FINALE FED CUP: COPPA AGLI USA, BIELORUSSIA BATTUTA 3-2

Diciottesimo titolo di Fed Cup per il team USA che a Minsk vince 3-2 con il doppio decisivo diShelby Rogers e CoCo Vandeweghe.
lunedì, 13 Novembre 2017

 

TENNIS – La Fed Cup torna negli USA dopo 17 anni. Merito di tutto il team, ma sul veloce indoor della Chizhovka Arena di Minsk l’eroina è CoCo Vandeweghe: in finale la n.10 del mondo è risultata determinante con 3 vittorie superando Aryna Sabalenka ed Aliaksandra Sasnovich prima in singolare e poi in doppio con Shelby Rogers per 6-3 7-6(3).

Annata straordinaria di CoCo Vandeweghe, la 25enne di New York quest’anno è riuscita a vincere tutti i match disputati in Fed Cup (12esima vittoria consecutiva) ed è così diventata la terza giocatrice dopo Myskina e Dementieva a portare 3 punti alla propria nazione in una finale di Fed Cup. Buona la prestazione della Rogers in doppio, mentre Sloane Stephens ha deluso in entrambi i singolari disputati. Escono a testa alta le bielorusse, orfane della Azarenka ma capaci prima di arrivare in finale e poi di portare la nazionale Usa al doppio decisivo. Con una Sabalenka in questo stato e con un’Azarenka in più magari l’anno prossimo potrebbero regalarsi un’altra finale in Fed Cup.

C. Vandeweghe b. A. Sabalenka 7-6(5) 6-1

In uno scontro inedito, è la Vandeweghe ad avere la meglio fra le numero 1 delle rispettive nazioni. Dopo aver salvato una palla break nel terzo game la Sabalenka ha una chance importantissima nel decimo game ma non riesce a convertire la palla break, cedendo invece il servizio nell’undicesimo gioco. La Vandeweghe si ritrova a servire per il set ma subisce il ritorno di fiamma della bielorussa che porta il 1° set al tiebreak. La Sabalenka si porta avanti 4-1 nel tie, ma da quel momento subisce un parziale di 5 giochi consecutivi trovandosi costretta a salvare un set point, ma cede definitivamente per 7-5. Nel secondo set la padrona di casa è in balia dell’avversaria che vola sul 5-0 e chiude agevolmente il secondo set per 6-1.

A. Sasnovich b. S. Stephens 4-6 6-1 8-6

Match per cuori forti. La Stephens si porta 2-1 e servizio ma spesso riesce a fatica a tenere il proprio turno di battuta. Nel 4° gioco salva una palla break e nell’ottavo, lottatissimo, game deve salvarne altre 4 prima di chiudere 6-3. Nel secondo set la Sasnovich si trova subito dietro 15-40 nel primo turno di battuta ma riesce ad infilare una striscia di 5 giochi consecutivi alla statunitense che viene piegata 6-1 in 35 minuti di gioco. Nel terzo e decisivo set si va avanti “tranquillamente” fino al 5° game, dove la bielorussa perde il servizio, la Stephens va a servire per il match e per chiudere la manifestazione, ma il cuore della padrona di casa ha la meglio, trovando il break e portando il punteggio sul 5-5. In un’altalena di emozioni, si assiste ancora ad una serie di break e contro break che vede uscire vincitrice la Sasnovich per 8-6 nell’ultimo set.

S. Rogers/C. Vandeweghe b. A. Sabalenka/A. Sasnovich 6-3 7-6(3)

Nel match decisivo per l’assegnazione del trofeo, il team bielorusso riesce a tenere il match in parità fino al sesto game, prima di subire il doppio break che assegna il primo set alla squadra statunitense. Nel secondo set le padrone di casa riescono a portarsi avanti 5-2 e servizio, ma subiscono la controffensiva delle americane che dopo aver salvato 2 set point raggiugono il 5-5 e cedono nuovamente il break. Le bielorusse tornano così a servire per il set per la terza volta, ma sono costrette al tiebreak dove i minibreak del 4-2 e del 6-3 risultano fatali. Gli Usa portano a casa il 18esimo titolo in Fed Cup.


Nessun Commento per “FINALE FED CUP: COPPA AGLI USA, BIELORUSSIA BATTUTA 3-2”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.