FEDERER, LE VITTORIE CON LJUBICIC E LE “CIFRE TONDE”

Roger Federer ripercorre alcune tappe importanti della carriera, fra cui i match col coach

Tennis. Federer dopo aver fatto 100 a Dubai ha ripercorso alcune delle tappe più importanti della sua carriera, curiosamente legate alla cifra tonda. E’ partito, in un’intervista su YouTube, dai match proprio contro il suo attuale coach Ljubicic.

Ricordo bene le finali contro Ivan. Abbiamo giocato molte partite ravvicinate in quel frangente, specialmente nelle finali. Mi vengono in mente Rotterdam e Doha sempre nello stesso anno. Mi dice sempre che sono stato molto fortunato. Ma scherza, almeno credo”, racconta lo svizzero.

Il 50° titolo arriva invece a Cincinnati nel 2007: “E’ uno dei miei tornei preferiti, ho sempre giocato molto bene lì, ci sono moltissimi fan che provengono dal Midwest. Ricordo la finale contro James Blake, fu davvero entusiasmante. Ho iniziato benissimo la partita servendo bene, mi sono preso una pausa nel secondo set ma alla fine sono riuscito a portarla a casa. È stato importante per me, soprattutto perché era l’ultimo appuntamento prima degli US Open.”

Il 75° trionfo nel 2012 contro Andy Murray a Wimbledon: “È stata una gioia incredibile perché quella vittoria mi ha riportato al numero 1 del mondo. È stato epico, c’erano anche le mie figlie durante la premiazione. La finale è stata difficile perché è iniziata all’aperto prima che venisse chiuso il tetto per via della pioggia. Giocai anche un’ottima semifinale contro Novak Djokovic quell’anno.”

Su quanto conti l’aspetto mentale in questo sport, l’elvetico ribadisce: Penso molto, penso che il tennis sia uno sport molto sfidante per la mente. Talvolta tendiamo a dimenticarci di questo aspetto, giocando match ad alta intensità. Cerchi di concentrarti solo sulla palla, pensi meno a cosa significherebbe vincere o perdere quel punto. A volte ci riesci, altre no. Credo che il giocatore migliore vinca, ma non sempre. Devi lottare con tutte le tue forze, perchè i margini si sono assottigliati nel tennis di oggi”.


Nessun Commento per “FEDERER, LE VITTORIE CON LJUBICIC E LE "CIFRE TONDE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.