FEDERER: “NON SAREI LO STESSO SENZA NADAL”

Roger Federer parla degli inizi del maiorchino, dalla timidezza alla crescita della sua personalità: due campioni che influiscono sulle reciproche carriere
venerdì, 6 Ottobre 2017

TENNIS – Non c’è Roger Federer senza Rafa Nadal, non c’è Rafa Nadal senza Roger Federer. La costante di oltre dieci anni di tennis non accenna ad affievolirsi, soprattutto dopo che i due più grandi rivali della racchetta maschile del terzo millennio hanno spodestato Djokovic e Murray dalle posizioni di supremazia. Lo svizzero, che ha cominciato la scalata prima del maiorchino, racconta la crescita di quella che è diventata la sua nemesi.

All’inizio era molto timido e rispettoso – spiega Roger – nutriva un vero sentimento di ammirazione nei confronti dei primi dieci, quindici giocatori del mondo. Io me ne sono reso conto perchè ero già in vetta al ranking e notavo il suo modo di approcciarsi ai tennisti di vertice, ma più passava il tempo e più cresceva la sua personalità e il suo peso all’interno del circuito. È stato interessante vederlo diventare il giocatore che è oggi“.

Federer e Nadal hanno dato vita a battaglie spettacolari sul campo, ultima la finale di Melbourne durante gli Australian Open 2017. Il campione elvetico rende omaggio al suo alter ego spagnolo: “Ci siamo scontrati sempre al massimo delle nostre forze, sul campo era una battaglia costante e non è mai stato facile imporsi l’uno sull’altro. Sarei bugiardo se dicessi che la sua presenza non è stata determinante nella mia carriera: ha rappresentato una motivazione extra e sarà per sempre il mio avversario per antonomasia, probabilmente grazie a lui ho vinto più di quanto potessi immaginare. Se non ci fosse stato, non sarei diventato quello che sono adesso“.

Nadal è tornato in campo per il China Open e si prepara a chiudere l’anno in vetta al ranking maschile, ma Federer non ha intenzione di mollare la presa. L’impressione è che anche il 2018 potrà raccontare un altro capitolo di una delle saghe tennistiche più avvincenti di tutti i tempi. Aspettando, ovviamente, il ritorno degli altri due componenti dei Fab Four.


Nessun Commento per “FEDERER: "NON SAREI LO STESSO SENZA NADAL"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.