FOGNINI, BUONA LA PRIMA A UMAGO

Fabio Fognini supera Jiry Vesely ed approda al secondo turno del Croatia Open di Umago. Dalle qualificazioni, avanzano nel main draw in Croazia Trevisan e Fabbiano, mentre a Bastad stesso lo stesso risultato lo raggiunge Arnaboldi
lunedì, 20 Luglio 2015

TENNIS – In una prima giornata con soli due incontri di tabellone principale in programma, Fabio Fognini bagna con una bella vittoria il suo esordio al Konzum Croatia Open di Umago, torneo di categoria 250 che vide il ligure finalista perdente nell’edizione 2013 vinta da Tommy Robredo. Accreditato della quinta testa di serie, il numero 32 del mondo e due d’Italia ha superato un primo turno per nulla semplice contro il numero 44 della classifica mondiale Jiry Vesely, piegato per 6-4 6-4 in un’ora e mezzo di gioco circa. Fognini aveva vinto l’unico precedente con il ceco a febbraio, al torneo di Rio de Janeiro, ma quel ricordo imponeva a Fabio di fare attenzione, perché per superare il 23enne mancino Vesely, all’epoca l’italiano dovette rimontare un set di svantaggio ed annullare ben tre match point, consecutivi, nel tiebreak del secondo parziale.

Memore, probabilmente, anche di quell’esperienza, il ligure ha interpretato saggiamente l’incontro, giocando con l’asticella della concentrazione alta per quasi tutta la durata della partita. In avvio Fabio strappava subito il servizio al suo avversario, ma non sfruttava l’onda favorevole, facendosi controbrekkare immediatamente, prima di dover annullare anche due palle break per evitare di sprofondare sotto nel quarto gioco. Una volta scampato il pericolo, Fabio dimostrava di avere molte più armi del suo avversario, facendo valere una netta prevalenza sulla diagonale destra: colpo migliore di Fognini (il diritto), contro colpo migliore di Vesely (il rovescio). Al settimo gioco l’italiano trovava il break decisivo e dopo aver salvato una palla del nuovo controbreak riusciva a chiudere al decimo game. Nel secondo, la prevalenza del ligure veniva accentuata anche da un calo del ceco, travolto dalla costanza del tennis dell’italiano. In poco tempo Fabio volava avanti 4-1, con due break di vantaggio, che sembravano ipotecare la partita. Come spesso gli accade, il numero due d’Italia si rilassava un pochino e permetteva all’avversario di rientrare parzialmente, perdendo un turno di battuta. Problemi a chiudere l’incontro, Fabio li incontrava anche nell’ultimo game, con il servizio, ma dopo tre match point gettati al vento, Fognini chiudeva su una risposta sbagliata da Vesely, assicurandosi il secondo turno con il vincente tra Rosol e Dzumhur.

Nell’altro incontro di tabellone principale disputato, il naturalizzato britannico Bedene ha superato l’autoctono Delic per 6-4 6-3. Ben più interessanti i risultati maturati nel tabellone di qualificazione con Matteo Trevisan e Thomas Fabbiano, un tempo numero uno e due della classifica juniores, che hanno strappato il pass per il main draw. Per il 26enne fiorentino Trevisan, numero 451 delle classifiche mondiali quello che lo vedrà opposto all’altro italiano e toscano Lorenzi, sarà il primo incontro in assoluto nel circuito maggiore. La vittoria che gli ha regalato questa possibilità, Matteo l’ha colta contro l’argentino Facundo Bagnis, per 7-6(3) 1-6 6-1. Fabbiano invece, nella classifica mondiale occupa il gradino numero 209 e di partite nel circuito maggiore ne ha già disputate cinque, senza vincere mai. Ad Umago si è qualificato grazie al 6-3 6-4 rifilato a Maximo Gonzalez.

Due partite di primo turno si sono disputata anche allo Swedish Open di Bastad. A strappare il pass per il secondo step del torneo sono stati Benoit Paire (7-6 6-3 allo svedese Eriksson) ed il padrone di casa Christian Lindell, che ha ribaltato il pronostico superando per 6-2 3-6 6-4 il brasiliano Joao Souza. Anche dal torneo nel sud della Svezia, buone notizie per il tennis italiano sono arrivate dal tabellone cadetto. Andrea Arnaboldi ha infatti superato le qualificazioni, battendo nel turno decisivo il bielorusso Dubarenco per 7-6 6-3 e raggiungendo nel main draw il gigante toscano Luca Vanni, entrato grazie alla sua classifica ed atteso al primo turno dal vincitore del recente challenger di San Benedetto Albert Ramos. Per Arnaboldi invece l’avversario di primo turno risponde al nome di Jerzy Janowicz, testa di serie numero otto dello Swedish Open.


Nessun Commento per “FOGNINI, BUONA LA PRIMA A UMAGO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FOGNINI, VITTORIA IN RIMONTA A BASTAD Vittoria in tre set a Bastad, il ligure elimina il padrone di casa Ymer. Si gioca anche a Newport, ma soprattutto a Umag: domani c'è Cecchinato
  • BASTAD, FINALE ROBREDO-PAIRE Lo spagnolo e il francese si affronteranno domani per il titolo scandinavo, superati Zverev e Cuevas. Berre-Tomic e Karlovic-Mannarino a Bogotà, Sousa-Bautista e Monfils-Thiem in Croazia
  • BASTAD, FINALE FERRER-DOLGOPOLOV Lo spagnolo e l'ucraino si contenderanno il titolo di Bastad, in serata si conosceranno i finalisti a Umag e Newport
  • ATP, QUATTRO ITALIANI IN CAMPO Sonego e Bolelli a Bastad, Lorenzi e Travaglia a Umag. Il trittico della settimana ATP si completa a Newport. Il prospetto del martedì
  • BASTAD, BOLELLI AVANTI Il bolognese passa il turno a Bastad, Berrettini eliminato. Riflettori su Cecchinato a Umag, derby Johnson-Harrison a Newport. Il resoconto del mercoledì.
  • ATP EASTBOURNE E ANTALYA, FABBIANO E SONEGO SONO IN SEMIFINALE I due azzurri hanno battuto rispettivamente Gilles Simon e Adrien Mannarino. A Wimbledon invece Caruso e Arnaboldi centrano il tabellone principale dopo i rispettivi successi nel turno […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.