FEDERER: “MI ALLENERO’ MOLTO PER ESSERE PIU’ FORTE NEL 2019”

Federer svela un retroscena sulla condizione degli ultimi mesi

Tennis. Federer chiude la stagione e pensa già alla prossima, quando compirà 38 anni: a dimostrazione di quanta fame ancora abbia dentro.

Durante la off-season voglio lavorare di nuovo per tornare di più a rete e colpire con più forza. Anche la forma fisica sarà al centro dell’attenzione e la decisone se giocare o meno sulla terra influenzerà il mio programma. Sarò in vacanza fino all’inizio di dicembre, poi tornerò per allenarmi a Dubai. Alla fine dell’anno volerò a Perth e giocherò la prima partita il 30 dicembre contro la Gran Bretagna”.

Se Roger potesse rigiocare un punto, ecco cosa ha risposto: “Uno dei match point ad Indian Wells contro Juan Martin del Potro o contro Kevin Anderson WimbledonMa non mi pento delle occasioni mancate, la stagione è andata così. Ho la possibilità di giocare ancora meglio il prossimo anno e questo mi dà fiducia”.

Emerge un retroscena circa le sue condizioni nell’ultimo periodo: Non dovrebbe essere una scusa, ma il problema alla mano ha spezzato il mio ritmo spezzo in estate. Potrebbe avermi condizionato nei momenti chiave della sfida con Anderson a Wimbledon. Ho sentito la mano indolenzita per molto tempo, anche qui a Londra un po’. Spero che questa sensazione sparisca completamente dopo le vacanze, ma la cosa positiva è che ho potuto giocare fino alla fine senza essermi fatto male.”

Sull’impostazione tattica nell’ultimo match spiega: È stato simile allo scorso anno. Ho dovuto faticare molto in difesa. Zverev ti costringe ad andare indietro grazie alla sua prima di servizio, quindi devi prima arrancare dalla linea di fondo. Ma quando ti trovi sul 4 pari o 5 pari nel tiebreak, cerchi di entrare nello scambio e aspetti l’occasione buona per attaccare. In alcuni momenti, non ho servito come speravo.”

 


Nessun Commento per “FEDERER: "MI ALLENERO' MOLTO PER ESSERE PIU' FORTE NEL 2019"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.