FEDERER: “POTREI GIOCARE MOLTI PIU’ TORNEI NEL 2019”

Federer parla dei programmi futuri e del suo modo di intendere il tennis

Tennis. Federer ha parlato in una recente intervista di quali possono essere i cambiamenti per la stagione a venire, soprattutto, circa il numero di tornei da disputare.

“È molto importante riflettere sulla mia vita da tutti i punti di vista. Da mia moglie, famiglia, squadra, allenatore. Per decidere: quanto tempo spendo per cosa? Mi piacerebbe solo trascorrere del tempo con la mia famiglia e giocare a tennis. Ma anche il fisico, l’allenatore e molti altri vogliono qualcosa da me. Non ho problemi con l’allenamento. Ma a volte è meglio giocare di più. A Shanghai, ho avuto alcuni muscoli estremamente doloranti. Qui a Londra, ero fisicamente migliore. Ciò significa che devo giocare abbastanza per ottenere il ritmo. E devo raggiungere il limite massimo in allenamento“.

Lo svizzero ha poi parlato dei commenti nei suoi confronti a volte eccessivi, come chi lo definì una “esperienza religiosa: “Forse è leggermente esageratoMa nello sport è così, non ci sono limiti. Sembra che la gente veda cose mai fatte prima. Quando ricevo tanti complimenti mi sento estasiato ed è come se avessi un feeling speciale con il mondo intero. A volte però, hai anche la sensazione che tutto sia nero, come quando non giochi bene. Diciamo che ho vissuto entrambe le situazioni, ed è per questo che non ho problemi ad accettare le critiche, fa parte del gioco. Sono stati scritti alcuni pezzi incredibili su di me, sul tennis e su altri giocatori, è interessante leggerli. A volte chi parla di me esagera un po’, ma ognuno può giudicare come vuole”, ha risposto Roger.

 


Nessun Commento per “FEDERER: "POTREI GIOCARE MOLTI PIU' TORNEI NEL 2019"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.