FINALE DAVIS CUP: ANCORA RUGGINI TRA WAWRINKA E BENNETEAU

Tra discussioni di ogni tipo e una finale molto tesa, Svizzera e Francia sembrano ancora non aver del tutto sotterrato l'ascia di guerra
mercoledì, 26 Novembre 2014

Tennis. Dopo il campo, ecco che arrivano le discussioni post-finale ad alimentare ulteriori dissapori tra Svizzera e Francia. Il tutto era cominciato con Gilles Simon, il quale aveva rilasciato delle dichiarazioni ben ragionate al fine probabilmente di mettere un po’ di pressione su Federer e compagni, e se non bastavano da sole queste voci esterne, era arrivato il “Crybaby” di Mirka Federer a Stanislas Wawrinka, battuto alle Finals da suo marito.

Il terreno di gioco, con la sua estremamente suggestiva cornice, ha successivamente dato alla storia il suo verdetto, con la Svizzera dei numero 2 e 4 del mondo che si sono presi la prima Coppa Davis della storia rosso-crociata.

Neanche il tempo per celebrare il tutto in via ufficiale che Stan Wawrinka e Julien Benneteau, avversari in campo nel corso del doppio, si sono ritrovati fuori da un bagno in occasione della cena di fine manifestazione, con il francese che si sarebbe mostrato infastidito a causa delle dichiarazioni dell’elvetico durante la finale.

Wawrinka, dopo la vittoria ai danni di Tsonga nel weekend della finale, aveva dapprima dichiarato di non essere il numero 4 del mondo per un caso, e successivamente, immediatamente dopo al punto del 3-1 che ha consegnato di fatto la vittoria al team capitanato da Severin Luthi, che le bottiglie necessarie per i festeggiamenti erano state messe nello spogliatoio della Francia e che erano state spostate in tutta fretta.

Al chiarimento a quattr’occhi si sono aggiunti successivamente Gilles Simon, Jo-Wilfried Tsonga e Richard Gasquet, oltre a due membri dello staff francese, con lo stesso Benneteau che ha tenuto a chiarire che i toni non si sono alzati durante la diatriba, ma che le proprie ragioni erano state esposte in modo chiaro e deciso, con Wawrinka che, in seguito alla ulteriore mediazione dell’amico Gael Monfils, si sarebbe certamente scusato sostenendo di non aver mai avuto intenzione di offendere o ferire i propri avversari.

Tutto risolto, dunque, o quantomeno tornato alla tranquillità. Fino al prossimo rientro in campo.


Nessun Commento per “FINALE DAVIS CUP: ANCORA RUGGINI TRA WAWRINKA E BENNETEAU”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.