FEDERER A MADRID, CHE NE SARÀ DI ROMA?

Arriva l'ufficialità, Roger Federer a Madrid. Come cambia il suo calendario sulla terra rossa? Ipotesi concreta di un forfait al Foro Italico

TENNIS – L’ufficialità arriva direttamente dai piani alti dell’organizzazione, ma di riflesso interessa anche un altro torneo. Roger Federer conferma definitivamente la sua presenza al Mutua Madrid Open, diminuendo notevolmente le possibilità di un suo approdo al Foro Italico. Roma, quindi, almeno nelle preferenze dello svizzero, viene scavalcata dalla capitale iberica, che alzerà il sipario sulla Caja Magica la prossima settimana.

È direttamente il sito ufficiale della kermesse madrilena a dare l’annuncio. Il numero 3 del mondo sarà di scena sul rosso cittadino, che l’ha visto trionfare già in tre occasioni. Federer, infatti, si è aggiudicato il trofeo nel 2006, nel 2009 e nel 2012, battendo rispettivamente Gonzalez, Nadal e Berdych. Due, invece, le finali perse, sempre a tre anni l’una dall’altra: nel 2007 arrivò la sconfitta per mano di Nalbandian, nel 2010 fu Rafa ad imporsi nell’ultimo atto. Quest’anno, in caso di poker di successi, l’elvetico solleverà il primo trofeo in vetro riciclato, promosso da Ecovidrio per quello che si prospetta come il torneo più ecosostenibile del circuito mondiale.

Grande soddisfazione per Manolo Santana, direttore del Mutua Madrid Open: “Madrid avrà sempre un posto speciale per una leggenda come Roger, lo aspettiamo a braccia aperte. Siamo contentissimi di averlo nella schiera dei partecipanti, è un onore poterlo accogliere alla Caja Magica. È un punto a favore del torneo, certamente, ma farà piacere anche agli spettatori, che vedono in Federer uno dei tennisti più apprezzati e carismatici del circuito maschile. Sarà emozionante ricreare l’atmosfera tra campo e spalti“.

A questo punto, quindi, resta da capire come procederà la stagione di Federer sulla terra rossa. Ovviamente, la presenza al Roland Garros è il naturale culmine primaverile, al quale l’ex numero uno del mondo non ha intenzione di rinunciare. La conferma della sua partecipazione a Madrid, però, suona come l’ultimo check-point prima dello Slam parigino, ragion per cui potrebbe saltare il Masters 1000 di Roma. L’ipotesi è estremamente concreta, considerando il calendario programmato ad inizio 2016: Roger non vuole forzare il suo fisico, ma preferisce leggere ogni situazione possibile in cui lo si vedrà al 100% della condizione. Se dovesse dare il massimo in Spagna, diventerebbe impossibile il suo approdo nella Capitale soltanto una settimana dopo.

La sua percentuale di presenza in Italia, dopo l’annuncio di Santana, si abbassa notevolmente. Secondo una logica particolarmente cinica, un dietro-front si avrebbe soltanto con un’eliminazione estremamente precoce nel corso della prossima settimana, ragion per cui sarebbe costretto a ripiegare sul torneo di quella successiva. Federer a Madrid è un duro colpo per coloro che si recheranno al Foro Italico, ma la speranza è l’ultima a morire. In ogni caso, gli Internazionali avranno altri protagonisti di spessore assoluto a contendersi la corona.


Nessun Commento per “FEDERER A MADRID, CHE NE SARÀ DI ROMA?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.