FINALE DAVIS, LA CARICA DEI 13 MILA: OUT IN 30 MINUTI

Folle corsa ai biglietti per la finale di Coppa Davis fra Belgio e Gran Bretagna: esauriti 13 mila tagliandi in 30 minuti
giovedì, 15 Ottobre 2015

Tra il 27 ed il 29 novembre, sulla terra rossa del Flanders Expo di Gand, Belgio e Gran Bretagna si sfideranno per la finalissima della Coppa Davis, ottenuta sorprendentemente da entrambe le compagini, non di certo partite coi favori del pronostico ad inizio stagione. Un evento tanto epocale da veder esauriti i 13 mila biglietti messi a disposizione in meno di 30 minuti.

Lamentele forti soprattutto da parte dei sostenitori ospiti, i quali sono riusciti ad acquistare solo 3 mila biglietti, anche a causa di un improvviso aumento dei prezzi, quasi 40 volte più di quello iniziale. Sarà dunque una finale a forte connotazione casalinga, con il Belgio che sulla carta parte sfavorito contro la Gran Bretagna, o sarebbe meglio dire contro Andy Murray, capace di trascinare da solo fra singolari e doppio una squadra intera.

Non è una finale inedita: caso vuole che l’unica altra occasione in cui i fiamminghi sono giunti all’ultimo atto, ben 111 anni fa, fosse proprio contro la Gran Bretagna, all’epoca nota con il nome di British Isles. Per quanto concerne i britannici invece, è un ritorno in finale dopo ben 37 anni: allora incassarono un pesante ko per 4-1 dagli Stati Uniti. Questa è l’unica finale del Regno Unito dal secondo dopoguerra, fino ad allora il palmareis vedeva questi ultimi fra i più titolai con ben 8 titoli e svariate finali disputate.

Alla Gran Bretagna la Coppa Davis manca dal 1936: ecco dunque che Andy Murray, dopo aver sfatato il tabù di un britannico vittorioso sull’erba regina di Wimbledon, è chiamato ad una nuova grande impresa.


Nessun Commento per “FINALE DAVIS, LA CARICA DEI 13 MILA: OUT IN 30 MINUTI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.