FOGNINI: “LA VITTORIA PIÙ BELLA”

Coppa Davis, finalmente quarti: la soddisfazione di Fabio Fognini e di tutto il team azzurro. Barazzutti: “I risultati stanno arrivando”. Seppi ancora deluso per la brutta sconfitta contro Cilic: “non è stata la prestazione che volevo”.
lunedì, 4 Febbraio 2013

Tennis. “La vittoria di oggi è tra i miei momenti più belli insieme a Parigi, lo scorso anno. E’ una grande soddisfazione perché è legata all’Italia, ha un peso diverso: in Coppa Davis si vince e si perde tutti insieme”.
Commenta così, Fabio Fognini, il match che ci ha regalato i quarti di finale in Coppa Davis, dopo un’attesa di 15 anni. Il genovese mette il sigillo sull’impresa italiana, chiudendo 4-6 6-4 6-4 6-4 una partita iniziata pendendo dalla parte del croato Ivan Dodig.
“Io sono il ‘pazzo Fogna’, sono così” dice Fabio. “Credo di aver giocato bene, mi sentivo in forma. Ho pagato un piccolo passaggio a vuoto nel terzo-quarto game, ma Ivan ha meritato. Comunque sono stato lì, come mi ha consigliato Corrado ho iniziato a giocare pesante per far muovere l’avversario. Nel secondo e nel terzo set è andata bene. Nel quarto Dodig è migliorato nel servizio, ma la chiave è stato il mio 40-0 sul 4 pari”.
Fognini, che ha saltato il primo match di singolare per colpa della febbre, non contiene emozione e soddisfazione: “è una soddisfazione che merito: sono venuto qui a Torino con tanta voglia, nonostante la delusione patita nei primi tornei dell’anno. Mi sentivo bene, ho trovato il giusto feeling con la terra rossa. Peccato non essere stato in campo contro Cilic. L’importante è che il capitano abbia gestito la situazione al meglio. Oggi” continua l’azzurro, “contava avere un grande cuore e, certo, anche la stanchezza dell’avversario

Anche il capitano Corrado Barazzutti non potrebbe essere più felice di come si è concluso questo primo turno: “Sono strafelice per i ragazzi. Giocatori forti, una vera squadra: l’hanno dimostrato. E’ un grande riconoscimento, un risultato ottimo per un gruppo che può ancora crescere molto. E sono contento anche per il nostro presidente: siamo partiti tanti anni fa, iniziando un percorso dove c’era molto da ricostruire. I risultati stanno arrivando. E’ un successo importante per tutto il movimento”.
Non risparmia i complimenti per il suo Fognini, in grado di regalarci il punto della vittoria nonostante le condizioni di salute non fossero state delle migliori: “ha vinto un super match. Non era facile entrare in campo sul 2-2, con il 50 per cento di probabilità, nelle sue condizioni. Ha dimostrato di avere un grande carattere e le qualità di un giocatore di Coppa Davis. Ora” aggiunge, “spero possa giocare tutte le settimane ad alto livello. Dal match di oggi, sono sicuro, esce più forte e più fiducioso. Ha superato una grande prova di carattere”.

Dall’altra parte, Andreas Seppi rimane amareggiato per la partita deludente contro Marin Cilic: “non è stata la prestazione che volevo” , dice l’azzurro, che avrebbe potuto porre fine all’attesa italiana prima del match di Fognini.
Va dato merito a Marin” spiega, “Ha servito molto bene, anche nello scambio teneva la palla molto profonda e io non riuscivo a venirne fuori. Ho giocato un po’ sotto il mio livello non ho servito bene come nel primo match. E questo gli ha regalato tranquillità nel suo servizio.”.

“Negli ultimi giorni ho avuto problemi intestinali”
continua Andreas, spiegando i motivi della sconfitta contro il croato. “Ho mangiato poco: mi sentivo un po’ in debito di energie. Non mi sentivo bene come il primo giorno. Ma oggi” precisa, “sarebbe stata dura anche se fossi stato al top”.
L’altoatesino non ha gestito al meglio la pressione del punto decisivo, ha rischiato poco con i colpi ed è rimasto troppo in balia dell’avversario: “La pressione c’era, e  penso che sia normale. L’ha gestita meglio Cilic. Nei momenti importanti io non sono riuscito a far emergere il mio miglior tennis. Delusione? Ho giocato sotto il mio livello, non posso certo essere contento di perdere 3-0 in questo modo”.


Nessun Commento per “FOGNINI: “LA VITTORIA PIÙ BELLA””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • LORENZI: “STANCHEZZA ED EMOZIONE” Le dichiarazioni degli italiani dopo la prima giornata del week end di Davis. Seppi: “Sono stato bravo a rimanere aggressivo”. Soddisfatto il capitano Barazzutti: “Tutto secondo pronostico”.
  • COPPA DAVIS, CONTRO LA CROAZIA MISSIONE POSSIBILE Annunciati i convocati per il primo turno del World Group: sono Seppi, Fognini, Lorenzi e Bolelli. Per la Croazia Cilic, Dodig, Veic e Pavic. I quarti sono un traguardo raggiungibile.
  • CONTRO LA CROAZIA PER RISORGERE Non vinciamo una partita nel World Group dal 1998, dal 2000 ne siamo usciti e ci sono voluti 12 anni per risalire. Contro i croati possiamo farcela. E proseguire la corsa verso la […]
  • APRE FOGNINI-CILIC, O FORSE NO Arriva la Coppa Davis. Siamo alla vigilia dell’incontro di primo turno del World Group tra Italia e Croazia. Fognini sarà il primo a scendere in campo ma è febbricitante e la sua presenza […]
  • FOGNINI CI REGALA I QUARTI DI FINALE Coppa Davis: Fabio Fognini batte Ivan Dodig in quattro set, dopo averne recuperato uno di svantaggio e regala all'Italia il terzo decisivo punto del tie, che ci permette di battere la […]
  • COPPA DAVIS: PER L’ITALIA C’È LA CROAZIA Sarà la Croazia di Marin Cilic e Ivo Karlovic l'avversaria dell'Italia nel primo turno del Gruppo Mondiale della Coppa Davis 2013. Ci è andata bene, perchè si tratta di una formazione alla […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.