FINALE FEMMINILE: AZARENKA SFIDA LI NA

Va in scena domani a Melbourne la finale di singolare femminile: a contendersi il trofeo Azarenka e Li Na. La bielorussa si è aggiudicata gli ultimi 4 match giocati contro la cinese, che però arriva all'atto conclusivo forte della grande prestazione fornita in semifinale. Chi avrà la meglio?
venerdì, 25 Gennaio 2013

Tennis. È tutto pronto a Melbourne per la finale di singolare femminile. A contendersi la vittoria saranno Victoria Azarenka, numero 1 del tabellone, e Li Na, numero 6. Favorita d’obbligo – quantomeno sulla carta – la 23enne bielorussa, regina del ranking e detentrice del titolo; tuttavia non sono da sottovalutare le possibilità di vittoria di Li Na, giunta all’atto conclusivo dello Slam australiano sbarazzandosi prima di Agnieszka Radwanska (fin lì imbattuta in questo inizio 2013) e poi, soprattutto, di Maria Sharapova, regolata come se nulla fosse con un doppio, perentorio 6-2. Anche Vika si è fatta strada senza faticare più del dovuto, eccezion fatta per gli ultimi giochi della semifinale disputata contro la giovane Sloane Stephens, quando ha dovuto far fronte a una violenta quanto paralizzante  “crisi di panico” manifestatasi d’improvviso che l’ha costretta a interrompere il gioco per sbloccare una costola-incrinata-che-le-causava-problemi-alla-schiena-che-le-procurava-problemi-respiratori-da-cui-la-crisi-di-panico (?). Uno spettacolo non esattamente edificante. Quel che è certo è che si poteva scegliere un altro momento per interrompere il gioco e che la regola sull’utilizzo del medical timeout probabilmente andrebbe rivista, lasciando minor margine di discrezionalità.

Detto ciò, archiviamo quanto successo nelle semifinali proiettando il nostro sguardo su quanto accadrà domani sulla Rod Laver Arena, quando, non prima delle 19:30 locali (le 09:30 qui in Italia), le due tenniste scenderanno in campo. Azarenka ha un record di 27-6 qui a Melbourne e si presenta ai nastri di partenza, come già detto, con i favori del pronostico. Lo scorso anno ha eliminato Radwanska e Clijsters prima di aggiudicarsi il suo primo titolo dello Slam spazzando via Maria Sharapova in finale con un mortificante 6-3, 6-0. Domani la bielorussa va quindi a caccia del suo secondo Major; così come Li Na, vincitrice del Roland Garros nel 2011. La cinese non è alla sua prima finale australiana. Sempre nel 2011, infatti, si issò fino all’atto conclusivo del primo Slam dell’anno per poi cedere in tre set contro Kim Clijsters. La numero 6 del tabellone, inoltre, vanta ben 3 apparizioni in semifinale negli ultimi 4 anni qui a Melbourne, con un invidiabile record di 27-7.

Head-to-head Gli head-to-head vedono in vantaggio Vika per 5-4. Le due si sono già affrontate sui campi dell’Open australiano nel 2011, quando Li Na estromise dal torneo l’allora numero 8 del tabellone nel quarto turno con un doppio 6-3. Gli altri precedenti si sono giocati quasi sempre sul cemento – 7 occasioni su 9 -, eccezion fatta per due match disputatisi sulla terra. Azarenka si è imposta nelle ultime 4 occasioni: ai WTA Championships nel 2011 e nel 2012, a Sydney e a Madrid lo scorso anno.

Statistiche La bielorussa arriva in finale con una media del 68% di prime palle vincenti e 12 aces realizzati; Li Na col 65% e 16 aces. Il discorso cambia analizzando le percentuali sulle seconde: Li Na vanta il 52% di seconde vincenti e 16 doppi falli, Azarenka il 49% e ben 28 doppi falli. Interessanti anche le medie sugli errori non forzati. 22.2 errori a partita per la bielorussa, 27 per la cinese.

Domani probabilmente numeri e statistiche conteranno relativamente. Appassionati e addetti ai lavori si augurano di assistere a una bella partita, possibilmente spettacolare e – perché no? – scevra da interruzioni. 

 


Nessun Commento per “FINALE FEMMINILE: AZARENKA SFIDA LI NA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.