FEDERER: “IL MIO GIOCO NON PUÒ CHE MIGLIORARE”

Dopo l’esordio tra ombre e luci a Halle, Federer si appresta ad affrontare Tsonga per la prima volta dal 2016

Tennis. Roger Federer ha bagnato il proprio esordio sull’amata erba di Halle, dove va a caccia del decimo titolo assoluto. Pur non offrendo una prestazione impeccabile, il venti volte campione Slam ha chiuso in due set contro John Millman.

Sono veramente felice di aver vinto questo primo turno” ha dichiarato Federer in conferenza stampa. “Negli anni passati avevo sempre giocato a Stoccarda prima di Halle, quindi quello di oggi era il mio primo incontro sull’erba.

Penso sempre che non conti molto il modo in cui vinci all’inizio, la cosa importante è andare avanti perché il match successivo sarà sempre diverso. Inoltre sapevo che sarebbe stato un esordio difficile perché Millman mi aveva battuto allo US Open. 

Per fortuna non ero troppo nervoso. Avevo un piano di gioco chiaro, sapevo che per lui sarebbe stato difficile comandare dalla linea di fondo campo. Tutto sommato ci sono stati buoni momenti, buone cose. E da adesso in poi il mio gioco non può che migliorare. Quindi sono fiducioso.”

Ad attenderlo Jo-Wilfried Tsonga: “Sarà dura, ha un gioco potente ed è sempre interessante giocare con lui, ha uno dei dritti migliori degli ultimi vent’anni. L’ultima volta che abbiamo giocato su erba la ricordo bene, mi fa ancora molto male, perché ogni sconfitta a Wimbledon fa male.

Mi fa piacere vedere di nuovo Jo in salute. Lo conosco bene, ricordo che giocammo un’esibizione in Sud America diversi anni fa e abbiamo anche passato bei momenti fuori dal campo.”


Nessun Commento per “FEDERER: "IL MIO GIOCO NON PUÒ CHE MIGLIORARE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.