FEDERER: “IERI FRUSTRATO, TEMO NADAL, VOGLIO FARE LA STORIA”

Un Federer insolitamente prolisso, si lascia andare fra sensazioni presenti e future

Tennis. Roger Federer ha superato il primo scoglio a Stoccarda, a differenza dell’anno scorso quando fu battuto dall’amico Haas. Superato il maggiore degli Zverev, gli mancano due vittorie per ritornare n.1 del mondo e non sembra interessargli poco la questione.

È stato un match equilibrato. Primo set frustrante. Sono abbastanza soddisfatto, poteva andare molto peggioA volte una palla può cambiare tutto come sempre accade sull’erba. Ma ho lottato. Ti dimentichi quasi com’è in una partita. Devi solo rimanere concentrato punto per punto. Grazie ai fan e alla mia prestazione, sono riuscito a vincere.

Eppure Stoccarda non era affatto certa di essere nel palinsesto di Roger: “Non eravamo sicuri di quale fosse la decisione migliore da prendere. Eravamo 60-40 per Stoccarda. Ma ho aspettato e alla fine ho deciso che la cosa migliore era venire qui. Quello che non voglio è prendere un impegno e poi tirarmi indietro all’ultimo. Su questo ho costruito la mia immagine, ho fatto abbastanza bene negli ultimi dieci anni. Un torneo deve avere la certezza che Federer ci sarà“.

Meno due e lo svizzero tornerà Re del Ranking, anche se il difficile verrà fra Halle e soprattutto Wimbledon dove basterà un solo passo falso per cedere nuovamente il trono a Rafa: “Logicamente, sarei molto felice! Solo avere la possibilità di diventare il numero 1 in un torneo più piccolo dopo Rotterdam è molto interessante. Potrei scrivere di nuovo la storia e migliorare di nuovo il record. Dopo una pausa di tre mesi non sarà logico raggiungere o vincere la finale qui”.

Championships in vista, l’elvetico non ha dubbi sul rivale n.1: Ovviamente Nadal, negli anni è diventato più aggressivo e abile sul veloce. Poi ci sono Delpo e Nole, spero che anche Wawrinka e Murray possano tornare in condizione e occhio al giovane Zverev, ha giocato dei match al quinto a Parigi che gli serviranno come esperienza e a Miami ha fatto ottime cose“. 

 


Nessun Commento per “FEDERER: "IERI FRUSTRATO, TEMO NADAL, VOGLIO FARE LA STORIA"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.