FERRER: “CRISI POLITICA? LA SPAGNA È VIVA”

A margine della vittoria di Acapulco, il tennista spagnolo si avventura in una disamina sulla situazione politica del suo paese. Tanti i punti toccati, a partire dall'elogio dei suoi connazionali
martedì, 3 Marzo 2015

TENNIS – Che David Ferrer abbia già deciso cosa fare, una volta appesa la racchetta al chiodo? Difficile immaginare un lottatore come lui in giacca e cravatta, accomodato su una sedia. La conferenza postpartita dopo il successo ad Acapulco, però, dimostra che il vincitore del torneo è anche estremamente attento alle vicende politiche spagnole, attualmente molto dinamiche ed incisive in tutti gli strati della popolazione.

A margine della vittoria su Nishikori, il tennista iberico si è cimentato anche in una discussione di carattere sociale, incentivato dalle domande degli organi di stampa: “La crisi che sta colpendo diverse zone europee, nel mio caso particolare mi riferisco alla Spagna, accentua l’interesse politico dei cittadini. Tutti gli strati della popolazione si stanno mobilitando per comprendere il cambiamento socio-economico in atto, dimostrando di voler partecipare attivamente a quanto sta avvenendo. I miei connazionali sono diventati progressivamente sempre più attenti a queste vicende, la democrazia è più partecipata e la classe politica non può esercitare a proprio piacimento. Sono orgoglioso degli spagnoli“.

Stanno emergendo movimenti giovanili che tendono a scuotere i cittadini meno attivi: “Questa è un’ottima iniziativa – ha detto Ferrer perchè è necessario rendersi immediatamente conto di poter ricoprire un ruolo importante in ambito politico. Le difficoltà economiche della Spagna sono sotto gli occhi di tutti e io non sono immune, pur essendo in tour: quando torno dalla mia gente, vedo amici e conoscenti che fanno fatica a trovare una sistemazione salda dal punto di vista lavorativo. Questo mi sconvolge parecchio e spero che ci si possa mobilitare per migliorare la condizione sociale. Il mio è un mondo irreale“.

Infine, dopo l’excursus politico, si torna sui binari della vittoria contro Nishikori: “Sono molto contento per aver raggiunto quest’obiettivo, sia perchè sono molto affezionato al torneo di Acapulco sia perchè mi sono imposto contro un top ten consolidato come Kei. Lo ritengo un ottimo risultato e spero di poter continuare sulla stessa lunghezza d’onda anche nelle prossime settimane. Ho sentito l’incoraggiamento del pubblico, sono stati sette giorni fantastici“.


Nessun Commento per “FERRER: "CRISI POLITICA? LA SPAGNA È VIVA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • WTA: VIA A KUALA LUMPUR, ASPETTANDO ACAPULCO Il BMW Malaysian Open apre i battenti a Kuala Lumpur, nella notte al via anche Acapulco. Il primo resoconto dalla Malesia, poi dritti in Messico
  • WTA DOHA, FINALE SAFAROVA-AZARENKA Qatar, semifinali: la ceca supera agevolmente Carla Suarez-Navarro, la bielorussa si impone al terzo contro Venus Williams. Ad Acapulco, Maria Sharapova mette nel mirino la finale
  • NADAL ANDRÀ A INDIAN WELLS TENNIS- Rafael Nadal ha preso la sua decisione finale e parteciperà al torneo sul cemento di Indian Wells: “Il ginocchio sta bene, il mio cuore dice che devo continuare a giocare”.
  • RIO 2016, NADAL COSTRETTO ALLA DAVIS Rafa è chiamato a prender parte allo spareggio contro la Danimarca, se vorrà ottenere un pass per le Olimpiadi brasiliane del prossimo anno. Con lui, anche i suoi colleghi meno assidui […]
  • SPAGNA, DONNE MEGLIO DEGLI UOMINI ANCHE NEL 2016? Per un Nadal sotto le aspettative, una Muguruza in finale a Wimbledon. Inversione di tendenza nella penisola iberica, con una rappresentanza più competitiva in WTA rispetto all'ATP. […]
  • FEDERER AL ROLAND GARROS: “MI SIETE MANCATI” La gioia di Roger Federer dopo la vittoria nel match d'esordio a Parigi, davanti ad un pubblico che lo acclama dal primo all'ultimo scambio.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.