FINALE FRANCESE AD AUCKLAND, RUBLEV NON SI FERMA AD ADELAIDE

Benoit Paire e Ugo Humbert si giocheranno il titolo del torneo neozelandese, il russo sfiderà Harris in Australia
venerdì, 17 Gennaio 2020

TENNIS – Sarà un “derby” tutto transalpino ad assegnare il titolo del torneo Atp 250 di Auckland. Sul veloce della città neozelandese infatti sono stati Benoit Paire e Ugo Humbert a qualificarsi per la finalissima, al termine di due semifinali che non hanno mancato di riservare alcune sorprese.

HUMBERT

La più grande naturalmente è stata proprio la vittoria del giovane talento francese Ugo Humbert, capace nella prima semifinale di giornata di battere 7-6 6-4 il numero 4 del seeding John Isner. Dopo un primo set equilibratissimo nel quale non si è materializzata alcuna palla break, Humbert è stato bravo a sfruttare le chance avute nel successivo tie-break, portandolo a casa 7 punti a 5 tra gli applausi del pubblico del centrale. E all’inizio della seconda frazione il francese è riuscito a strappare subito il servizio a Isner, per poi gestire alla perfezione i successivi turni di battuta fino al definitivo 6-4 che gli ha spalancato le porte della finale.

PAIRE

Ancora più combattuta invece è stata la qualificazione di Benoit Paire, che nella seconda semifinale ha dovuto fare i conti con un Hubert Hurkacz molto centrato sulla palla e determinato a rendergli la vita molto difficile. Il francese si è imposto 6-4 6-7 6-2, e il merito più grande che ha avuto è stato quello di non perdere la testa dopo aver ceduto il tie-break del secondo parziale. Nel terzo e decisivo set infatti Paire ha ripreso a comandare da fondo campo e dopo il break e contro-break del secondo e terzo game ha preso letteralmente il largo, fino al netto e definitivo 6-2 con il quale ha messo in tasca la vittoria.

ADELAIDE

Spostandoci infine al torneo Atp 250 di Adelaide, a giocarsi il titolo saranno Andrey Rublev e Lloyd Harris. Il russo, fresco vincitore del torneo di Doha, ha conquistato la seconda finale consecutiva del 2020 battendo Felix Auger-Aliassime 7-6 6-7 6-4, al termine di una sfida molto tirata e combattuta nella quale ha dovuto tirare fuori tutto il suo talento. Nel primo set c’è stato subito grande equilibrio, ma nel tie-break è stato Rublev a trovare il modo di spuntarla (7 punti a 5), non senza qualche brivido dopo aver visto il suo avversario rimontare momentaneamente da 1-4 a 5-5. Nel secondo parziale invece entrambi i giocatori sono stati costretti a salvare ben cinque palle break, e nel successivo tie-break Rublev ha avuto anche un match-point sul 7-6 in suo favore, ma Auger-Aliassime ha trovato la forza di reagire e di aggiudicarsi la frazione in rimonta 9 punti a 7.

La sfida quindi è approdata al terzo e decisivo set, e il canadese è salito subito sul 2-0 conquistando il primo break dell’intero incontro, ma Rublev ha saputo reagire recuperando prontamente sul 3-3. Il russo poi ha spinto ulteriormente sull’acceleratore strappando nuovamente il servizio al suo avversario nel nono game, e dopo il cambio di campo ha messo in tasca la vittoria sul definitivo 6-4. Ora quindi, per il titolo del torneo di Adelaide, se la vedrà con il 22enne sudafricano Lloyd Harris, che ha battuto il coetaneo statunitense Tommy Paul in tre set (6-4 6-7 6-3 il punteggio finale), al termine di un incontro comunque molto equilibrato.

(Nella foto Benoit Paire – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “FINALE FRANCESE AD AUCKLAND, RUBLEV NON SI FERMA AD ADELAIDE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.