FINALS, SI PARTE: COSA ASPETTARSI?

A Singapore è tempo di Finals, si affrontano le otto migliori giocatrici della WTA. In un momento di equilibrio al vertice femminile, chi può spuntarla?

TENNIS – Muguruza contro Halep, ma non solo. In un momento così equilibrato ed incerto in vetta al ranking del circuito femminile, ridurre le Finals ad un testa a testa significherebbe lasciar fuori un ovvio fattore sorpresa. Singapore indossa l’abito da sera per l’ultimo appuntamento della stagione rosa, con la bivalente ipotesi di eleggere una regina in grado di dare stabilità alle gerarchie o premiare una outsider che continui a scombinare i piani.

La formula è sempre la stessa: due gironi all’italiana con due qualificate per ogni raggruppamento, semifinali e finale. Il primo gruppo è quello più complicato, con le principali sfidanti a tener testa a quella che, per motivi di classifica, è la prima della classe. Nel secondo, invece, c’è proprio la numero uno, con una serie di possibili sorprese in grado di poter rovesciare l’andamento del girone prima e delle fasi ad eliminazione diretta poi.

Gruppo A: è quello di Garbine Muguruza e Karolina Pliskova, ma anche di Venus Williams e Jelena Ostapenko. C’è il rischio di creare un solco tra le qualificate e le eliminate, ma anche di fare parecchio rumore nel caso in cui le due favorite non riescano a centrare l’obiettivo minimo del passaggio del turno. È anche il girone che parte per primo, con l’esordio nella giornata di domani nei due match della mattina.

Gruppo B: è quello di Simona Halep, fresca numero uno della classifica mondiale, oltre che della Race to Singapore. Ovviamente, la pressione per la gerarchia e il peso di essere arrivata in vetta senza aver mai vinto uno Slam rende molto scomoda e precaria la sua posizione attuale, ma deve trovare le risorse per non finire nella morsa di altri tre spauracchi non da poco. Con lei, infatti, ci sono Elina Svitolina, Caroline Garcia e Caroline Wozniacki.

Domani, quindi, si parte alle 11:00 ore italiane con la sfida tra Karolina Pliskova e Venus Williams. Non prima delle 13:00, invece, sarà la volta del match tra Garbine Muguruza e Jelena Ostapenko. Per il Gruppo B bisognerà aspettare lunedì: Halep-Garcia ad aprire la tabella di marcia, Svitolina-Wozniacki a chiuderla.


Nessun Commento per “FINALS, SI PARTE: COSA ASPETTARSI?”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.