FEDERER E LA DAVIS ANCORA LONTANI

Spostato a Ginevra su "richiesta" dell'elvetico il match di primo turno della Davis Cup 2013 tra Svizzera e Repubblica Ceca, non è ancora certa la sua presenza
giovedì, 1 Novembre 2012

Situazione abbastanza particolare quella si sta creando all’interno della squadra di Davis svizzera. Gli elvetici saranno impegnati nel primo turno del 2013 con la Repubblica Ceca, finalista del 2012, e la Federazione Svizzera ha deciso di spostare l’incontro da Basilea a Ginevra, poiché Roger Federer aveva rivelato che giocare nella sua città natale gli mette troppa pressione.

C’è però un piccolo particolare in questa storia: l’attuale numero 1 al mondo non ha ancora dato la sua disponibilità per giocare la sfida contro Tomas Berdych & Co.

“Non riesco davvero a capirlo – ha dichiarato Stanislas WawrinkaNon credo che riusciremo a convincerlo”  ha detto invece Marco Chiudinelli. I due compagni di Re Roger, e in particolare il primo, iniziano ad essere abbastanza seccati dal suo comportamento. In effetti il vincitore di 17 prove del Grand Slam continua a programmare con largo anticipo quali tornei disputare nell’arco della stagione successiva, o anche quelli di due stagioni dopo, lasciando però sempre dubbi sulla sua partecipazione alla più importante competizione tennistica a squadre.

L’agente di Roger Tony Godstick segue ovviamente la stessa linea dello svizzero, dicendo che bisogna aspettare ancora un po’ prima di decidere: “Abbiamo intenzione di aspettare e vedere”.

Il clima che si sta creando non è quindi quello adatto per affrontare una sfida così importante contro un avversario molto attrezzato. Il rapporto di Federer con la Davis, tuttavia, non è mai stato idilliaco, e la sensazione continua ad essere questa. Non è una competizione di primaria importanza per lui, e non lo ha mai nascosto.

Però, arrivato a 31 anni, e avendo vinto tutto quello che c’era da vincere ad esclusione delle Olimpiadi – dove ha comunque conquistato l’oro in doppio nel 2008 e l’argento in singolare nel 2012 – forse concentrarsi per una stagione in Coppa Davis non sarebbe una cattiva idea. Probabilmente è quello che ha provato a fare in questo 2012, anche se le cose non sono andate nel migliore dei modi, con lo 0-5 subito in casa contro gli Stati Uniti.


Nessun Commento per “FEDERER E LA DAVIS ANCORA LONTANI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • DAVIS CUP: I CONVOCATI PER I QUARTI Diramate le convocazione dei team che dal 4 al 6 aprile prossimi daranno vita ai quarti di finale della Coppa Davis. Campioni in carica a Tokio senza Tomas Berdych, guai anche per la […]
  • SVIZZERA E REPUBBLICA CECA NELLA STORIA Con la durata di 7 ore e 1 minuto, quello perso dagli elvetici contro i cechi è il match più lungo della storia della Coppa Davis. Fuori dai giochi Germania e Israele, battuti per 3-0 […]
  • FEDERER TORNA IN DAVIS Unico “Fab Four” in campo nel weekend di Coppa Davis, il campione elvetico torna a disputare una sfida del World Group con la sua nazionale dal lontano 2004, con il chiaro obbiettivo di […]
  • LA SVIZZERA E LA CARICA DEI SEDICIMILA TENNIS - Severin Lüthi, selezionatore rossocrociato, schiera l'artiglieria pesante: Federer e Wawrinka giocheranno il doppio contro il Kazakistan. L'imponente Palexpo di Ginevra è vicino […]
  • CHIUDINELLI NELL’OMBRA DEI GIGANTI TENNIS – Marco Chiudinelli è conosciuto dai più per la grande amicizia che lo lega a Roger Federer. Ma, nel giorno del suo trentaduesimo compleanno, è al suo tennis che vogliamo rendere omaggio
  • DAVIS: FEDERER E WAWRINKA ASPETTANO GLI AZZURRI Il capitano svizzero Severin Luethi ha diramato le convocazioni per la semifinale di Davis contro l’Italia. Nessuna sorpresa tra i rossocrociati che schiereranno i top player Federer e Wawrinka.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.