FELIX ALIASSIME, UN CAMPIONCINO DA RECORD

Centrando la qualificazione per il tabellone principale del challenger di Drummondville la scorsa settimana, questo 14enne canadese è diventato il primo giocatore nato nel nuovo millennio ad entrare nella classifica Atp
mercoledì, 25 Marzo 2015

TENNIS – Una storia di inusitata precocità. È quella che arriva da Drummondville, piccola cittadina del Quebec centrale, che la scorsa settimana ha ospitato il Challenger Banque Nationale. Un appuntamento teoricamente anonimo, uno dei tanti che ce ne sono nel calendario del circuito cadetto, ma che a suo modo, è diventato storico. Grazie alla qualificazione per il tabellone principale di questo torneo, ottenuta dal quattordicenne Felix Auger Aliassime, per la prima volta un giocatore nato dopo l’anno 2000 è entrato nel ranking Atp.

Il neo numero 1257 del mondo è nato a Montreal l’otto agosto 2000 e la scorsa settimana si è assicurato i primi punti Atp della sua carriera, superando nel tabellone di qualificazione il cinese Jack Lin, l’australiano, ex top 100 Chris Guccione e il campione dell’edizione 2011 Frits Wolmarans. Mai un giocatore così giovane era riuscito a qualificarsi per un torneo challenger e poco importa che poi l’esordio nel main draw non ci sia stato, a causa di uno strappo addominale, che ha costretto il giovane nordamericano a dare forfait, senza nemmeno scendere in campo per il suo incontro di primo turno.

È un ragazzo interessante questo giovane Felix, con la passione per la scienza, un arsenale di colpi davvero notevole e un approccio molto maturo al tennis. “Ovviamente so di dover migliorare tantissimo” ha dichiarato il giovane Aliassime al sito della Atp. “Ultimamente ho lavorato molto, insieme al mio coach, sul gioco di contrattacco e sui miei colpi difensivi. Sono consapevole del fatto che per avere successo è necessario possedere un gioco a tutto campo. Mi sto concentrando anche sulla risposta, un’arma che mi ha molto aiutato la scorsa settimana contro i grandi servitori che ho affrontato”.

Ha iniziato a giocare quando aveva quattro anni Felix, spinto da suo padre Sam, un allenatore di tennis. Con i suoi 178 cm di altezza, che sicuramente aumenteranno nel prossimo futuro, il giovane canadese è il classico giocatore potente, ma anche molto preciso e tatticamente preparato. Non ha un solo idolo tennistico Aliassime, cresciuto ammirando la “totalità” del gioco di Federer, la qualità della risposta di Djokovic e la potenza di Tsonga. Senza dimenticare, ovviamente, i suoi eroi connazionali Raonic e Pospisil, che hanno contribuito a creare, grazie alle loro imprese sul campo, una cultura tennistica importante in un paese con poca tradizione come il Canada. “È un’ispirazione vedere quello che stanno facendo Milos e Vasek nel circuito. È una cosa che mi spinge a credere di poterli imitare. So che Milos si è allenato in passato al National Tennis Center di Montreal come me ed è bello pensare che in questo momento io sto facendo quello che lui ha fatto pochi anni fa”.

Ora che è diventato il primo giocatore nato dopo il 2000 ad entrare nella classifica Atp, ovviamente le attenzioni su Feliz Aliassime aumenteranno esponenzialmente, ma vista l’età di questo giovane campioncino è ancora troppo presto per provare ad ipotizzare con cognizione un futuro da professionista. Certo, negli ultimi anni, sono stati ben pochi i giocatori capaci di raggiungere i suoi risultati così precocemente.

Nella foto, il giovane Felix Aliassime colpisce di diritto (www.itftennis.com)

 


Nessun Commento per “FELIX ALIASSIME, UN CAMPIONCINO DA RECORD”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.