operazione rivincita, dopo la rimonta subita da 2-0 a Genova un anno fa e conquistare così la quarta vittoria in undici precedenti contro le Bleu.

Il break in apertura complica subito il match di Sara, messa in difficoltà dalla parte del dritto. L’azzurra subisce di più il gioco della francese e fatica a uscire dal braccio di ferro prolungato soprattutto sulla diagonale sinistra. Garcia, però, affossa uno smash tutt’altro che impossibile per aprire il terzo gioco, preludio al controbreak immediato.

La francese combina più di qualche disastro quando si avventura a cercare lo schiaffo al volo di dritto o la chiusura col rovescio in avanzamento. Errani potrebbe sfruttare meglio le geometrie, gli angoli stretti contro il rovescio della francese, che rimane un po’ rigida nella ricerca della palla e impatta con poca spinta di gambe, anziché insistere di ritmo. Garcia, infatti, dà il meglio quando può sfruttare il peso e l’energia della palla in entrata, ma dà molti segni di incertezza, tecnica e mentale, quando è chiamata a fare gioco.

Se il padre-coach si è detto pentito di aver trasformato la figlia in una colpitrice senza troppe alternative tattiche, un motivo ci sarà.

Garcia tiene un complicato turno di battuta da 16 punti per restare avanti (3-2), prima di tornare avanti di un break. La francese si apre il campo con una buonissima sbracciata di dritto e chiude col contropiede corto in lungolinea: è il suo quinto vincente di dritto e vale il 4-2. E sarà un errore, sempre di dritto (il suo undicesimo di dritto), a firmare la resa dell’azzurra al secondo set point: 6-3 Garcia che chiude con sedici vincenti contro i cinque della romagnola.

L’azzurra manca una palla break nel primo turno di risposta del secondo set: è un game lungo, lottato, per molti versi omologo al quinto gioco che ha di fatto indirizzato l’equilibrio tecnico ed emotivo del primo set. Errani forse un po’ lo soffre e scandisce il game successivo con il primo ace del match (15-30) e un forzato di dritto che consegna a Garcia la prima palla break del parziale. E il break arriva, con tanto di suspense per il verdetto dell’Occhio di Falco che, non per la prima volta, arriva con un certo ritardo.

Ancora una volta però Garcia, che ha subito l’ultima sconfitta in rimonta, dopo aver perso il primo set, a Tokyo lo scorso settembre da Camila Giorgi, non difende il vantaggio. Errani porta a casa un turno di battuta fondamentale, il primo vinto ai vantaggi e sale 5-4. Sarita salva anche una palla break con una volée bassa da applausi, che si merita anche l’approvazione sportiva della francese.

Il break, però, è solo rimandato. Uno schiaffo al volo di rovescio a campo aperto e una risposta vincente in lungolinea consentono alla francese di tornare avanti sul 6-5 e soprattutto di servire per il match.

Comincia però in salita, con il suo sesto doppio fallo (15 pari). Rimane però l’ultimo punto di Sara Errani nel match. Garcia chiude con l’ottavo ace, a 203 chilometri orari. A Marsiglia è ancora tutto in equilibrio.

 


Nessun Commento per “FED CUP, GARCIA BATTE ERRANI: A MARSIGLIA E' 1-1”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FED CUP: FRANCIA-ITALIA 3-1, GARCIA CHIUDE I CONTI Caroline Garcia regala il punto della vittoria alla squadra di Amelie Mauresmo e spegne l'avventura delle azzurre in Fed Cup. 3-1 in favore della Francia, che proprio come l'anno scorso […]
  • GARCIA ANTICIPA: “NON GIOCHERÓ LA FED CUP NEL 2017” Caroline Garcia mette le mani avanti per la prossima stagione: "Priorità al singolare", senza dare nessuna chances alla Fed Cup e al doppio.
  • FED CUP: TORNA LA COPPIA MLADENOVIC E GARCIA Dopo la sospensione per le Olimpiadi di Rio, Kristina Mladenovic e Caroline Garcia faranno parte della squadra francese che affronterà, nella finale di Fed Cup, le ceche di Karolina Pliskova
  • FED CUP: WORLD GROUP COSA É CAMBIATO Radwanska porta la Polonia nel World Group mentre a Sochi le russe fanno fuori con un netto 4 a 0 l'Argentina. Sconfitta pesante per gli Stati Uniti che si fanno eliminare dalla Francia e […]
  • FED CUP: REPUBBLICA CECA E FRANCIA IN FINALE Accedono alla finale di Fed Cup, che si terrà nel weekend del 12-13 novembre, la Repubblica Ceca e la Francia grazie alle grandi personalità di Karolina Pliskova per le ceche e la coppia […]
  • FED CUP: STRASBURGO OSPITERA’ LA FINALE La Federazione Francese di Tennis ha annunciato che la città di Strasburgo ospiterà la finale di Fed Cup il 12 e 13 novembre. Si giocherà su cemento indoor della Rhenus Sport Arena, scelta […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.