FEDERER: “LA MIA STAGIONE E’ STORICA E POSITIVA”

L'analisi di Federer sulla stagione ufficialmente conclusa

Tennis. La sconfitta con Zverev nella semifinale di Londra sancisce la fine della stagione di Federer. Questo innanzitutto il commento sul match dello svizzero.

“Penso di non aver giocato i miei colpi per la maggior parte della garaSono riuscito a farlo solo nel finale, il che mi ha aiutato ad essere molto competitivo nell’ultima parte di match. Avrei potuto fare meglio nella risposta alla prima di servizio di Sascha, che mi ha messo in difficoltà specialmente all’inizio. Poi ho trovato più ritmo. Ovviamente prendere un break di vantaggio e restituirlo è stato una delusione. Mi ha un po’ ricordato il match con Nishikori. Sento di poter giocare meglio. Ma forse ha anche a che fare con il gioco di Sascha. Forse non ho spinto a sufficienza o non avevo abbastanza oggi per fare la differenza, ad essere onesti. Ho rincorso nel punteggio per la maggior parte del tempo”.

Sulla stagione conclusa e il giudizio che ne consegue, ecco il suo pensiero: “Sampras una volta disse ‘Se vinci uno Slam, è un’ottima stagione’. Dunque, la stagione è partita alla grande. Ho giocato davvero bene in Australia, di nuovo. Perciò non vedo l’ora di tornarci, tra un paio di mesiLa seconda parte di stagione sarebbe forse potuta andare meglio. Sono contento di essermi dato delle chanche di fare bene anche nella seconda parte dell’anno, ma forse ho perso un paio di match molto combattuti che avrebbero potuto cambiare un po’ le cosePenso a Parigi e a Wimbledon. Ora sono un po’ deluso, perchè credo fossi vicino a vincere. Essere vicino mi fa credere di poter continuare, di poter vincere ancora. Questo mi tira su, in qualche modo. Ma siccome so che avrei potuto vincere, sono anche deluso perchè punto in alto. Tutto sommato però sono felice di come si sia svolta la stagione. Ci sono molti aspetti positivi, ad essere onesto. Perciò sono molto entusiasta per il prossimo annoÈ stata una stagione storica in un certo senso. Sono tornato numero 1. Per me quello è stato un momento altissimo della mia vita e della mia carriera, perchè non pensavo che ci sarei più riuscito”.

 


Nessun Commento per “FEDERER: "LA MIA STAGIONE E' STORICA E POSITIVA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.